Paola Iezzi: “Io, sola contro tutti!”

I momenti down, il passato, il presente, il futuro e la voglia di riprendersi tutto quello che aveva lasciato in sospeso. Fermi tutti: parla Paola Iezzi!

Se c’è una che sembra faccia di tutto per non esserci sempre e comunque, è lei. Sto parlando dell’iconica Paola Iezzi che, da qualche settimana, è tornata nelle classifiche digitali con la sua nuova hit Lovenight, già candidata ad essere il tormentone di questa estate 2016. “Lovenight rappresenta per me una rinascita musicale. Lovenight non è la notte d’amore, ma l’entusiasmo che si riaccende, nonostante tutto”, mi confessa un’euforica Iezzi e aggiunge: “Tra un anno festeggerò venti anni di carriera e sto pensando ad un qualcosa di veramente forte, anche se, in tutta sincerità, non amo festeggiare”. Paola, negli anni, è riuscita nel suo intento: crearsi una nuova credibilità musicale, senza fare riferimenti ad un passato non troppo remoto e, tra una domanda e l’altra, davanti ad un cappuccino di soia e ad un cornetto vegano, l’eterna star della musica pop italiana si racconta su progetti, piani B e su tutto quello che le passa per la testa perché, stavolta, l’intervista la domina lei.

Non sembri una di quelle che vuole esserci a tutti i costi. O sbaglio?

Non sbagli. Io cerco di esserci solo quando ho qualcosa di realmente valido tra le mani. Non mi piace cantare, tanto per. La pop music, nonostante sia molto commerciale, ha comunque una dignità che va rispettata. Il pop, se proprio vogliamo dirla tutta, sembra essere diventato un espediente per aver successo e quando vedo questo comportamento, in altri artisti, il più delle volte mi chiedo: ma perché lo fanno?

Dopo diversi singoli malinconici, con Lovenight sembra tornata la Paola di un tempo..

Beh, se vogliamo, anche Lovenight parte in modo malinconico. Proprio all’inizio canto: “Io me ne andrei, sono in cerca di un miracolo, e partirei, evitando ciò che è logico, perché la gente è stanca.” Poi, però, si riprende e arriva quella scintilla, quell’entusiasmo che ti fa venir la voglia di non mollare e di tuffarti ancora in qualcosa in cui credi, ma con una coscienza diversa.

Però canti anche: “E faremo festa, con quel che ci resta..”

Non vuol dire ricominciare da capo cancellando il passato, anzi. Quello, purtroppo, non si può fare. Io, quando canto quella festa, voglio far passare il messaggio che farò festa con quello che ho a disposizione. Con quello che ho costruito. Un po’ come una sorta di MacGyver che, con le quattro stronzate che aveva, riusciva a tirarsi sempre fuori dai guai.

13592193_10155011513838135_5868806675770893015_n

Come vivi il passare degli anni?

Ti suggeriamo anche  Gianna Nannini: "Sposo Carla a Londra, lo faccio per diritti di mia figlia Penelope"

Cerco di non pensarci per stare meglio. Ho capito, con il passare del tempo, che non devo pensare a quello che è stato ieri, così come non devo concentrarmi troppo sul futuro.

E su cosa devi concentrarti per star bene?

Sull’oggi. Bisogna imparare a viversi le cose, in tutto il loro splendore e non dobbiamo far finta che stiano accadendo proprio a noi. Proprio l’altro giorno parlavo con un amico, il quale sta perdendo un genitore, e sai cosa mi ha detto? Che quella che sta vivendo è una bella esperienza e che la vuole vivere tutta, assistendo suo papà fino al suo ultimo respiro. La morte, purtroppo, fa parte della nostra vita. Tutti, prima o poi, perderemo i nostri genitori e quella sua frase mi ha impressionato. Mi ha fatto capire quanto la consapevolezza, abbinata alla maturità, possa aiutarci a superare qualsiasi momento.

I più cattivi parlano di botox per tutti e per tutte. Tu ricorreresti mai alla chirurgia?

E’ una domanda che non m’interessa. Ricorrerei alla chirurgia solo se ne sentissi una vera necessità. Poi non capisco tutta questa caccia al botox. Tutta questa continua ricerca del naturale. A questo punto, se vogliamo dirla tutta, anche le tinte per i capelli non sono naturali e allora perché tutti vanno a coprirsi i capelli bianchi? Lo stesso vale per chi va in palestra e per chi sta perennemente a dieta. Ovviamente, tornando alla chirurgia, non mi piace l’esagerazione, non mi piace l’eccesso e non mi piacciono gli stravolgimenti. Chi si stravolge e si lascia stravolgere, non ha bisogno di un chirurgo, ma piuttosto di un valido psicologo.

13501766_10154983863323135_1837190851893333426_n

Come ci si sente ad essere di nuovo in prima fila, ma stavolta da sola?

Avevo paura. Una paura sana. Una paura bianca. Dopo quasi vent’anni passati a far musica con Chiara, non è stato facile. Ritornare in studio e fare di nuovo tutte quelle cose che facevo con lei, mi portava ad essere malinconica.

Ti fa piacere quando il tuo nome viene ancora accostato a quello di tua sorella?

