Rio 2016: Amini Fonua contro il giornalista nemico dei gay, lo massacra su Twitter e mostra il c*lo

di

Il bonissimo nuotatore gay dichiarato del Tonga ha vendicato i suoi amici costretti a rivelare la propria omosessualità dal giornalista del Daily Beast che ha usato l'app gay...

CONDIVIDI
799 Condivisioni Facebook 799 Twitter Google WhatsApp
39296 4

Ve ne abbiamo parlato stamattina (QUA PER IL NOSTRO ARTICOLO): il giornalista del Daily Beast, Nico Hines, che ha usato l’app per incontri gay Grindr al Villaggio Olimpico dei Rio 2016 per scovare atleti gay anche non dichiarati non se la sta passando proprio benissimo. La condanna mediatica è pressoché unanime, tanto che il direttore del giornale ha deciso praticamente di rimuovere l’articolo e di scrivere un messaggio di scuse.

Diversi atleti gay dichiarati hanno fatto sentire la loro voce: tra questi il più furioso (e sexy) e sicuramente Amini Fonua, nuotatore gay dichiarato del Tonga, un Paese fra l’altro piuttosto omofobo.

7

Amini subito dopo la diffusione dell’articolo-outing ha scritto una cascata di tweet, preda della rabbia, senza mandarle a dire. Tra i tanti messaggi:“Da atleta gay dichiarato di un Paese ancora molto omofobo, Daily Beast vergognati”. E ancora: “Nico Hines mi disgusti. Hai idea di quante vite hai appena rovinato senza altra ragione che non sia quella di acchiappare click?”. E sempre contro Hines: “Alcune delle persone a cui hai fatto outing sono miei amici. Con famiglie e vite che saranno per sempre segnate da tutto ciò”

Poi passata la furia del risentimento, Amini ha deciso di passare alla comunicazione visiva. E per questo lo ringraziamo.

Su Instagram ha postato una foto del suo culetto, scrivendo che se era quello che il giornalista cercava (notare che Hines si dichiara etero e sposato), bastava chiedere. Infine l’ha invitato a baciarglielo e l’ha nuovamente mandato aff…

Come non amarlo?

Una foto pubblicata da Amini Fonua (@aminifonua) in data:

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...