GAY COMICS “MADE IN ITALY”

Primi segnali della nascita di una cultura del fumetto omoerotico anche in Italia. In attesa della prima antologia espressamente dedicata, ecco una rassegna di giovani promettenti autori e autrici.

GAY COMICS "MADE IN ITALY" - iotu - Gay.it
3 min. di lettura

Clicca qui per la galleria di Kinu Sekigushi.
Negli Stati Uniti le iniziative editoriali che riguardavano il fumetto gay hanno avuto inizio nei primissimi anni ’70 e si sono consolidate negli anni ’80 e ’90, offrendo una certa varietà di proposte e di stili.

GAY COMICS "MADE IN ITALY" - gocce - Gay.it

Questi primi anni 2000, poi, sembrano iniziare all’insegna di un’ulteriore evoluzione nei generi e nei modi di presentare autori ed opere. In Italia, invece, si è iniziato a parlare di fumetti gay solo da una manciata d’anni e quasi esclusivamente a livello di shonen ai. Anche per questo buona parte dei prodotti italiani realizzati finora ha risentito dell’influenza più o meno marcata dei fumetti omoerotici per ragazze tipicamente giapponesi. Tuttavia (e per fortuna) qualcuno sta iniziando ad ampliare i propri orizzonti. Abbiamo già parlato in diverse occasioni della collana BOY+BOY della Echo Communication, e dello spazio che ha riservato alle giovani autrici di shonen ai all’italiana. Ultimamente questo editore sembra voler tentare anche la carta di produzioni più originali e variegate.
I primi segnali si sono avuti con l’antologia Gocce, che ospita quattro storie brevi a fumetti, tre racconti illustrati e un portfolio inedito di Roy Kang, ed i fumetti in particolare sono molto eterogenei per stili e tematiche.

GAY COMICS "MADE IN ITALY" - g4kinu8 - Gay.it

Tu…Ed io, delle “veterane” Barbara Apostolico e Claudia Lombardi, è uno “shonen ai” abbastanza classico che ci offre uno scorcio dell’intensa e appassionata storia d’amore fra Hevan e Kamui, iniziata fra le aule universitarie.
Rock Guys, della newyorkese Abby Denson e realizzato con un tratto volutamente grezzo ed essenziale, parla della nascita di una tenera passione fra il cantante di una rock band e il suo nuovo chitarrista.
Feticisti in erba dell’esordiente Tigan, invece, racconta di tre amici gay che vanno a fare una scampagnata in montagna: il clima rilassato favorisce i momenti di passione e divertimento un po’ goliardesco, soprattutto quando al gruppo si aggiunge un biker di passaggio…
La cena, di Max Basili e Giorgio Colò, decrive le curiose vicissitudini di Michele, che viene invitato a cena da un suo professore, giusto per scoprire di avere fatto colpo sul di lui figlio…
Il portfolio di Roy Klang, probabilmente l’illustratore/fumettista leather più rappresentativo del panorama italiano, invece, fa da ideale preludio all’albo dedicato interamente al suo personaggio Dick Master, di cui parleremo prossimamente.
Sempre per la Echo Communication è uscito anche Kinu Sekigushi Works, ovvero una raccolta delle illlustrazioni di questo giovane ed apprezzato autore francese.
Nonostante sia presente nella scena ufficiale solo da pochi anni, Kinu Sekigushi ha già un certo seguito oltralpe, merito del suo stile che mette insieme l’estetica dei manga e la sensibilità gay europea.
I suo ragazzi glabri e muscolosi, spontanei e delicati nel loro esibizionismo, sono stati al centro di diverse mostre di successo, l’ultima delle quali si è tenuta proprio in Italia (clicca qui). Unico neo della pubblicazione italiana (peraltro impreziosita da una lunga e inedita intervista bilingue) è la riproduzione in scala di grigi di diverse sue opere a colori (probabilmente dovuta alla mancata certezza di un riscontro di pubblico che giustificasse la stampa a colori). Kinu Sekigushi è attualmente al lavoro sulla sua prima storia a fumetti, che verrà editata ancora una volta dalla Echo Communication.
Sicuramente questi primi passi verso una concezione più ampia di “fumetto gay” sono indice di un rapido mutamento dei tempi, al punto che presto dovrebbe vedere la luce in tutte le edicole la prima antologia espressamente dedicata al fumetto gay internazionale: Happy Gay.
Restate sintonizzati.

Abbiamo parlato di:
Titolo: Goccie
Editore: Echo Communication
Costo: € 6,50
Titolo: Kinu Sekigushi Works
Editore: Echo Communication
Costo: € 6,50
Entrambi sono reperibili nelle migliori fumetterie e nelle librerie gay.
Potete richiedere maggiori informazioni all’ indirizzo info@ecoteam.it

Clicca qui per la galleria di Kinu Sekigushi.

di Valeriano Elfodiluce

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24

Leggere fa bene

Tommy Dorfman alla regia del live action di Laura Dean continua a lasciarmi, graphic novel queer - Laura Dean continua a lasciarmi - Gay.it

Tommy Dorfman alla regia del live action di Laura Dean continua a lasciarmi, graphic novel queer

Cinema - Redazione 13.12.23
Echo, la regista Sydney Freeland spiega come il suo essere donna trans l'abbia aiutata a girare la serie Disney Marvel - Echo foto - Gay.it

Echo, la regista Sydney Freeland spiega come il suo essere donna trans l’abbia aiutata a girare la serie Disney Marvel

Serie Tv - Redazione 11.1.24
Sailor Moon Lamu stereotipi di genere

Così Sailor Moon, Lamù e lə altrə icone manga hanno sovvertito gli stereotipi di genere

Culture - Redazione Milano 26.3.24