“L’imperatore romano Eliogabalo era una donna”: affermazione e transizione di genere al museo

Secondo uno storico Elagabualus offrì "ingenti somme" di denaro a "qualsiasi medico" che potesse "darle una vagina". È polemica in Inghilterra.

ascolta:
0:00
-
0:00
"L’imperatore romano Eliogabalo era una donna": affermazione e transizione di genere al museo - Le rose di Eliogabalo - Gay.it
Le rose di Eliogabalo è un dipinto del 1888 del pittore anglo-olandese Lawrence Alma-Tadema
2 min. di lettura

Un museo nel Regno Unito ha esplicitato una banale verità: le persone trans sono sempre esistite. Il North Hertfordshire Museum ha infatti annunciato che, grazie a lunghe ricerche e resoconti storici, riclassificherà la propria esposizione sull’imperatore romano Eliogabalo, appartenente alla dinastia dei Severi che regnò dal 218 al 222, per identificare l’imperatore come una donna, con i pronomi “she/her”.

Secondo i resoconti di Lucio Cassio Dione, cronista romano vissuto all’epoca di Eliogabalo, l’imperatore veniva “chiamatə moglie, amante e regina”, oltre ad aver detto ad un suo amante “non chiamarmi Signore, perché sono una signora”.

I documenti storici su Eliogabalo notano che era sposatə con un ex schiavo di nome Hierocle (ma avrebbe avuto fino a 5 mogli e due mariti), e “indossava spesso parrucche, trucco e preferiva essere chiamatə ‘domina’ o signora, piuttosto che ‘dominus’ o signore”.

Lo storico Ollie Burns ha pubblicato un’ulteriore e approfondita analisi grazie all’Università di Birmingham, presentando prove che Elagabualus offrì “ingenti somme” di denaro a “qualsiasi medico” che potesse “darle una vagina”, indagando sui metodi disponibili per rimuovere i genitali maschili. Un portavoce del museo ha sottolineato come l’istituzione abbia apportato tali cambiamenti per essere “educata e rispettosa”.

“Cerchiamo di essere sensibili nell’identificare i pronomi per le persone del passato, così come lo siamo per le persone del presente”, ha precisato un membro esecutivo del North Herts Council. “È solo educato e rispettoso. Sappiamo che Eliogabalo si identificò come donna e fu esplicito su quali pronomi usare, il che dimostra che i pronomi non sono una cosa nuova”.

E la polemica è presto esplosa.

“I romani non avevano la nostra idea di “trans” come categoria, ma usavano le accuse di comportamento sessuale “come donna” come uno dei peggiori insulti contro gli uomini”, ha precisato il professore di studi classici di Cambridge Andrew Wallace-Hadrill, secondo cui Eliogabalo fu solo vittima di omotransfobia. “Tutto questo è legato al disprezzo aristocratico e senatoriale per le origini e le credenze orientali dell’imperatore”, ha aggiunto il professor Christian Laes, classicista dell’Università di Manchester. “Per quanto riguarda le persone trans, ovviamente questa non è mai stata vista come una categoria dai romani. Ma resta il fatto che in tempi di difficoltà e di crisi, i cosiddetti trasgressori delle norme sessuali erano soggetti a capri espiatori”.

Queste argomentazioni sembrano sostenere che il “transgender” non esistesse come identità nell’antica Roma. Pur precisando che Eliogabalo “non era trans”, entrambi gli studiosi riconoscono l’omofobia e la transfobia che dovette affrontare, e nessuno dei due contesta il fatto che fu costretto ad affrontarle perché si comportava in modi che oggi sarebbero considerati queer e trans.

Fatto sta che Eliogabalo, la cui reggenza dal 218 al 222 d.C. fu molto divisiva tanto dal venire ucciso a 18 anni dai suoi stessi soldati, almeno al North Hertfordshire Museum non sarà più imperatore bensì imperatrice. Solo pochi mesi fa su Rai1, come dimenticarlo, Alberto Angela ha spiegato come venisse serenamente vissuta la bisessualità ai tempi dell’impero Romano.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Bridgerton 3 conferma la prima storia d'amore queer con il bacio tanto atteso, ecco chi coinvolge (SPOILER) - BRIDGERTON 305 Unit 03509R - Gay.it

Bridgerton 3 conferma la prima storia d’amore queer con il bacio tanto atteso, ecco chi coinvolge (SPOILER)

Serie Tv - Redazione 14.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans - Lia Thomas - Gay.it

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans

Corpi - Redazione 14.6.24
Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

Mahmood RA TA TA, bimbi senza mamma, una faccia mulatta e la marjuana

Musica - Emanuele Corbo 14.6.24
Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

thomas-insulti-social

Aggredito dal branco un anno fa, Thomas ora è vittima dell’omobitransfobia social

News - Francesca Di Feo 8.2.24
TRNASgender Next Generation EU

Affermazione di genere, semplificare i percorsi e superare la legge 164 del 1982: cos’è il progetto T.R.A.N.S. – INTERVISTA

Corpi - Francesca Di Feo 10.4.24
Arrusi Pigneto Luana Rigolli

San Valentino, a Roma spuntano i ritratti degli arrusi, gli omosessuali confinati dal fascismo alle Isole Tremiti

Culture - Redazione Milano 14.2.24
sport-aics-tesseramento-alias

Tesseramento alias nello sport, la svolta di AICS: “Esaltare il valore dello sport come diritto umano”

Corpi - Francesca Di Feo 3.1.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Careggi Transgender Triptorelina affermazione di genere Gasparri

Triptorelina, la malafede ideologica del governo italiano che fa propaganda sulla vita delle persone: anticipati i risultati dell’ispezione al Careggi di Firenze, ma qualcosa non quadra

Corpi - Francesca Di Feo 8.4.24
Pride e ritorno alle origini LGBTIAQ+: 5 libri per capire chi siamo stati - Pride libri - Gay.it

Pride e ritorno alle origini LGBTIAQ+: 5 libri per capire chi siamo stati

Culture - Federico Colombo 11.6.24
Gianna Ciao GIornata Visibilita Lesbica

Gianna Ciao, le lesbiche durante il fascismo e la Giornata Mondiale della Visibilità Lesbica

Culture - Francesca Di Feo 26.4.24