Bangladesh: due attivisti gay massacrati col machete

Le uccisioni sono state rivendicate dall'ISIS, ma il governo del Bangladesh nega ogni coinvolgimento

Bangladesh: due attivisti gay massacrati col machete - bangladesh omicidio lgbt - Gay.it
3 min. di lettura

In Bangladesh è in atto una repressione col sangue di tutto ciò che esula dall’Islam più integralista: vari rappresentanti della secolarizzazione del sapere e dell’ateismo nel Paese sono stati barbaramente uccisi a colpi di machete nei giorni scorsi, e tra questi anche due militanti LGBTI attivi a Dacca, la capitale.

xulhaz_mannan_bangladesh_2

Xulhaz Mannan e la seconda vittima erano entrambi due membri dello staff di Roopbaan (Xulhaz lavorava anche per l’ambasciata statunitense), l’unico magazine a tematica gay nello Stato: un corrispondente della pubblicazione ha rivelato che non avevano mai ricevuto sanzioni o richiami dal governo, e che quindi nonostante tenessero le loro identità nascoste non pensavano di rischiare la vita. Tanay Mojumdar, un fotografo della rivista che conosceva entrambe le vittime, le ricorda con tristezza e rabbia: “Avevano creato Roopbaan con l’intento di diffondere la tolleranza nel Paese. Ora è tutto finito. Loro pensavano che se tutti gli omosessuali in Bangladesh fossero venuti allo scoperto, la cosa sarebbe diventata di primaria importanza e il governo avrebbe dovuto accettarci”. Nello Stato infatti l’omosessualità tecnicamente è illegale, e rimane un tasto dolente della politica e del dibattito odierno.

roopbaan_bangladesh

“Erano entrambi molto gentili, non violenti e consapevoli del fatto che essere omosessuali dichiarati nel loro lavoro costituiva un pericolo. Fino a un anno fa però, l’unica paura di fare coming out era il rifiuto della famiglia e il dover ricominciare una vita in qualche altra parte del Bangladesh. Ora, la paura per gli omosessuali è la vita stessa“, ribadisce il fotografo. I due erano anche gli organizzatori del “Rainbow Rally“, una grande parata per la comunità LGBTI che si teneva ogni 14 aprile, data del loro Capodanno, dal 2014.

rainbow_rally_bangladesh

Gli omicidi si inseriscono in una lunga lista macchiata del sangue di attivisti, atei e personaggi culturali dello Stato: solo sabato scorso un professore universitario era stato assassinato nello stesso modo. Dall’anno scorso sono state uccise ben sette persone: quattro blogger atei, due turisti (un italiano e un giapponese) e uno studente di legge, tutti colpevoli, a quanto pare, di non assecondare i dettami più ferrei dello Stato Islamico.

E infatti è proprio l’ISIS ad aver rivendicato le uccisioni: il governo bangladese di tutta risposta assicura che nello Stato non ci sono presenze estremiste. Secondo i testimoni però, i sei uomini che avrebbero violato l’appartamento di Xulhaz avrebbero gridato “Allah Akbar” prima di compiere gli spaventosi delitti.

“Sono devastata dal brutale omidicio di Xulhaz Mannan e del secondo giovane ragazzo”, afferma Marcia Bernicat, l’ambasciatore degli Stati Uniti nel Paese. “Aborriamo questi atti di violenza insensati e chiediamo ad alta voce al governo di trovare i criminali dietro questi delitti”. Ci auguriamo anche noi che questo fiume di sangue innocente trovi presto la sua fine.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Marta Fascina e Marina B. Forza - Italia

Le malignità di Forza Italia: Marta Fascina deve lasciare il partito, ma non finché c’è Marina B.

News - Mandalina Di Biase 28.5.24
Elezioni europee: "Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto", la campagna di Arcigay

Elezioni europee: “Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto”, la campagna di Arcigay

News - Gay.it 28.5.24
Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria - Karla Sofia Gascon 1 - Gay.it

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria

Cinema - Redazione 27.5.24

Leggere fa bene

arezzo-whynot-chiuso

Arezzo, chiusa la serata queer WhyNot per troppi episodi di violenza verbale omobitransfobica

News - Francesca Di Feo 21.3.24
afghanistan-persone-transgender

L’Afghanistan a 3 anni dall’ascesa dei talebani: stupri, torture e violenze all’ordine del giorno per le persone transgender

News - Francesca Di Feo 2.4.24
Grindr

Teramo, in tre ingannavano uomini gay via Grindr: estorsione sotto minaccia, andranno a processo

News - Francesca Di Feo 20.3.24
uganda-aggressione-attivista

Uganda, attivista per i diritti LGBTQIA+ accoltellato in pieno giorno nei pressi della sua abitazione

News - Francesca Di Feo 4.1.24
Castel Volturno: gruppo di donne trans schiavizzava e sfruttava altre ragazze trans

Un gruppo di donne trans schiavizzava altre ragazze trans: 11 arresti

News - Francesca Di Feo 28.3.24
meglio-a-colori-terapie-riparative (3)

“Meglio a Colori”, la campagna per un disegno di legge contro le terapie riparative

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Palermo aggressione omobitransfobica

Palermo, aggressione omobitransfobica, anche da parte di minorenni: “Se denunciate vi ammazziamo”

News - Francesca Di Feo 22.1.24
san-gregorio-magno-quindicenne-accoltella-il-padre

Ragazzo di 15 anni accoltella il padre che lo “accusa” di essere gay durante una lite domestica

News - Francesca Di Feo 18.12.23