Quello che ho sempre detto a tutti è che io non ho problemi con mia sorella, tanto più con quello che è stato il progetto Paola & Chiara. Io sono orgogliosa di quello che abbiamo fatto in passato e non mi dà assolutamente fastidio che il mio nome venga ancora collegato al suo. Il nostro sodalizio ha iniziato a non funzionare quando siamo state, per troppo tempo, con la testa sott’acqua. Avevamo entrambe bisogno di ossigeno e quando inizia a mancare quello, tutto inizia a sfasarsi. E’ stato doloroso. Tanto.

Hai mai pensato ad un piano B?

Ti suggeriamo anche  Dal Sudafrica al mondo: chi è Nakhane, star androgina tra musica e cinema

Ci penso sempre, ma alla fine non riesco ad immaginarmi lontana dalla musica e dallo spettacolo.

In un’intervista a Vanity Fair hai detto che mai avresti pensato di tornare in musica. Dove hai trovato la forza per tornare in pista?

A dire il vero sono state due le cose che mi hanno convinta: una è stata l’amore per la musica, mentre la seconda è stata la voglia di rimettermi in gioco. Io sono indipendente, faccio tutto con le mie forze e la cosa che mi rende davvero orgogliosa è che nonostante tutte le difficoltà, porto comunque a casa un ottimo prodotto musicale. Il mondo del pop in Italia è perfettamente allineato al mio progetto e mi vien da ridere se ripenso a quando dicevano, a me e a mia sorella, che la pop dance che presentavamo alle radio era sbagliata per il mercato italiano, quando poi, oggi, tutti la fanno. L’unica cosa che invidio, se proprio d’invidia dobbiamo parlare, è la spinta promozionale che altri artisti hanno ed io no. Purtroppo il risultato è sempre commisurato allo sponsor che si ha.

Lovenight è uscita lo stesso giorno in cui anche Syria si è riaffacciata sulle scene musicale (LEGGI QUI LA SUA INTERVISTA > >). Puro caso o una scelta strategica?

Credimi che io non ne ero proprio a conoscenza, anzi. Appena l’ho saputo ho mandato subito un messaggino di in bocca al lupo a Cecilia (Syria, ndr). Pensa che ci conosciamo da anni ed è una persona, oltre che un’artista, davvero deliziosa. E’ un’amica. Con lei condivido le stesse difficoltà: entrambe ci scontriamo contro le dinamiche musicali, totalmente diverse, da quelle con le quali abbiamo iniziato. Delle volte sembra che dobbiamo pagare una penale perché arriviamo dagli anni ’90.

IMG_3653

Tra un anno festeggerai i tuoi primi vent’anni di carriera. Dobbiamo aspettarci qualche sorpresa?

Sono sempre dell’idea che uno deve festeggiare, quando si sente di festeggiare. Sarò un po’ strana, ma io, ad esempio, non amo festeggiare il giorno del mio compleanno. Piuttosto, sono una che ama festeggiare dei traguardi. Ad ogni modo, ci si pensa.

Qualcuno parlava di amicizie speciali con Max Pezzali ed Emis Killa per il tuo prossimo lavoro. Dicerie?

Ti suggeriamo anche  Syria e Ambra insieme in Io Te Francesca E Davide: ecco il video

La gente, per amor di battuta, parla davvero un sacco, eh? Bisognerebbe parlare di meno e fare tutti di più.

Piuttosto, sono circolate in rete foto che ti ritraevano assieme a Fabio Volo. Qualcosa bolle in pentola?

E chi può dirlo? Non posso dire niente, magari dopo l’estate si saprà qualcosa.

In tempi non sospetti avevi parlato di matrimonio. E poi?

Ho passato tre anni tosti e avrei voluto occuparmi di questo sogno d’amore, ma non era il momento giusto. Non ero serena. Facevo fatica a superare le giornate. Vivevo dei sentimenti che mai avrei voluto facessero parte della mia vita. Non amo lamentarmi e non amo farlo con nessuno. Penso da sempre che ognuno abbia i suoi problemi, i quali, il più delle volte, sono anche più seri dei miei.

E oggi come stai?

Sto molto meglio, grazie.

paolapaolo-givenchy-1024x768

Sei consapevole che se quella volta fossi andata con Robbie Williams, magari, oggi saresti la signora Williams?

(Ride, ndr) Aiuto. Le rockstar non dovrebbero sposarsi mai. Lo stimo tanto, come artista, ma io preferisco il mio Paolo.

I tuoi social mostrano due lati: uno più pop ed uno più snob. Complessivamente ti ritieni più pop o più snob?

Tutti e due, dai. Mi piace, ogni tanto, anche un po’ di sana leggerezza e penso da sempre che chi vede il marcio in tutto e tutti, è perché alla fine è il primo ad esserlo dentro.

Ti capita mai di soffermarti a pensare a dove sei arrivata?

Raramente. Ho fatto tante cose belle ed importanti nella mia vita, ma cerco di concentrarmi sempre sul quotidiano.

E cosa manca nella tua vita?

Una chance. Una chance dagli addetti ai lavori. Vorrei che ci fosse più fiducia nei miei confronti, nella mia musica e non solo sui talent. Il mercato italiano non è cambiato, ed io ho una massima comprensione per tutti, ma così, se non allarghiamo i nostri orizzonti, stiamo distruggendo tutto. E’ troppo facile dire che un progetto non ha avuto successo se non ha avuto neanche una chance e ricordiamoci che dietro ad un progetto, non c’è solo l’artista, ma ci sono tantissime persone che lavorano, dai fonici ai musicisti.

d059c518-7473-4776-b321-a19bf7dd2e68

Photo: Paolo Santambrogio & Marco Piraccini