Diodato: “Vi spiego perché non direi mai se fossi gay”

La storia con Levante, l'esperienza sanremese e il successo del brano portato in gara con l'amico di sempre Roy Paci. Fermi tutti: parla Diodato.

Diodato: "Vi spiego perché non direi mai se fossi gay" - xDiodato Evidenza - Gay.it
5 min. di lettura

All’ultimo Festival di Sanremo, Diodato ha conquistato tutti con la sua Adesso. E oggi, a distanza di un mese esatto dalla fortunata kermesse musicale condotta da Claudio Baglioni, il (quasi) trentasettenne Diodato si gode un periodo particolarmente felice della sua vita. Infatti, oltre a gongolare per l’ottimo successo in termini di vendite e passaggi radiofonici del brano presentato in coppia con l’amico Roy Paci, la nuova promessa della musica italiana sta per partire con il suo Adesso Club Tour che lo porterà da nord a sud per il bel Paese. Noi di Gayit l’abbiamo raggiunto tra una prova e l’altra e questo è tutto quello che ci ha raccontato sulla sua esperienza sanremese e sulla sua insolita visione della musica, ma guai a chiedergli di Levante.

Fa strano parlare con un giovane che riesce ad ottenere un ottimo risultato senza passare, però, dal mondo dei talent, non trovi?

Non direi. Oramai ci sono tanti esempi di nuovi artisti che hanno raggiunto un ottimo risultato senza passare da quel mondo lì. Io ho fatto un altro percorso e vengo dalla gavetta, quella vera. Quella vecchio stile fatta di concerti e piccole apparizioni.

Parlando così sembrerebbe che tu li stia demonizzando un po’, o sbaglio?

No, non li demonizzo affatto. È un mondo assai lontano da me e dal mio modo di concepire la musica, ma capisco perfettamente chi prova a partire da lì. Certo è che quel tipo di percorso può essere molto crudele se non si arriva già preparati e consapevoli di quello che potrebbe accadere dopo. 

E il fatto di non averne fatto parte è un limite per quanto riguarda promozione e passaggi radiofonici?

Negli ultimi anni sembrava essere proprio così, mentre ora vedo, sento e percepisco una sorta di ritorno al passato. La musica sta tornando finalmente ‘in mano’ al pubblico.

In che senso?

È come se un brano vivesse di vita propria, anche senza il supporto dei media. Non è il mio caso, visto che Adesso, il brano che ho portato a Sanremo, sembrerebbe essere uno dei più trasmessi dalle radio, ma anche la rete sta dando un sopporto importante alla musica. 

Diodato: "Vi spiego perché non direi mai se fossi gay" - Gay.it

Però permettimi di definire bizzarra la scelta di arrivare a Sanremo, con un bel brano, ma senza nessun album..

Fino a qualche tempo fa, avrei confermato la tua tesi, mentre ora, almeno nel mio caso, non è più così. Perché fare le cose per forza o farle troppo velocemente per poi portare un lavoro che, in quel preciso momento, non ti rappresenta a pieno? Raccontarsi così: singolo dopo singolo, è il modo più vero e immediato per condividere la propria verità. E a Sanremo, con Roy, ho portato il mio pensiero attuale.

Piuttosto, com’è nata la collaborazione con Roy Paci?

Roy è un amico, oltre che uno dei miei artisti preferiti. Ho avuto modo di collaborare nel suo studio, a Lecce, oltre che con la sua etichetta discografica. E quando ho pensato ad un tocco di classe da dare al mio brano, non ho pensato a nessun altro se non a lui.

Diodato: "Vi spiego perché non direi mai se fossi gay" - Roy - Gay.it

Qualche malalingua, durante la kermesse, si chiese perché a suonare la tromba hai dovuto scomodare Paci, quando sarebbe bastato uno qualsiasi dell’orchestra..

Evidentemente questa malalingua non capisce nulla di musica! Potrei dire qualsiasi cosa su Roy, ma la sua storia parla per lui.

Questo è stato il tuo secondo Festival. Con che spirito sei tornato a casa?

Sono ancora al settimo cielo. C’è stata una risposta da parte del pubblico, sera dopo sera, inimmaginabile. Adesso è un brano che arriva dritto al cuore, ma non al primo ascolto. 

Hai dichiarato: “Adesso rappresenta una volontà chiara di non voler commettere più gli stessi errori, di concentrarmi sul presente e di non dipendere troppo dai social”. Pensi ci si possa riuscire?

È difficile, ma ci si può provare. Penso che tutti dovremmo iniziare ad usare i social in un modo più sano. Sono bellissimi, utilissimi ed hanno una forza inarrestabile, ma dovremmo tutti fare un passo indietro per concentrarci maggiormente su quello che abbiamo davanti, e non su quello che potremmo avere dietro una tastiera. Il mio pezzo, però, non era un manifesto contro i social come alcuni hanno erroneamente pensato. Volevo invitare tutti a concentrarci di più sul presente, tutto lì.

Diodato: "Vi spiego perché non direi mai se fossi gay" - 10 sfera ebbasta levante antonio diodato - Gay.it

A proposito di presente, di te e della tua vita privata, in verità, non si sa molto se non della relazione con Levante, ma lei, stando a quanto ha dichiarato al settimanale Grazia, preferisce non parlarne. Perché tutto questo mistero dietro ad una bella storia d’amore?

Perché certe cose andrebbero vissute nella vita reale e non in quella mediatica, piuttosto che in quella ‘social’. Perché dover condividere sempre tutto? Si chiama vita privata e in quanto tale vorrei che tutto restasse così. Privato. Mio. Nostro. Con questo, naturalmente, non sto confermando nulla, se non che la penso esattamente come Levante.

