Gran Bretagna, stop ai farmaci salva vita bloccanti della pubertà per bambinǝ e adolescenti transgender e gender non conforming

Il servizio sanitario nazionale britannico non erogherà più i farmaci, ma le famiglie avranno ancora la possibilità di ottenerli legalmente in altri modi.

ascolta:
0:00
-
0:00
Triptorelina - immagine di repertorio
Triptorelina - immagine di repertorio
3 min. di lettura

Il servizio sanitario nazionale del Regno Unito ha ratificato la risoluzione adottata dall’amministrazione di Rishi Sunak, stabilendo la cessazione della prescrizione e della distribuzione routinaria di trattamenti farmacologici inibitori della pubertà – come la triptorelina – nei centri specializzati in terapie d’affermazione di genere per lǝ minori.

Secondo quanto riportato nel comunicato rilasciato dall’NHS, la decisione si fonda sulla necessità di acquisire maggiori informazioni riguardanti i vantaggi e i pericoli ad essi associati.

Escludendo quindi i casi inseriti in ambito di studi clinici, bambinǝ e adolescenti transgender e gender non conforming non avranno più accesso a quello che è stato più volte definito dalla comunità scientifica internazionale un “farmaco salva vita per coloro che non si identificano con il genere assegnato alla nascita.

Il governo ha invece definito l’azione intrapresa una “decisione storica“, secondo quanto riportato da Sky News, sostenendo che essa agisca nell”interesse della salute dei minori“. Secondo Mermaid UK, fondazione per i diritti di bambin* e minori transgender e gender non conforming, si tratterebbe invece dell’ennesima stilettata alla comunità T britannica.

NHS - Il sistema sanitario pubblico britannico ha dato il suo stop ai farmaci bloccanti della pubertà
NHS – Il sistema sanitario pubblico britannico ha dato il suo stop ai farmaci bloccanti della pubertà

L’NHS ha tuttavia precisato che, in situazioni particolari, i minori di 18 anni potranno ancora accedere ai trattamenti, ma solo “in circostanze straordinarie e su base individuale, e questa possibilità sarà subordinata all’approvazione di un comitato nazionale composto da un’equipe multisettoriale.

La determinazione non preclude comunque ai minori e alle rispettive famiglie la possibilità di accedere ai farmaci bloccanti la pubertà attraverso altre vie – e quindi pagando. 

Nel 2025 sarà previsto l’avvio di un ampio studio clinico da parte dell’NHS per valutare l’impatto dei bloccanti, così da poter disporre di basi scientifiche più solide per dimostrarne l’efficacia.

Entro la fine dell’anno è inoltre prevista nel Regno Unito l’apertura di quattro nuove cliniche regionali, le quali prenderanno il posto del Gender Identity Development Service di Londra, precedentemente l’unico centro specializzato di questo genere in Inghilterra ed ormai oberato dalla crescente richiesta.

I recenti risvolti sembrano quindi rappresentare una misura temporanea” – come confermato dallo stesso NHS – destinata a essere oggetto di future valutazioni.

 

Transgender triptorelina

I farmaci bloccanti della pubertà sono pericolosi?

Gli inibitori ormonali sono farmaci che interrompono lo sviluppo delle caratteristiche sessuali secondarie, come la crescita dei peli, il cambiamento della voce e lo sviluppo delle ghiandole mammarie, che normalmente si verificano durante la pubertà.

Agiscono quindi sospendendo temporaneamente e reversibilmente l’azione degli ormoni sessuali (estrogeni e testosterone) per ritardare i cambiamenti fisici che non corrispondono all’identità di genere della persona.

Nel contesto della transizione di genere, i bloccanti offrono di fatto allǝ bambinǝ e adolescenti transgender e gender non conforming un periodo di riflessione prima di intraprendere decisioni irreversibili legate alla transizione fisica.

Consentendo di posticipare lo sviluppo di caratteristiche sessuali indesiderate, questi farmaci servono ad alleviare l’incongruenza di genere nei giovani e migliorare il benessere psicologico – andando ad arginare gli effetti devastanti dell’incongruenza di genere nei minori tra cui depressione, ansia e ideazioni suicidarie.

Effetti oggetto di studio sin dagli anni 80’, e su cui buona parte della comunità scientifica internazionale concorda – compresa quella italiana, che nell’ambito della vicenda che a inizio anno coinvolse il centro terapeutico per l’affermazione di genere dell’ospedale Careggi lo confermò in un comunicato firmato da diversi ordini sanitari – tra cui endocrinologi e pediatri.

È importante infatti sottolineare che l’uso di questi farmaci è attentamente monitorato da equipe di professionisti sanitari specializzati, e viene considerato solo dopo un’accurata valutazione.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Roccella e Meloni: "Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana" - Giorgia Meloni e Eugenia Roccella - Gay.it

Roccella e Meloni: “Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana”

News - Redazione 20.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24

Hai già letto
queste storie?

sport-aics-tesseramento-alias

Tesseramento alias nello sport, la svolta di AICS: “Esaltare il valore dello sport come diritto umano”

Corpi - Francesca Di Feo 3.1.24
donna-trans-licenziata-dopo-il-coming-out

Donna trans licenziata dopo il coming out: nessun sostegno neanche dai colleghi

News - Francesca Di Feo 2.4.24
tu sei la bellezza

Tu sei la bellezza: tra amore queer e salute mentale

Culture - Riccardo Conte 29.4.24
Unione Europea Diritti Transgender

L’Unione Europea verso il riconoscimento del cambio di genere in tutti gli Stati membri

News - Francesca Di Feo 7.5.24
Triptorelina, il testo integrale della relazione sull'ispezione al Centro per le terapie affermative del Careggi di Firenze

Triptorelina, il Governo ottiene l’approccio patologizzante, cosa dice il testo integrale

Corpi - Francesca Di Feo 16.4.24
William Wragg - Grindr

Da Grindr a Whatsapp, l’assedio gay al parlamento britannico ha nome e cognome

News - Mandalina Di Biase 9.4.24
triptorelina-tavolo-tecnico-schillaci-roccella

Triptorelina, l’Italia di Meloni all’attacco: ecco il tavolo tecnico per “valutare” la somministrazione in ambito di affermazione di genere

Corpi - Francesca Di Feo 26.3.24
uomini-transgender-gravidanza

Uomini transgender e gravidanza, perché parlare di rischi? Parola al dottor Converti, presidente di Amigay

News - Francesca Di Feo 24.1.24