Maestro: la vera storia di Leonard Bernstein e Felicia Montealegre

In attesa del film di Bradley Cooper, ripercorriamo il matrimonio tra il compositore bisessuale e la donna che è rimasta al suo fianco.

ascolta:
0:00
-
0:00
Maestro (Netflix, 2023)
Maestro (Netflix, 2023)
3 min. di lettura

Il prossimo 20 Dicembre Maestro è disponibile su Netflix.

Il film di Bradley Cooper dopo la premiere al Festival di Venezia ’23, è pronto a diventare l’appuntamento cinematografico delle vostre feste natalizie, appena in tempo per gli Oscar 2024.

È la storia di Leonard Bernstein, più grande direttore d’orchestra di sempre e primo compositore americano a ricevere fama mondiale, raccontata attraverso lo sguardo di sua moglie, Felicia Montealegre (interpretata da Carey Mulligan), rimasta al suo fianco fino al 1978.

I due si incontrano per la prima volta il 5 Febbraio del 1947, ad una festa tenuta dal pianista cileno, Claudio Arrau, insegnante di Felicia.
All’epoca lui ha 28 anni, lei 23, ma l’ha già visto dirigere l’orchestra sul palco del New York City Center, pensando che prima o poi lo sposerà “Fu lì che ci innamorammo” avrebbe detto Bernstein, secondo la biografia Leonard Bernstein: The Infinite Variety of a Musician di Peter Gradenwitz.

Difatti, si fidanzano nel giro di qualche mese per poi lasciarsi subito poco dopo. Poi nel Gennaio del 1951, il nuovo compagno di Felicia, l’attore Richard Hart, muore per un’occlusione coronarica, e nell’Agosto dello stesso anno, lei torna insieme a Leonard, per poi sposarlo il mese successivo.

Hanno tre figli – Jamie, Alexander, e Nina Maria – e il matrimonio sembra andare a gonfie vele.

A Love Letter to Leonard Bernstein from Wife Felicia (Library of Congress)
A Love Letter to Leonard Bernstein from Wife Felicia (Library of Congress)

C’è solo un dettaglio: Leonard ama anche gli uomini. Ma Felicia questo già lo sa, glielo rende presente in una lettera scritta tra il 1951 or 1952. Chiam,a quel matrimonio ‘un macello’. ma è più comprensiva di quel che sembra: “Sei omosessuale e questo forse non cambierà mai scrive nella lettera – raccolta oggi nell’antologia The Leonard Bernstein Letters (2014) di Nigel Simeone. “Non ammetti la possibilità di una doppia vita, ma se la tua pace mentale, la tua salute e il tuo intero sistema nervoso dipendono da un certo pattern sessuale, cosa puoi farci?”

Felicia non dice a Leonard di non vedere altri uomini, e nemmeno acconsente a farsi mettere i piedi in testa. Al contrario, trova spazio per un sentimento che va ben oltre il rigido vincolo del matrimonio: “Sono disposta ad accettarti così come sei, senza fare la martire.. proviamo a vedere cosa succede se sei libero di fare quello che ti piace, ma senza senso di colpa o confessioni. Rilassiamoci nella consapevolezza che nessuno di noi due è perfetto e dimentichiamo di essere MARITO E MOGLIE a caratteri cubitali, non è così male“.

Certo, essere bisessuale per l’epoca non è proprio una passeggiata di salute: per Serge Koussevitzky, mentore di Bernstein, il matrimonio con Montealegre è l’unico modo per mettere a tacere ogni pettegolezzo sulla sua sessualità, mentre, come riportato nel New York Times, Leonard cerca di ‘correggersi’ attraverso terapie riparative. Nella speranza di riconciliarsi con quella ‘vita immaginaria’ che condivide con la moglie.

Come scrive Nigel Simeone il loro  matrimonio è ‘un segreto aperto’ e ‘contratto dalle insicurezze’, finché con l’inizio degli anni ’70 – insieme alla rivoluzione LGBTQIA+ di Stonewall – il ‘pacifico accordo’ inizia a sbarellare.

Proprio nel 1976 Leonard si innamora del musicista Tom Cothran (nel film interpretato da Gideon Click), e lascia Felicia per andare a vivere insieme a lui in California. Stando al libro Leonard Bernstein: An American Musician di Allen Shawn, Bernstein considera Tom il suo migliore amico e l’unico a comprendere davvero la sua musica. Felicia gli risponde che finirà per morire ‘vecchio e solo’.

Ma quando Felicia si ammala di cancro, Leonard torna a casa per restarle vicino fino all’ultimo minuto.

Lei morirà il 16 Giugno del 1976, lui nel 199 per un arresto cardiaco. Tutt’oggi sono sepolti vicini presso il Green-Wood Cemetery di Brooklyn.

Come racconta la figlia maggiore Jamie in un’intervista con PBS, il loro è stato molto più di un matrimonio: è stata un’amicizia fatta di passioni condivise, grandi risate, e interessi in comune. Leggevano gli stessi libri, andavano al teatro, e poi condividevano i loro pensieri l’uno con l’altro, coltivando un  legame che andava ben oltre la camera da letto.

Se l’estate non canta in te, niente canta in te. E se niente canta in te, non puoi fare musica” dice Felicia a Leonard nel trailer di Maestro. Nella vita vera, queste parole sono tratte dal sonetto Edna St. Vincent Millay, What Lips My Lips Have Kissed,  per cui Bernstein orchestrò una composizione un anno dopo la morte di Felicia. “L’estate canta ancora dentro di me” rispose durante un’intervista con Mike Wallace: “Non così spesso come una volta, ma certo che lo fa”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Olivia Rodrigo in bad idea right? (2023)

Olivia Rodrigo è la rockstar (e attivista) che meritiamo: il suo Guts Tour contro le leggi anti-aborto

Musica - Riccardo Conte 26.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24

Continua a leggere

Dopo Oliver - Good Grief, primo trailer italiano del dramedy con Dan Levy in lutto per la morte di suo marito Luke Evans - Good Grief n 00 10 58 04r - Gay.it

Dopo Oliver – Good Grief, primo trailer italiano del dramedy con Dan Levy in lutto per la morte di suo marito Luke Evans

Cinema - Redazione 7.12.23
@elliotpage

Elliot Page in Close To You: tra misgendering e scene a petto nudo

Cinema - Redazione Milano 12.9.23
saltburn elordi sperma keoghan

Saltburn, Jacob Elordi e la scena cult dello sperma: “Orgoglioso che Barry Keoghan …”

Cinema - Redazione 21.11.23
Jacob Elordi Frankestein Giullermo Del Toro

Jacob Elordi sarà Frankenstein nel 2024, cosa sappiamo del cult queer diretto da Guillermo Del Toro.

Cinema - Redazione Milano 8.1.24
troyesivan

Troye Sivan vuole essere una delle tue ragazze

Musica - Riccardo Conte 13.10.23
Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici - oscar lgbt 2024 - Gay.it

Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici

Cinema - Federico Boni 30.11.23
lady oscar genere non binario

Se oggi un millennial riguarda Lady Oscar, che fine fa quel buon padre che voleva un maschietto?

Culture - Emanuele Bero 28.11.23
Shawn Barber, addio al campione del mondo di salto con l'asta. Aveva solo 29 anni - Shawn Barber - Gay.it

Shawn Barber, addio al campione del mondo di salto con l’asta. Aveva solo 29 anni

Corpi - Redazione 19.1.24