Però si sa anche che gli artisti, di privato, hanno ben poco…

Ma ho già la fortuna di condividere tutto quello che sento, e provo, con la musica, che non vedo perché dovrei condividere anche altri aspetti della mia vita. Mettere sui social anche il mio privato, come fosse un lavoro, per avere chissà quale vantaggio, scusatemi ma non fa per me! 

Da come rispondi, sembrerebbe una domanda ricorrente questa della tua storia con Levante..

Eh già. Ma la domanda che poi mi faccio io è sempre la stessa: “Perché interessa davvero così tanto?”. 

Cambiamo pagina. In Cretino Che Sei, il tuo penultimo singolo, parli delle ricadute in amore. A quanto pare l’amore ha un gran posto nella tua vita, o sbaglio?

E spero che sia così per tutti! L’amore è il mio motore principale ed è forse anche per questo che non amo parlare del mio privato. Cantando spesso, se non sempre, le emozioni che provo rischierei di mettermi troppo a nudo. 

Diodato: "Vi spiego perché non direi mai se fossi gay" - Diodato e1512218539835 - Gay.it

Spesso si discute di artisti che non hanno il coraggio di ammettere la propria sessualità. Se tu fossi gay, ad esempio, lo diresti?

Molto probabilmente, no. Perché mettere il privato nella pubblica piazza? Questo non fa di me una persona poco sincera, ma bensì una persona che rispetta il suo privato. Se fossi gay mi vivrei la mia vita affettiva con le persone con cui ho il piacere di condividere tutto, e non necessariamente con il mondo intero.

Risposta che potrebbe esser fraintesa, lo sai sì?

Sbagliando, però. Io credo in tutti i diritti, anche in quelli ancora non realizzati nel nostro Paese. E credo che sia ancor più giusto manifestare e farsi sentire a più non posso, quando la società si gira dall’altra parte. Però, allo stesso tempo, ritengo anche che gli artisti dotati di un ‘megafono’ importante, debbano parlare e contribuire alla causa omosessuale a più non posso. Artista etero o gay, poco importa. 

A breve, invece, partirà il tuo tour in giro per l’Italia..

A brevissimo, direi. Non vedo l’ora. Sarà un tour nei club italiani e con qualche piccola tappa all’estero. Sarò accompagnato da una band meravigliosa e non vedo l’ora di condividere con chi avrà il piacere di ascoltarmi la mia musica. 

E poi sarai di nuovo impegnato con il concerto del 1 Maggio a Taranto. Strana come cosa per uno nato ad Aosta, no?

Io sono nato ad Aosta, ma poi ho vissuto come un nomade in giro per l’Italia. A Taranto, invece, ho vissuto per tantissimo tempo. Forse proprio lì ho vissuto i miei anni migliori.

È ancora così importante dedicare una giornata ai lavoratori?

Assolutamente sì e poi, quella manifestazione, ahimè porta avanti anche il problema Ilva. Quest’anno, online, sulla piattaforma web Musicraiser c’è un crowdfunding ed è tutto in mano alle persone che ci vogliono aiutare. 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Carmine Alfano sospeso dall'Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata - Carmine Alfano 2 - Gay.it

Carmine Alfano sospeso dall’Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata

News - Redazione 21.6.24
Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24

Hai già letto
queste storie?

Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, le insicurezze di Federico Massaro: il confronto con Beatrice Luzzi

News - Luca Diana 13.3.24
Eurovision 2024, stasera con la 2a semifinale vota l'Italia e canta Angelina Mango. Ordine di uscita e ospiti. - Eurovision 2024 stasera con la 2a semifinale - Gay.it

Eurovision 2024, stasera con la 2a semifinale vota l’Italia e canta Angelina Mango. Ordine di uscita e ospiti.

Culture - Redazione 9.5.24
Marcella Bella e l'etichetta di "icona gay". A Belve non sa cosa significhi LGBT: "Lesbiche, gay, travestiti?" (VIDEO) - Marcella Bella a Belve - Gay.it

Marcella Bella e l’etichetta di “icona gay”. A Belve non sa cosa significhi LGBT: “Lesbiche, gay, travestiti?” (VIDEO)

Culture - Redazione 16.4.24
Peter Gomez e Roberto D’Agostino fanno outing a Mahmood e Marco Mengoni: "Sono gay dichiarati" (VIDEO) - Mengoni e Mahmood sono gay dichiarati outing in tv - Gay.it

Peter Gomez e Roberto D’Agostino fanno outing a Mahmood e Marco Mengoni: “Sono gay dichiarati” (VIDEO)

Culture - Redazione 12.2.24
The Acolyte, inclusione e rappresentazione LGBTQIA+ nella nuova serie Star Wars - The Acolyte 2 - Gay.it

The Acolyte, inclusione e rappresentazione LGBTQIA+ nella nuova serie Star Wars

Serie Tv - Redazione 21.3.24
Antonella Clerici a Belve "Ferita da Barbara D'Urso, fu sgradevole". E svela il nome cantante del sugo-gate (VIDEO) - Antonella Clerici - Gay.it

Antonella Clerici a Belve “Ferita da Barbara D’Urso, fu sgradevole”. E svela il nome cantante del sugo-gate (VIDEO)

Culture - Redazione 23.4.24
Baby Reindeer, chi è Richard Gadd, comico queer che ha creato la serie Netflix del momento? - baby reindeeruniversal base na 02 zxx - Gay.it

Baby Reindeer, chi è Richard Gadd, comico queer che ha creato la serie Netflix del momento?

Serie Tv - Redazione 23.4.24
Beatrice Luzzi, Grande Fratello

Perché Beatrice Luzzi dovrebbe vincere il Grande Fratello? Le nostre pagelle

Culture - Luca Diana 7.3.24