ORMONI PER IL PENE?

di

Un lettore ci chiede se esistano degli ormoni per ingrandire il pene così come ne esistono per ingrandire il seno. E la falloplastica?

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
23729 0

Salve…
mi facevo una domanda l’altroieri… come mai esistono ormoni per aumentare i seni e non per aumentare il pene?
Leggo di interventi chirurgici per l’aumento del pene, sono veritieri? Efficaci? È possibile con un intervento aumentare la lunghezza e la grossezza del pene? Ed è efficace? O dopo saprebbe di protesi?
Grazie.
Massimo.
Continua in seconda pagina^d
Caro Massimo,
La risposta è molto semplice: perché il seno è una ghiandola ed il pene no! Più precisamente il seno è una ghiandola esocrina (cioè che emette verso l’esterno il suo prodotto a differenza delle ghiandole endocrine, per es. la tiroide, che invece emettono all’interno del corpo i loro prodotti) che serve a produrre il latte dopo la gravidanza. Tutta la vita del seno è regolata dagli ormoni: è l’aumento degli estrogeni nelle bambine che fa crescere il seno al momento della pubertà (e sono sempre gli estrogeni che rendono turgido il seno durante le mestruazioni), è la prolattina che favorisce la produzione di latte (appunto per questo si chiama così), ecc. ecc.
Niente di tutto questo ha invece a che fare con il pene (casomai gli ormoni hanno a che fare con i testicoli…) le cui dimensioni in erezione dipendono dalla grandezza dei corpi cavernosi che si riempiono di sangue.
Le dimensioni del pene sono molto variabili (per esempio uno studio della Clinica Urologica di Firenze eseguito su 3000 giovani alla visita di leva ha trovato una lunghezza media di 9 cm ed una circonferenza media di 10 cm a pene flaccido).
A mio parere gli interventi chirurgici di allungamento o di ingrandimento del pene (falloplastica)sono ammissibili solo quando esista una vera necessità fisica quando cioè il pene è realmente così piccolo da rendere difficili i rapporti sessuali. Bisogna infatti tener conto che esistono dei rischi (dovuti all’anestesia generale, alla tecnica chirurgica, alle possibili infezioni postoperatorie, ecc.) che solo in presenza di una vera malattia fisica vale la pena correre.
Se invece, come accade nella stragrande maggioranza dei casi, ci si sente inadeguati e infelici per le dimensioni del proprio pene ma il problema è di natura psicologica e di autostima va affrontato come tale cercando lo specialista adatto e senza inseguire interventi chirurgici o altri modi “miracolosi” (pillole, erbe, infusi…) che proprio sulle debolezze psicologiche fanno leva per procurarsi clienti.
Ciao!
Dott. Francesco Allegrini
Per fare la tua domanda agli esperti, compila il form che trovi in fondo alla pagina cliccando qui.

di Francesco Allegrini

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...