Quando Valeria Fedeli, neo ministra dell’Istruzione, si commosse difendendo le famiglie arcobaleno

di

La senatrice intervenne in aula a sostegno del ddl Cirinnà.

CONDIVIDI
247 Condivisioni Facebook 247 Twitter Google WhatsApp
7385 0

Mentre continuano gli attacchi e le polemiche a Valeria Fedeli, da pochi giorni nominata alla guida del Ministero dell’Istruzione, ci piace tornare un attimo indietro con la memoria e riproporvi questo video dell’intervento che la senatrice fece in aula a febbraio, durante la discussione per l’approvazione del ddl Cirinnà.

 

Un intervento accorato, durante il quale la senatrice arriva a commuoversi, parlando delle testimonianze d’amore delle famiglie LGBT.

Un documento importante, utile per comprendere come mai gli ultracattolici – in particolare Mario Adinolfi – si stiano spendendo così intensamente per screditare questa donna coraggiosa e libera.

“Provate a farvi aiutare dagli occhi dei più giovani o a pensare cosa vorreste se vostro figlio o vostro nipote fosse omosessuale: uno Stato suo nemico o uno che non lo discrimini e ne permetta una vita serena e felice? Credo che non ci siano due riposte a questa domanda. C’è chi vuole continuare a dividere la società lasciando che alcuni diritti restino privilegi. Sì, a questo punto, se non sono di tutti, sono privilegi. Noi, no. Noi vogliamo che siano per tutti e lo vogliamo con la stessa forza per gli adulti e per i bambini, verso i quali la nostra responsabilità e attenzione sono ancora più forti.”

http://www.gay.it/attualita/news/valeria-fedeli-<a href="http://www.gay.it/tag/gender">gender</a>-odio-ultracattolici

Leggi   Bergamo, il Popolo della Famiglia chiede che il Pride non abbia il patrocinio del Comune
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...