Torna “Side By Side”: tanto sesso, ma non solo

di

Per l'editore Gmuender esce il sequel del lavoro di Mioki: "Still Side By Side". Migliorato rispetto al primo, il fumetto è anche un crossover con Midnight Man di...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1600 0

Sono passati quattro anni da quando l’editore Gmuender ha pubblicato il primo fumetto del misterioso Mioki: quel Side by Side che aveva diviso nettamente il pubblico. Da una parte chi sosteneva che gli splendidi disegni accompagnavano una narrazione minimalista e dall’altra chi reputava tutto il volume un’occasione persa, visto che i personaggi erano rappresentati in maniera vacua e bidimensionale ed erano prettamente funzionali alle scene di sesso. Oggi, però, con l’uscita di Still Side by Side, il tanto atteso seguito di quel discusso volume, i pareri potrebbero essere più unanimi in senso positivo. Infatti, questa volta, Mioki sembra voler correggere il tiro e cercare di rispondere ad alcune critiche che gli erano state mosse. Tanto per cominciare in questo volume i personaggi parlano e interagiscono molto di più, e in secondo luogo si cerca di approfondirne la psicologia e la caratterizzazione anche al di là delle scene di sesso.

La storia parte più o meno nel punto in cui si era interrotta nel volume precedente: Rick e Evan convivono in un appartamentino di Manatthan, lavorando come camerieri in un ristorante italiano, mentre i loro amici Charlie e Billy continuano a lavorare come animatori in un locale sexy, portando avanti la loro carriera di escort di lusso e una relazione molto difficile da definire. Il volume, che si sviluppa come una sorta di diario raccontato in prima persona da Evan – a differenza del primo capitolo, che era narrato da Rick – parte con i preparativi per la festa di compleanno di Rick, mentre Billy viene invitato da un suo cliente – Robert – a fargli da accompagnatore in un viaggio di lavoro in Europa. I bellissimi disegni di Mioki raccontano così il tranquillo tran tran quotidiano di Rick e Evan, che ha deciso di realizzare il suo vecchio sogno di entrare in un corpo di ballo, mentre Billy gira per l’Europa e Charlie dà sfogo al suo bisogno di sesso con clienti e non solo. Durante il viaggio in Europa Billy e Robert fanno tappa nel lussuosissimo resort in stile antica Roma che quest’ultimo sta ultimando per un ricchissimo e misterioso amico, una specie di giardino delle meraviglie dove decidono di invitare anche Rick, Evan e Charlie per una vacanza. Quando arrivano, però, scoprono che il misterioso proprietario è Adrian, un cliente di Charlie, con cui quest’ultimo aveva trascorso il Natale precedente.

Tra le altre cose Adrian è venuto nel suo nuovo resort per incontrare un avventuriero di nome Adam Braxton, al quale aveva chiesto di recuperare un prezioso gioiello, e anche lui ha modo di rendere il suo soggiorno molto appagante grazie ad Eduardo, il giovane cosulente informatico di Adrian. Ai più attenti lettori della Gmuender non sarà sfuggito che Adam Braxton altri non è che Midnight Man, protagonista dell’omonimo fumetto di Iceman Blue pubblicato dallo stesso editore qualche anno fa, che in questo modo fa realizzare il primo incrocio narrativo – o crossover, come si dice in gergo – fra due dei suoi titoli. Che sia il primo di una lunga serie? Sia come sia, il lieto fine, dopo la prima del balletto di Adrian e con tanto orgia conclusiva fra tutti i protagonisti, non può mancare. Certo non ci troviamo di fronte ad una pietra miliare della narrativa a fumetti, ma il salto di qualità rispetto al volume precedente è innegabile.

Questa volta si ha la netta sensazione di assistere ad un film d’essai senza censure, dove si cerca di dipingere uno spaccato della realtà gay di oggi e il lento recupero di quella libertà sessuale che l’AIDS negli anni ’80 aveva fatto dimenticare. Al di là dei facili giudizi morali sui protagonisti bisogna riconoscere che le doti narrative di Mioki sono migliorate e che persino i suoi disegni hanno raggiunto nuove vette di perfezione, nei soggetti come nei dettagliatissimi e documentatissimi sfondi. Una piacevole sorpresa che non può che impreziosire la biblioteca di ogni vero appassionato di fumetto omoerotico, ma anche un esempio di stile per tutti gli aspiranti fumettisti che vogliono affermarsi in questo genere.

Per maggiori informazioni http://www.brunogmuender.com/

di Valeriano Elfodiluce

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...