Aggressioni e minacce ai volontari che aiutano le persone LGBT a fuggire dalla Cecenia

Gli uomini hanno fatto irruzione in casa e hanno minacciato di morte un volontario. Sarebbero degli agenti di Polizia.

cecenia
2 min. di lettura

Un volontario della Russian Lgbt Network è stato aggredito nella propria abitazione, il 17 maggio. A denunciare il fatto è stata l’associazione Human Rights Watch , che dal 2017 segue i fatti provenienti dalla Cecenia, dove è iniziata quella che in molti definiscono un’epurazione gay. Dalla denuncia, si apprende che sette uomini avrebbero fatto irruzione in casa dell’attivista, il quale è rimasto anonimo, e lo avrebbero interrogato senza risparmiarsi violenze e minacce, anche di morte. 

Gli aggressori stavano cercando due persone: una donna lesbica che era scomparsa (e che avrebbero sicuramente portato in uno dei centri per torturarla e interrogarla) e David Isteev, il quale è il coordinatore del programma di emergenza della rete russa.

“Ti porteremo all’ufficio di polizia e ti spezzeremo tutte le ossa“. “Mi hanno detto di dire a David Isteev che lo avrebbero trovato e ucciso“.

Queste le minacce che i sette avrebbero rivolto al volontario e a Isteev.

La Polizia della Cecenia è ancora alla ricerca di omosessuali

Secondo la Russian Lgbt Network e Human Right Watch, questi uomini facevano parte della Polizia. Difatti, tre di questi sono stati identificati come degli agenti, mentre gli altri quattro non hanno esibito alcun tesserino di riconoscimento, ma dall’interrogatorio a cui è stato sottoposta la vittima dell’aggressione e i loro modi di fare, non ci sono dubbi. Sarebbero quindi dei membri di truppe speciali, organizzate dal leader ceceno Ramzan Kadyrov. 

Le minacce da parte della Polizia sono ormai note. Questo è solo l’ultimo episodio, ma se ne sono registrati diversi nel corso degli ultimi due anni. Minacce di morte, aggressioni e intimidazioni hanno convinto alcuni attivisti a lasciare non solo la Cecenia, ma anche la Russia. Molti giornalisti di Novaya Gazeta se ne sono dovuti andare per salvarsi la vita, solo per aver raccontato cosa succede ai gay arrestati. Altri si trovano in un luogo sicuro, ma certo non per merito delle autorità e della politica, che tiene sotto controllo la situazione senza reagire.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l'amata Luna Passos (FOTO) - Victoria De Angelis dei Maneskin vacanza romantica e baci social con lamata Luna Passos FOTO - Gay.it

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l’amata Luna Passos (FOTO)

News - Redazione 9.4.24
Amadeus

Amadeus lascia la Rai e raggiunge Fazio sulla NOVE di Discovery

Culture - Mandalina Di Biase 10.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24

Continua a leggere

Rizvan Dadayev, dopo mesi di torture un ragazzo gay ceceno è finalmente riuscito a lasciare la Russia - Rizvan Dadayev - Gay.it

Rizvan Dadayev, dopo mesi di torture un ragazzo gay ceceno è finalmente riuscito a lasciare la Russia

News - Redazione 23.1.24
cecenia-salekh-ismail-all-out

Cecenia, persecuzioni LGBTIQ+: Salekh e Ismail sono ancora in carcere dal 2021

News - Francesca Di Feo 14.11.23