#Sanremo2016: vincono gli Stadio, 2a Michielin, terzi Caccamo/Iurato

Ospiti speciali della finale: Roberto Bolle, Cristina D'Avena e Renato Zero.

#Sanremo2016: vincono gli Stadio, 2a Michielin, terzi Caccamo/Iurato - sanremo 2016 finale stadio michielin caccamo iurato - Gay.it
3 min. di lettura

Gli Stadio hanno vinto il 66^ Festival di Sanremo con la loro “Un Giorno Mi Dirai, seconda classificata Francesca Michielin con la bellissima “Nessun Grado Di Separazione e terza “Via Da Qui” di Giovanni Caccamo e Deborah Iurato.

E’ vero: la vittoria degli Stadio non sarà sembrata il trionfo vero e proprio di #SanremoARCOBALENO, dato che essi sono stati proprio fra i (soli) 4 artisti a non aver esposto nessun simbolo arcobaleno durante le 5 serate della kermesse, però ci sentiamo super positivi nel dirvi che un trionfo lo è stato, eccome! E se non bastasse, sono gli stessi Stadio a mettere i puntini sulle i: “la legge sulle unioni civili deve essere approvata il più presto possibile”, ha dichiarato il loro leader, Gaetano Curreri, rintuzzando Mario Adinolfi.

Come facciamo a non pensare a quanti artisti, conduttori, ospiti, fotografi, giornalisti, pubblico, direttori d’orchestra ecc che, invece, hanno sostenuto la nostra iniziativa? E nei modi più personali e disparati, con vera passione!

Un’iniziativa di grandissimo successo, che ha proclamato Sanremo 2016 il Sanremo più gay friendly della storia, dove non si è parlato altro che dell’impegno sociale verso le unioni civili oltre che all’ottima musica di quest’edizione.

Ma veniamo alla serata. La finale di Sanremo 2016 è iniziata col vincitore di Sanremo Giovani, Francesco Gabbani (di nuovo rainbow), esibirsi con la sua pluripremiata e travolgente “Amen!“, già candidata a diventare una hit, per poi regalarci il talento e la simpatia di Roberto Bolle, prima esibitosi in un pezzo di danza sulle note dei Queen, sfoggiando un braccialetto rainbow (!), e poi in un divertente e buffo balletto sulle notte de “La Notte Volacon Virginia Raffaele.

Una Virginia Raffaele che si è presentata come sè stessa, per la prima volta, e non ha deluso: divertentissima e bellissima al naturale, che di tanto in tanto ha sfoderato qualche suo cavallo di battaglia, dai balbettii alle telefonate disturbati passando per Ornella Vanoni. E cosa dire del suo primo abito? Un abito meraviglioso, con spacco vertiginoso, e bottoni rainbow su tutte le cuciture! Uno spettacolo.

Uno spettacolo è stata anche la seconda ospite, la fantastica Cristina D’Avena! La cantante più amata da tutti i bambini, e i bambini che eravamo, si esibisce in un medley a richiesta e sfoggia un microfono rainbow per la nostra gioia.

Ma la serata doveva ancora raggiungere il suo massimo picco, l’ospite più atteso, Renato Zero. Il cantante si è esibito in due medley differenti, il primo più riflessivo e il secondo più provocatorio, con le sue più belle canzoni di sempre, per poi lanciarsi in un discorso un pò ermetico, che ha lasciato il web ad interrogarsi sul suo significato. Metà pubblico lo difende, dicendo che ogni metafora usata era rivolta a favore delle unioni civili, mentre l’altra metà di persone ritiene che il cantante abbia preso una posizione non troppo positiva verso l’importante causa, sostenuta dal fatto che Renato Zero non ha indossato nessun simbolo rainbow, come gli altri artisti a favore di #SanremoARCOBALENO. Lasciamo giudicare voi, con uno dei suoi video della sua (lunga) apparizione al Festival.


Fra gli ospiti c’è stato anche Guglielmo Scilla, meglio conosciuto dal popolo del web col nome di Willwoosh, (un gran bel ragazzo!) che ha presentato la sua nuova fiction per Raiuno e ha sfoggiato un braccialetto rainbow anche lui!

Un’edizione importantissima per la comunità LGBT, seguitissima in tutte le sue serate, che  ci ha regalato belle emozioni…e divertentissimi tweets! Come sempre, insomma.

Buona visione con la gallery dei momenti più “rainbow” della finale di Sanremo 2016 e grazie ancora a tutti quelli che hanno partecipato a #SanremoARCOBALENO, a Sanremo e sui social network!

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24

Leggere fa bene

Virginia Raffaele e il bellissimo monologo contro l’omobitransfobia a Colpo di Luna - VIDEO - Paula Gilberta Do Mar - Gay.it

Virginia Raffaele e il bellissimo monologo contro l’omobitransfobia a Colpo di Luna – VIDEO

Culture - Redazione 22.1.24
Colpo di Luna, il nuovo varietà Rai di Virginia Raffaele. Ecco il primo spot tv - Virginia Raffaele - Gay.it

Colpo di Luna, il nuovo varietà Rai di Virginia Raffaele. Ecco il primo spot tv

Culture - Redazione 28.12.23
Virginia Raffaele e il meraviglioso monologo sull'amore tra Camillo e Karim, minacciati dall'odio sociale - Virginia Raffaele e il meraviglioso monologo sullamore tra Camillo e Karim 1 - Gay.it

Virginia Raffaele e il meraviglioso monologo sull’amore tra Camillo e Karim, minacciati dall’odio sociale

Culture - Federico Boni 27.1.24