Vittoria per Caster Semenya, bollata come “troppo mascolina”: quella terapia per abbassare il testosterone fu discriminazione

Sentenza storica della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo.

ascolta:
0:00
-
0:00
caster-semenya-vittoria-corte-europea
2 min. di lettura

Nonostante gli sforzi delle organizzazioni e i progressi finora compiuti, c’è ancora un lungo cammino da percorrere per rendere lo spirito agonistico accessibile a tutt*.

In molti ricorderanno la storia di Caster Semenya, atleta olimpica intersex esclusa e discriminata perché troppo “mascolina”.

Semenya era stata costretta a sospendere la propria carriera agonistica per poi essere reintegrata a condizione di sottoporsi a una terapia che le permettesse di abbassare i propri livelli naturali di testosterone.

Oggi, la campionessa sudafricana ha ottenuto un importante riconoscimento nella sua battaglia contro le regole discriminatorie che impongono alle atlete con alti livelli naturali di testosterone di ridurli artificialmente per competere internazionalmente, grazie a una sentenza storica emessa dalla Corte Europea per i Diritti dell’Uomo.

Ma andiamo alle origini di questa vicenda.

Caster Semenya: un talento naturale stroncato dalla discriminazione

Caster Semenya è una straordinaria atleta sudafricana, famosa per le sue imprese nei 800 metri piani alle Olimpiadi di Londra 2012 e Rio de Janeiro 2016, dove ha conquistato l’oro. Tuttavia, nonostante il suo talento innegabile e il suo successo indiscusso, la sua carriera è stata oscurata più volte da controversie e discriminazioni.

Prima, l’accusa di doping, messa subito a tacere da prove inconfutabili. Poi, la batosta: a partire dal 2019, a Semenya è stato impedito di competere nella sua specialità a causa delle restrizioni sul testosterone.

Restrizioni introdotte dall’International Association of Athletics Federations (IAAF), ora World Athletics, con l’obiettivo di “creare condizioni di competizione più equilibrate tra gli atleti”.

Secondo il regolamento, le donne con livelli naturalmente elevati di testosterone devono sottoporsi a trattamenti ad hoc per ridurlo al di sotto di una certa soglia.

La situazione di Semenya ha sollevato un acceso dibattito sulle questioni di genere, identità e uguaglianza nello sport.

Molti sostenitori di Semenya, nonché difensori dei diritti umani e delle pari opportunità nello sport, hanno criticato queste restrizioni, sostenendo che discriminino l* atlet* femminili ed intersex che non si conformano agli stereotipi tradizionali di femminilità.

Chiudendo la strada anche all* atlet* trans, già peraltro escluse a priori dalle competizioni all’inizio di quest’anno. 

Il baluardo del fair play a livello agonistico è spesso un veicolo di discriminazione – sia per l* atlet* non conformi agli standard imposti per il genere assegnato che per quell* trans.

Ad oggi, i regolamenti per diverse discipline sportive faticano a rimanere al passo con il progresso sociale, nonostante gli appelli e le raccomandazioni dell* attivist*.

Nonostante le sfide e le battaglie legali affrontate, Semenya ha dimostrato una straordinaria determinazione, lottando per il suo diritto di competere nella sua specialità senza dover modificare il proprio corpo.

La sentenza della Corte Europea per i Diritti dell’Uomo

Negli scorsi giorni, la Corte europea per i diritti dell’uomo ha finalmente riconosciuto che Caster Semenya è stata oggetto di discriminazione a causa delle restrizioni imposte sul suo livello di testosterone.

La Corte ha inoltre evidenziato come all’atleta sia stata negata l’opportunità di ricorso presso altre istituzioni come la Corte di Arbitrato per lo Sport e la Corte Suprema Svizzera.

È importante notare che al momento non è ancora chiaro se la sentenza avrà un impatto immediato sugli attuali regolamenti dell’atletica e se Caster Semenya sarà autorizzata a partecipare ai Giochi olimpici di Parigi nel 2024.

Tuttavia, la decisione della Corte europea per i diritti dell’uomo rappresenta un precedente di grande importanza e potrebbe spingere la massima autorità sportiva a rivedere i regolamenti che limitano la partecipazione delle persone non conformi agli standard del genere assegnato.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24

Continua a leggere

Bingham Cup 2024, a Roma il Campionato Mondiale di Rugby per squadre inclusive - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, a Roma il Campionato Mondiale di Rugby per squadre inclusive

Corpi - Redazione 7.2.24
Lewis Hamilton, il campionissimo di Formula 1 e strenuo difensore dei diritti LGBTQIA+ sarà un pilota Ferrari - Lewis Hamilton - Gay.it

Lewis Hamilton, il campionissimo di Formula 1 e strenuo difensore dei diritti LGBTQIA+ sarà un pilota Ferrari

Corpi - Federico Boni 2.2.24
Robbie Manson, tra OnlyFans e ritorno in acqua il canottiere si è qualificato per le Olimpiadi 2024 di Parigi - Robbie Manson - Gay.it

Robbie Manson, tra OnlyFans e ritorno in acqua il canottiere si è qualificato per le Olimpiadi 2024 di Parigi

News - Federico Boni 13.9.23
intersex intersessualita

Persone intersex, le informazioni sull’intersessualità nella sezione dell’ISS (finanziato da Unar)

Corpi - Redazione Milano 26.10.23
Martina Navratilova se la prende anche con la drag queen: "Patetica parodia delle donne" - Martina Navratilova - Gay.it

Martina Navratilova se la prende anche con la drag queen: “Patetica parodia delle donne”

Corpi - Redazione 6.10.23
Amber Glenn prima storica campionessa USA di pattinaggio artistico femminile dichiaratamente queer - Amber Glenn - Gay.it

Amber Glenn prima storica campionessa USA di pattinaggio artistico femminile dichiaratamente queer

Corpi - Redazione 30.1.24
Tom Daley torna in acqua dopo due anni e vince subito un oro. È pronto per le Olimpiadi di Parigi - Tom Daley oro - Gay.it

Tom Daley torna in acqua dopo due anni e vince subito un oro. È pronto per le Olimpiadi di Parigi

Corpi - Redazione 20.12.23
Foto: NPR (Keeley Parenteau)

Maratoneta non binary vince la maratona di New York (ma non riceve il premio)

Corpi - Redazione Milano 23.1.24