Manifesto di Omovies oscurato da striscione omofobo di Fratelli d’Italia

Per scusarsi con Fratelli d’Italia (ironicamente) è intervenuto Francesco Paolantoni.

Omovies è un festival del cinema LGBT organizzato da 11 anni a Napoli. I temi principali di questo evento sono la diversità, l’amore, l’uguaglianza e la libertà. Un festival molto conosciuto dagli appassionati di cinema e non solo, che chiama ogni anno decine di registi provenienti da tutto il mondo. Questi portano le loro creazioni, opere riguardanti tutte le minoranze e le loro relative discriminazioni. I manifesti pubblicitari di Omovies, apposti regolarmente lungo le vie di Napoli, sono inequivocabili.

L’immagine mostra due uomini, gli attori Patrizio Rispo e Francesco Paolantoni, mentre si scambiano un bacio. Questo manifesto non è affatto piaciuto ai militanti di Fratelli d’Italia. E per questo motivo hanno deciso di censurare il bacio gay con un loro striscione, con su scritto “Ospedali al collasso ma De Luca finanzia i gay“. Il bacio tra i due era stato preso dal cortometraggio “Luca e Vincenzo”, realizzato nel 2013 e che si aggiudicato diversi premi.

La risposta di Francesco Paolantoni a Fratelli diItalia su Omovies

lo striscione davanti il manifesto di Omovies
Lo striscione davanti il manifesto di Omovies

I responsabili della censura sono Pietro Diodato (coordinatore regionale del partito), Mario Maggio (consigliere nella quarta Municipalità), Giuseppe Galiero e Antonio Varriale (dirigenti dell’assemblea nazionale) . Questi sono già stati denunciati, in quanto hanno coperto e infangato un manifesto ritenuto regolare, dato che è in possesso delle autorizzazioni comunali. Documenti che invece lo striscione di propaganda sessista non ha. E che quindi è assolutamente fuori legge.

A sostenere la rassegna cinematografica di Omovies, che si ricorda è promossa dall’Associazione di Promozione Sociale i Ken Onlus ed è finanziato in parte anche dalla Regione Campania, è intervenuto lo stesso Francesco Paolantoni, che per la seconda volta scherza con ironia. Dopo il video in cui ringraziava Libero per aver “avvertito” l’Italia sul Pil e il fatturano che calano mentre aumentano i gay, l’attore napoletano si scusa pubblicamente con Fratelli d’Italia.