"MARATONE" DI SESSO

di

"Sono giovane, ma non riesco a farlo due volte..."

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
835 0

Ciao,

è circa 2 anni che ho una relazione con un uomo di 55 anni molto attivo sessualmente che mi eccita molto. Quando lo vedo ho subito l’erezione ma a differenza di lui (che ha 20 più di me) dopo il primo rapporto, l’erezione va e viene con conseguenza di stati di depressione dovuti ad un non eccitamento nei suoi confronti. Perchè mi succede questo? Lui mi eccita molto… Ho provato altri rapporti sessuali con altri uomini e mi è successo la stessa cosa… Sono giovane perchè misuccede questo? Lui a volte mi umilia perchè dice che alla mia età lui aveva 3 rapporti consecutivi nel giro di qualche ora… Io se riesco a farmene due grasso che cola. Sta diventando un problema per me e vorrei risolverlo.. Ci sono cure o terapie da seguire? o è solo un momento passeggero?

Premetto che sono stato etero fino a due anni fa con una buona intesa sessuale con la mia donna. Dopo che mi sono lasciato, credo di essere entrato in una sorta di depressione per via del mio cambiamento sessuale. Mi sono scoperto a 13 anni con il mio primo rappporto ma sono sempre stato nascosto per paura di accettazione da parte dei mie genitori e miei amici.. Ora grazie al mio compagno stò raggiungendo un equilibrio mentale … e non vorrei rovinarlo con questo mio problema di erezione.. Per quanto riguarda il lavoro non va alla grande come del resto questa mia relazione … insomma io sono dell’idea che questo calo di erezione sia dovuto alla mia condizione sociale, lavorativa ed affettiva … che ne pensate !!Grazie e spero che mi siate di aiuto

Luca

Gentile Luca, dalla sua lettera si percepisce la sofferenza che prova e la difficoltà di questo momento. Purtroppo, però, molte informazioni non sono presenti. Non è chiaro il passaggio dalla etero alla omosessualità o il rapporto dei 13 anni a cui si riferisce. Le suggerisco di contattare il servizio di consulenza telefonica gratuita offerto dall’Istituto di Sessuologia Clinica, attivo dal lunedì al venerdì dalla 15:00 alle 19:00 al numero 06-85356211. Comunque il fatto di avere meno di un rapporto ad incontro sessuale non può certamente essere considerata una patologia. La sessualità dovrebbe dare piacere e soddisfazione in relazione alla sua qualità e non alla sua quantità. Probabilmente sarebbe importante per lei riflettere su come sta vivendo il periodo critico della vita nel quale si trova (la sua condizione sociale, lavorativa ed affettiva), che sicuramente può incidere sulla sua sessualità, e far chiarezza sulle sue risorse e sulla sua capacità di reazione.

di Ist. di Sessuologia Clinica

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...