Sventola il tuo fetish

I master, gli slave, gli orsi, la gomma e la pelle. Ogni fetish ha la sua bandiera dedicata, diversa dal più famoso arcobaleno che siamo abituati a vedere sventolare ai Gay Pride.

Sventola il tuo fetish - banideregayBASE - Gay.it
4 min. di lettura

La settimana scorsa accetto un appuntamento al buio con una coppia di lesbiche. No, non è l’incipit di un racconto dell’orrore. Si tratta di due ragazze di New York. Loro sono qui per un tour d’Italy e un amico mi ha chiesto se voglio incontrarle per dar loro qualche dritta sulla città e siccome lui mi piace molto, per acquistare punteggio, accetto immediatamente.

Loro sono simpaticissime e indossare la toga e i calzari da Cicerone è per me un piacere inaspettato. Passeggiamo. Solite domande che fanno un po’ tutti gli stranieri: "Com’è la situazione dei gay in Italia?" Tragica. "Come mai avete Berlusconi al governo?" Cambio discorso per evitare un attacco di bile. "Ma non avete un quartiere gay?" Sto per sciorinare un trattato sociologico sulle motivazioni per le quali spesso per trovare un bar gay ti devi calare in cunicoli umidi e malsani quando una delle due L Word punta il dito verso un negozio di fronte a Santa Maria Maggiore ed esclama: "Una bandiera rainbow! Avete locali friendly anche davanti alle basiliche?!". Peccato non conoscano l’italiano e quindi non possano leggere che il negozio si chiama "La casa del rosario" e che quella che sventola è una più ecumenica bandiera della pace.

Sventola il tuo fetish - banideregayF1 - Gay.it

In effetti non ho mai capito bene la differenza tra il multicolorato simbolo del movimento gay e lo stendardo antiguerra. E pensare che circa 10 anni fa, durante il World Pride ebbi la fortuna di conoscere Gilbert Baker, il pittoresco artista californiano che più di 30 anni fa cucì le strisce di colore che poi divennero il simbolo delle lotte per i diritti omosessuali. Quando lo intervistai mi raccontò di come avesse tratto ispirazione dall’armonica fusione dei colori dell’arcobaleno che simboleggiavano il concetto di unità ma non ebbi il coraggio di chiedergli se si era accorto che questa assomigliava al limite del plagio alla Bandiera della Pace.

Ispirato quindi da questo episodio, la sera stessa, dopo aver salutato la coppia transoceanica, ho tirato giù dalla soffitta "Il grande libro delle domande gay" (manuale fondamentale nella vita di ogni omoricchione che va da come capire se l’altro è attivo o passivo alla descrizione dei passi della coreografia di Alejandro) e ho scoperto finalmente l’arcano: le bandiere sono in effetti identiche, salvo quella dell’orgoglio gay avere i colori invertiti (e ti pareva). Era il giugno del 1978, durante il Gay Pride di San Francisco, quando la Rainbow Flag fece la sua prima apparizione. All’inizio i colori erano otto: rosa – sessualità, rosso – vita, arancione – salute, giallo – luce del sole, verde – natura, turchese – magia, blu – serenità, viola – spirito.

Argomenti che oggi ci sembrano ingenui elementi usciti da un Trivial Pursuit versione sorelle Halliwell eppure perfettamente in sintonia con quelli che erano gli anni dell’impegno politico, della fantasia al potere, di Harvey Milk e della convinzione che si fosse ad un punto di svolta nella lotta per i diritti gay.

Quella giustapposizione un po’ naive, da fricchettoni figli dei fiori che farebbe venire gastriti ulcerose agli studenti di design della Marangoni di Milano ha dato poi spunto negli anni successivi a delle varianti, ognuna rappresentativa di altrettanti sottogruppi culturali della "variegata ed eclettica comunità omosex" (per dirla come un servizio di Lucignolo).

