George Michael con l’auto contro un negozio: arrestato

Tornava dal Pride londinese ed era diretto verso casa quando la sua Range Rover è finita contro un negozio infrangendo le vetrine. Arrestato, è stato rilasciato su cauzione.

George Michael di nuovo nei guai. Stando a quanto riportano alcuni media inglesi, il cantante sarebbe stato arrestato domenica mattina all’alba dopo essere finito con la sua auto contro le vetrine di un negozio di Hampstead, a nord di Londra.

La star 47enne stava rientrando dal Pride della capitale britannica quando la sua Range Rover si è schiantata contro una filiale di Snappy Snaps che si torva proprio vicino la casa del cantante. Michael è stato arrestato perché non era in grado di guidare, trasferito presso una locale stazione di polizia e rilasciato su cauzione con l’obbligo di ripresentarsi il prossimo mese.

La polizia ha confermato di essere stata chiamata ad intervenire nei pressi del negozio alle 3.45 del mattino di domenica scorsa. Pare che Michael sia uscito dall’auto subito dopo l’impatto e si sia seduto ad aspettare l’arrivo della polizia. Un portavoce della polizia ha dichiarato: "Un uomo sui 40 anni è stato arrestato e sospettato di non essere in grado di guidare".

Pare che la pop star non sia stata sottoposta al test del palloncino perché aveva dichiarato di non aver bevuto. Stando al Daily Mirror è stato sottoposto ad un test tossicologico che però non ha riscontrato alcuna droga. E mentre lo staff del cantante si rifiuta di commentare, il numero di oggi del Sun mostra la vetrina di Snappy Snap con i vetri infranti e la porta contorta dall’impatto.

Ti suggeriamo anche  Coppia gay rimproverata per un bacio al ristorante, festeggiavano San Valentino

Non è la prima volta che George Michael finisce nei guai. Proprio lo scorso anno aveva finito di scontare la sospensione di due anni della patente inflittagli a causa del consumo e della detenzione di crack. sempre l’anno scorso è stato arrestato e poi rilasciato in seguito ad un incidente con un camion nel Berkshire.

Storie

Giovanna Vivinetto, l’insegnante trans licenziata denuncia la scuola

Parte la denuncia ai danni della scuola Kennedy di Roma, dove Giovanna era insegnante.

di Alessandro Bovo