Le app di incontri per donne: Brenda scomparsa e Wapa a pagamento

Il successo di Grindr e Tinder rispetto alle App per sole donne con vita breve e incerta

Le app di incontri per donne: Brenda scomparsa e Wapa a pagamento - Wapa 1 - Gay.it
4 min. di lettura
Le app di incontri per donne: Brenda scomparsa e Wapa a pagamento - Grindr2 - Gay.it

Nasceva nel 2009, con l’avvento e la diffusione degli smartphone Grindr, la app pensata per uomini gay o bisex. Lo scopo mettere in contatto immediato persone vicine e farle incontrare velocemente per avere rapporti sessuali. Tutto possibile grazie al GPS o geolocalizzazione. A distanza di così pochi anni è già ben noto il grado di dipendenza che Grindr ha avuto su molti, come dicevamo appunto un mese fa e altrettanto interessanti sarebbero da approfondire le esperienze e le opinioni di chi ne è diventato un esperto. Un’analisi da fare prossimamente.

Le app di incontri per donne: Brenda scomparsa e Wapa a pagamento - Tinder2 - Gay.it

Nel 2012, visto il suo successo, il mercato non tarda a rilanciare e nasce Tinder (letteralmente “esca”) che offre la stessa possibilità a utenti eterossessuali. Nel 2014 Esca registra già un miliardo di “strisciate” (delle dita sugli screens) al giorno. Era ancora il 2012 quando, finalmente, iniziano ad apparire le prime applicazioni per sole donne: Wing Ma’am, Qrushr Girls, Pink Sofa… e Brenda, la più conosciuta in Italia fino alla sua prematura scomparsa, che sembrerebbe datata circa un anno fa. Conseguenti tristezza, senso di sconfitta e spaesamento di alcune lesbiche da questa già ampiamente dipendenti, come ricordava mesi fa il blog Memorie di una lesbica atipica.

Ma purtroppo, nonostante il loro numero, nessuna delle app per sole donne ha avuto il successo di Grindr o Tinder.

Le motivazioni possono essere varie ed eventuali:
– gli uomini o le coppie etero, come accadeva in molte chat al femminile, si infiltravano in cerca di avventure imbrogliando le romantiche utenti. Problema risolto con le registrazioni tramite Facebook, che prendono le sue info;
– le donne, in molti casi, hanno meno bisogno di incontri occasionali, ma di più tempo per conoscersi, piacersi e, in caso, avere rapporti sessuali soddisfacenti;
– è l’uomo che per convenzione ha il compito di conquistare e un’app basata sulla “caccia” non sembrerebbe calzare benissimo al target femminile, come sostiene il The Daily Dot.. Anche se le lesbiche sembrerebbero aver imparato bene!

Le app di incontri per donne: Brenda scomparsa e Wapa a pagamento - Brenda1 - Gay.it

Non ci è dato saperlo e non esistono ancora studi online sul tema, fatto sta che Brenda ha avuto vita breve e le donne si sono trovate presto senza un’app d’incontri fino a quando non è misteriosamente apparsa Wapa. Misteriosamente perché tuttora risulta alquanto arduo trovare informazioni relative alla sua nascita o storia, mentre è molto facile trovare il pagina Fb , per capire prontamente che Wapa è in realtà “figlia” di Wapo, stessa app stessa grafica, ma: di nuovo per uomini! Verrebbe da pensare a quel punto che Wapo, visto il nome, sia un’app come Grindr diffusa in America Latina e invece la pagina Fb in questione ha soltanto 247 Like, contro i 121.282 di Grindr!!

Eppure Wapa sta sostituendo Brenda in modo abbastanza veloce e relativamente capillare, ma nessun dato è rintracciabile appunto, poiché su di Lei neanche Wikipedia in inglese da alcuna informazione.

Le app di incontri per donne: Brenda scomparsa e Wapa a pagamento - Pinksofa1 - Gay.it

Lo stesso accade se cerchiamo informazioni o “cenni storici” su Brenda o PinkSofa, ancor che se guardiamo le rispettive pagine Fb, la prima con un bassissimo 296 Like e la seconda con poco più di 8 mila Mi piace.

Di sicuro l’eccessivo numero di app per sole donne in contemporanea in funzione, non ha facilitato il confluire delle persone nella stessa, requisito base per rendere un Social Network più appetibile degli altri concorrenti.

Un’altra novità alquanto sgradevole che Wapa ha portato con sé è il pagamento. Esatto, un costo di 3,99 Euro al mese per avere l’applicazione ben funzionante. Questa infatti può essere utilizzata anche gratis, rinunciando all’uso delle Impronte, che hanno la stessa funzione dei vecchi poke di Facebook, che potrebbe anche essere tollerabile. Il problema che Wapa però presenta, in tal caso, è che ogni 2-3 persone di cui la utente guarda il profilo, pubblicità di giochi o altro bloccano lo schermo irrimediabilmente per circa mezz’ora; lasso di tempo durante il quale è impossibile continuare a utilizzarla come, per esempio, finire un discorso in chat… visto che un’altra particolarità delle chat o app per sole donne è il parlare… e parlare

Attendiamo con ansia e speranza il giorno in cui esiterà un’applicazione gratuita di incontri per sole donne perché i diritti (e i servizi) devono essere uguali per tutti e tutte.
A quel punto però, non sarà affatto certo che ci andrà di utilizzarla!

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

animali-trans

16 specie di animali trans* che fanno tremare i transfobici e le loro argomentazioni

Corpi - Francesca Di Feo 15.4.24
Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO) - Ricky Martin sale sul palco del Celebration Tour di Madonna - Gay.it

Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO)

Musica - Redazione 9.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24
Transgender triptorelina

Germania, approvata legge sull’autodeterminazione: “Le persone trans esistono e meritano riconoscimento”

News - Redazione 15.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24

Continua a leggere

Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Giorgio Romano Arcuri 10.4.24
questo libro non parla di sesso

La pericolosa censura italiana al libro che spiega la sessualità agli adolescenti

Culture - Federico Colombo 16.10.23
Chiara Ferragni con il volto martoriato nel post con cui Profit Ways ha pagato Meta per sponsorizzare le criptovalute

Il volto martoriato di Chiara Ferragni in un violento post Instagram

News - Redazione Milano 8.1.24
palline anali vibranti, soraya beads reviews, stimolatore anale

Esplorando nuove profondità del piacere: una recensione dettagliata dello stimolatore anale Soraya Beads™ di LELO

Corpi - Giorgio Romano Arcuri 17.10.23
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Balducci, Marchisio, Martin e tanti altri - specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Balducci, Marchisio, Martin e tanti altri

Culture - Redazione 11.3.24
Emma Stone in Poor Things (2023)

Emma Stone difende le scene di sesso in Povere Creature

Cinema - Redazione Milano 19.1.24
Peppi Nocera coming out La Badante shitstorm

Il coming out non è solo gay, Peppi Nocera travolto dalle polemiche dopo la nostra intervista

Culture - Redazione Milano 22.1.24