Unioni civili alla Camera: si parte giovedì. Relatrice Micaela Campana

Giovedì inizia la trattazione in Commissione Giustizia del ddl. Nominata la relatrice.

Unioni civili alla Camera da giovedi prossimo. Inizia l’esame in commissione Giustizia il che lascia presagire un iter rapido per il disegno di legge che non dovrebbe subire ulteriori cambiamenti in questo secondo passaggio parlamentare. Giovedì 4 marzo, infatti, in seduta pomeridiana è stata inserita all’ordine del giorno della Commissione II (Giustizia) della Camera dei Deputati il ddl approvato dal Senato, cui è stato assegnato il numero 3634 (prima era l’ormai famoso 2081). Agli atti online della Commissione, risulta indicata come relatrice la trentottenne Micaela Campana, responsabile nazionale del Partito Democratico al Welfare e Terzo Settore: una scelta ben precisa quindi del partito di maggioranza relativa, che ha puntato su una donna di punta tra i propri deputati, che già in molte occasioni si era spesa per l’approvazione del ddl al Senato.

Intanto però si apre un nuovo scontro nella maggioranza sulle adozioni. Il Pd ha chiesto e ottenuto un’indagine conoscitiva in commissione a Montecitorio per avviare “una prima riflessione” sulla riforma della legge per le adozioni che dovrebbe introdurre anche la possibilità di adottare il figlio del partner nelle unioni omosessuali, ossia la stepchild adotpion epurata dal ddl Cirinnà. Ma Ncd non ci sta: “Ribadiamo il nostro no a ogni forma di adozione da parte di coppie formate da persone dello stesso genere”, ha scandito il ministro dell’Interno, Angelino Alfano. “Siamo al lavoro – ha spiegato Alfano – su due disegni di legge: il primo sull’utero in affitto come reato universale (punibile in Italia anche se commesso all’estero). Il secondo sulle misure di sostegno fiscale alla famiglia e di aiuto alla natalità”. Il ministro della Giustizia cerca di stemperare i toni: Serve una legge sulle adozioni ma bisogna “ammainare gli stendardi”, ha detto Andrea Orlando invitando a “non cominciare con contrapposizioni ideologiche. Ritengo siano ragionevoli le parole del ministro Alfano sulle sanzioni per l’utero in affitto”.

La Commissione Giustizia della Camera effettuerà una serie di audizioni tra cui il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, la conferenza delle Regioni, l’Anci, magistrati, avvocati e docenti universitari esperti in materia, associazioni che operano nel settore delle adozioni e dell’affido, operatori dei servizi sociali e rappresentanti di comunità per i minori. “Entro lunedì – ha spiegato la presidente della Commissione, Donatella Ferranti – definiremo i nomi”. L’indagine dovrebbe concludersi entro il 15 aprile 2016. Ma i tempi potrebbero essere più lunghi, soprattutto vista la reazione di Ncd. Domani ci sarà un’assemblea “preliminare” del Pd sul tema ma, viene spiegato, si tratterà solo di un primo giro d’orizzonte per ascoltare il punto di vista di tanti deputati che hanno presentato proposte di legge in materia di adozioni. Ettore Rosato, capogruppo Pd, premette che quello delle adozioni “è un tema vero che va affrontato ma coinvolgendo tutto il Parlamento”.

Ti suggeriamo anche  Unione civile, case di proprietà e in affitto: quali diritti?