Pose, la 2° stagione affronterà l’epidemia dell’AIDS di fine anni ’80 (sulle note di Vogue)

di

Madonna potrebbe fare la sua comparsa nella 2° stagione di Pose, che terminerà nel marzo del 1990, quando venne pubblicato "Vogue".

CONDIVIDI
61 Condivisioni Facebook 61 Twitter Google WhatsApp
1171 0

Ancora inedita in Italia, Pose di Ryan Murphy, Brad Falchuk e Steven Canals ha conquistato la critica e il pubblico americano, tanto da meritarsi una 2° stagione.

Una serie pionieristica, in ambito LGBT, per numero di attori omosessuali e attrici transgender, che Ryan ha definito ‘punto più alto’ della sua incredibile carriera. Nel corso di un panel durante il Television Critics Association, Murphy ha anticipato quel che vedremo in Pose 2, ambientato tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

“La seconda stagione inizierà nel 1989 e terminerà nel marzo del 1990, quando venne pubblicato “Vogue” di Madonna. Quella canzone ha trasformato la cultura pop in qualcosa di diverso, i cui echi si ascoltano ancora oggi. Sarà la stagione dei personaggi, dell’amore, e della presa di coscienza di un’intera comunità”.

Murphy ha rivelato di avere un buon rapporto con Madonna, che ha ottenuto il suo permesso per usare un paio di sue canzoni ma che non è ancora sicuro se apparirà nello show, anche solo per un cameo. Pose 2 prenderà vita un anno dopo quanto visto nel finale (buonista) della prima stagione, e si concentrerà sempre più sull’epidemia dell’AIDS che sconvolse l’America, e il mondo intero. I personaggi di Blanca (MJ Rodriguez) e Pray Tell (Billy Porter), sieropositivi, vivranno gli effetti dell’HIV.

“C’è la responsabilità di mostrare una verità fredda e dura, e penso che la vedremo nello show. Non abbiamo ancora iniziato a lavorarci, ma la seconda stagione sarà dedicata in parte alla loro esperienza”, ha concluso Ryan, a breve nuova penna Netflix per la cifra record di 300 milioni di dollari in 4 anni.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...