Sventola il tuo fetish - banideregayF2 - Gay.it

La "Leather Pride Flag", è il simbolo dei leather, che comprende tutti coloro che sono in qualche modo attratti dalla pelle, dal cuoio, Levi’s, SM, BD, uniformi, cowboys, gomma ed altri feticismi come seguire tutte le puntate di Forum. La bandiera è stata creata dall’artista Tony DeBlase. Mostrata per la prima volta nel 1989, venne salutata con 12 colpi di frustra a salve. Un’interpretazione vuole il cuore come simbolo dell’amore che proviamo, il nero per la pelle/cuoio, il blu per il denim e la banda bianca rappresenta la purezza che però voi mi dovete dire tra borchie, catene e piercing al glande che cosa c’entra.

Sventola il tuo fetish - banideregayF3 - Gay.it

La bandiera "Bear Pride Flag" creata da Sean Campbell nel 1995 è simbolo della comunità degli orsi. Gli elementi della bandiera sono l’impronta dell’orso (che fino a ieri credevo invece fosse una macchia di sugo all’amatriciana) e cinque colori che rappresentano le principali nuances dei peli già catalogati dalla paletta tinture di L’Oreal.

Sventola il tuo fetish - banideregayF5 - Gay.it

La bandiera "International Rubber Fetish" è stata creata nel 1994 come strumento per identificare ed unire uomini con la stessa passione verso la gomma. Il nero indica la libidine verso la gomma lucida. Il rosso: il sangue, il giallo: il piacere per gli intensi giochi in gomma e la modanatura a zig zag è il percorso che ha fatto il cervello dei creatori della bandiera per fornire questa descrizione.

Sventola il tuo fetish - banideregayF4 - Gay.it

Ma la mia preferita resta quella dedicata ai "Master&slave" che è stata mostrata nel luglio 2005 e realizzata dal master Tallen e dallo slave Andrew. Ora non so se la cosa sia voluta ma questo simbolo a me ricorda tanto quello di Emergency e non vorrei che fosse in realtà un grido di aiuto subliminale del povero Andrew stanco di andare in giro al guinzaglio come un chihuahua a fare lo schiavo per padron Tallen.

di Insy Loan ad alcuni meglio noto come Alessandro Michetti

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
Luca Guadagnino parla di Queer: "È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso" - luca guadagnino pesarofilmfest 60 22giu2024 ph luigi angelucci 010 - Gay.it

Luca Guadagnino parla di Queer: “È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso”

Cinema - Redazione 24.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24

Hai già letto
queste storie?

Re Giacomo I d'Inghilterra era davvero gay? La storia vera dietro la serie Mary & George - Mary and George - Gay.it

Re Giacomo I d’Inghilterra era davvero gay? La storia vera dietro la serie Mary & George

Serie Tv - Federico Boni 21.3.24
Grecia, l'Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: "Deplorevole, inaccettabile e antistorico" - Alessandro Magno - Gay.it

Grecia, l’Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: “Deplorevole, inaccettabile e antistorico”

Serie Tv - Redazione 21.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Giorgio Bozzo, autore di Le Radici dell'Orgoglio

Quell’orgoglio che ci rende più forti: intervista con Giorgio Bozzo (che riparte con Le radici dell’orgoglio)

Culture - Riccardo Conte 4.1.24
Omosessuali e Omocausto cancellati dal Ministero dell'Istruzione per la Giornata della Memoria - omocausto circolare ministero istruzione giornata memoria - Gay.it

Omosessuali e Omocausto cancellati dal Ministero dell’Istruzione per la Giornata della Memoria

News - Francesca Di Feo 25.1.24
Arrusi Pigneto Luana Rigolli

San Valentino, a Roma spuntano i ritratti degli arrusi, gli omosessuali confinati dal fascismo alle Isole Tremiti

Culture - Redazione Milano 14.2.24
Eldorado: l doc Netflix sul locale gay di Berlino frequentato da Ernst Röhm e dai nazisti

Gay e nazismo: la tolleranza della prima ora e l’omocausto

Culture - Lorenzo Ottanelli 26.1.24
Sandra Milo, Icona eternamente Libera - Sandra Milo fotografata da Leandro Manuel Emede per Sette Corriere - Gay.it

Sandra Milo, Icona eternamente Libera

Culture - Federico Boni 29.1.24