Filippo Scotti, la nuova star che snobba i social e ammalia la stampa americana

Acclamato alla Mostra del Cinema di Venezia. Per Variety è il Timothée Chalamet italiano. Ha 22 anni, su Instagram posta scorci di architetture, nature morte e chiaroscuri. Una personalità distaccata che ha stregato Paolo Sorrentino.

Filippo Scotti, la nuova star che snobba i social e ammalia la stampa americana - 78MostraCinema Filippo Scotti 2986 1 - Gay.it
foto di @robertomoro_photographer per @picoplanoselection
3 min. di lettura

Sulla scena cinematografica italiana si è definitivamente affacciato un volto nuovo. È bastato che si dicesse che Paolo Sorrentino lo aveva selezionato per interpretarlo negli anni dell’adolescenza nel film autobiografico È stata la mano di Dio, affinché l’attenzione dei media internazionali si concentrasse su di lui. Filippo Scotti, nato a Gravedona (Como) il 22 dicembre 1999 sotto il segno del capricorno, non ha ancora compiuto 22 anni e già può vantare nel curriculum un ruolo da protagonista in una pellicola di un regista da Oscar, presentata alla Mostra del Cinema di Venezia 2021.

Filippo Scotti, la nuova star che snobba i social e ammalia la stampa americana - Filippo Scotti - Gay.it
Dopo aver vissuto quattro anni a Dongo, sulle sponde del lago di Como, si trasferisce con la famiglia al meridione: prima a Pozzuoli, poi a Napoli, dove studia e dà adito a quella voce interiore che gli suggeriva di salire sul palco. “Un giocare, nulla di più, poi lentamente ho realizzato che era qualcosa di più forte”, ha rivelato Filippo Scotti in una delle sue prime interviste, sottolineando che quella per la recitazione non è stata mai una passione, ma qualcosa di più simile a una missione di vita. Il primo spettacolo che lo vede tra gli attori è del 2017, in scena al Bellini di Napoli, poi una rapida scalata fino alla partecipazione alle produzioni Netflix. Prima che nel film firmato da Paolo Sorrentino, infatti, l’artista è stato protagonista di una serie originale italiana della piattaforma di streaming: si tratta di Luna Nera del 2020, drama fantastico ambientato nel 1600, in cui vestiva i panni di Spirto. Prima ancora, una parte anche nella serie Sky 1994, insieme a Stefano Accorsi.

Nei giorni successivi all’uscita della serie, Filippo Scotti ha confessato che tra i progetti futuri a cui avrebbe voluto prendere parte c’era proprio un film cinematografico, così da ampliare il proprio portfolio artistico, già ricco di esperienze. D’altronde, fra i propri modelli di riferimento e di ispirazione compaiono nomi che hanno reso ancor più luminosa la settima arte nei decenni passati: Hitchcock, Kubrick. “I primi film che mio padre mi faceva vedere. Mi ricordo il suo primo insegnamento: bisogna saper capire e leggere i film, non fermarsi all’apparenza”, ha poi aggiunto nell’intervista.

Filippo Scotti, la nuova star che snobba i social e ammalia la stampa americana - coverlg home - Gay.it

“Cercavo un attore bravo, e lui lo è, ma soprattutto mi sembrava che avesse la stessa timidezza e il senso di inadeguatezza che hanno caratterizzato i miei 17 anni”, ha invece dichiarato alla stampa Paolo Sorrentino, giustificando in questo modo la scelta di un quasi esordiente al timone della pellicola autobiografica, che intreccia emozioni semplici e scene genuine di una Napoli che aspetta l’arrivo salvifico di Maradona nella squadra militante in Serie A. Proprio il permesso di seguire la partita in trasferta ad Empoli salva Fabietto (alter ego per Paoletto, il piccolo Sorrentino) da morte certa: durante il weekend, i due genitori perdono la vita per avvelenamento dal monossido di carbonio nella loro casa in montagna.

Embed from Getty Images

La tenerezza e la riservatezza nello sguardo di Filippo Scotti non sono passati inosservati nemmeno agli occhi dei giornalisti di Variety, il noto portale statunitense di intrattenimento, che hanno descritto l’attore confrontandolo con un collega di fama internazionale, anche lui atteso a Venezia:

Filippo Scotti, l’attore che interpreta Sorrentino da giovane, è bello, con la sua pelle pallida, con i capelli ricci e una presenza elegante nella sua quiete. C’è qualcosa di Chalamet in lui; allo stesso tempo, lo si potrebbe immaginare nei panni del giovane Bob Dylan.

A star is born, direbbe qualcuno, complici le recensioni positive del film e i fiumi di applausi al cast ricevuti al termine della prima proiezione del film. E il cinema italiano torna a certe antiche emozioni di un tempo, un attore che insegue poco i social. Con poco meno di 4.000 follower (ad oggi), sul canale Instagram il ragazzo posta scorci di architetture, immagini di nature morte e chiaroscuri, appunti di una quotidianità astratta, che lascia immaginare una personalità distaccata dal vortice dello star system, immersa nella propria vocazione di sognatore. Quel sognatore che, come Maradona e come Sorrentino, un giorno si desta dai suoi torpori e, guardando in faccia la realtà, sussurra: “E’ stata la mano di Dio”.

 

Filippo Scotti, la nuova star che snobba i social e ammalia la stampa americana - filipposcottigayit2 - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24

Continua a leggere

Venezia 80, la famiglia queer di "Domakinstvo za pocetnici" vince il Queer Lion 2023 - domakinstvo za pocetnici - Gay.it

Venezia 80, la famiglia queer di “Domakinstvo za pocetnici” vince il Queer Lion 2023

Cinema - Federico Boni 8.9.23
Kobieta Z - Woman Of, a Venezia 2023 una storia di Orgoglio Trans nella Polonia omobitransfobica di Duda - kobieta z 1 - Gay.it

Kobieta Z – Woman Of, a Venezia 2023 una storia di Orgoglio Trans nella Polonia omobitransfobica di Duda

Cinema - Federico Boni 8.9.23
Venezia 2023: Bradley Cooper e Caleb Landry Jones, sfida a due per una Coppa Volpi "queer" - Bradley Cooper e Caleb Landry Jones - Gay.it

Venezia 2023: Bradley Cooper e Caleb Landry Jones, sfida a due per una Coppa Volpi “queer”

News - Federico Boni 5.9.23
The Summer With Carmen è la grossa grassa commedia gay greca di Venezia 2023 - The Summer with Carmen - Gay.it

The Summer With Carmen è la grossa grassa commedia gay greca di Venezia 2023

Cinema - Redazione 7.9.23
A Voce Nuda

“A Voce Nuda”, il cortometraggio sulla sextortion con Andrea Delogu e Mr. Rain: guarda il trailer

Cinema - Luca Diana 9.9.23
Life Is Not a Competition, But I’m Winning

Corpi non conformi e sport a Venezia 2023: come Julia Fuhr Man (ri)scrive la storia

Cinema - Redazione Milano 5.9.23