Jace e Jake Graff, i gemelli nati in due corpi femminili che hanno affrontato insieme la transizione

23 anni fa nati nel corpo sbagliato, Jace e Jake hanno affrontato insieme il percorso di transizione dopo aver condiviso un utero.

Jace e Jake Graff sono due identici gemelli di 23 anni della Georgia. Nati nel corpo sbagliato.

Come spesso capita con i gemelli, Jace e Jake fanno tutto l’uno al fianco dell’altro. Hanno gli stessi amici, gli stessi interessi e persino lo stesso lavoro. Ma soprattutto, sono nati ragazze.

“È come essere in una prigione, se non fosse che ti trovi nel tuo stesso corpo”, ha confidato Jack a Fox 5. “E più diventavo vecchio, più diventava difficile da digerire. Pensavo ‘non posso farlo per il resto della mia vita, non posso proprio farlo”.

Entrambi i gemelli hanno così iniziato il trattamento ormonale, condividendo il percorso di transizione dopo aver condiviso un utero. “Mi sento come se ci fossimo salvati da tanti momenti davvero bui e deprimenti”, ha continuato Jace. “A volte mi chiedo se lui non fosse qui, se fossi stato da solo, se avessi avuto pensieri suicidi. Non sto dicendo che mi suiciderei, ma potrebbe essere possibile. Sarei stato sicuramente più solo”.

Jace e Jack si sono presentati come ‘ragazze’ fino a quando non hanno finito la scuola superiore. A quel punto entrambi si sono tagliati i capelli, mandando letteralmente ‘affanculo’ le proprie false identità.

1 commento su “Jace e Jake Graff, i gemelli nati in due corpi femminili che hanno affrontato insieme la transizione

  1. Se solo lo Stato Italiano permettesse alle persone trans di poter iniziare il percorso senza dover sborsare un soldo…! È ingiusto che solo chi ha decine di migliaia di euro possa essere felice nel proprio corpo. Non sarebbe nemmeno oneroso come servizio: appena qualche milione di euro, rispetto alle stronzate miliardarie che girano.

Lascia un commento

Storie

Papà contrario ai matrimoni gay si chiede, “perché mio figlio e suo marito non mi parlano più?”

L'uomo si è addirittura augurato che il matrimonio di suo figlio finisse. Ora chiede a lui di accettare la sua contrarietà alle nozze gay.

di Federico Boni