I GAY A FUMETTI CHE FURONO

Trent'anni fa apparve il primo fumetto porno italiano con un protagonista gay. Non vi illudete: era un coacervo di pregiudizi omofobi e volgarità. Un modo per denigrare gli omo.

I GAY A FUMETTI CHE FURONO - comics pride01 - Gay.it
3 min. di lettura

Probabilmente a tutti almeno una volta è capitato di notare i tascabili porno esposti nelle edicole.
Pochi, soprattutto fra i più giovani, sanno che quelli non sono altro che i rimasugli di una immensa quantità di pubblicazioni che ha letteralmente intasato le edicole italiane dalla fine degli anni ’60 alla metà degli anni ’80 (in alcuni periodi ne uscivano anche tre al giorno!).
La qualità di questi fumetti era perlopiù scadente (anche se non mancavano le serie e gli autori di una certa levatura), e nel corso degli anni erano state create protagoniste disinibite e vogliose per tutti i gusti e in tutte le ambientazioni (dalla fantascienza all’horror, dallo storico al poliziesco…).

I GAY A FUMETTI CHE FURONO - comics pride02 - Gay.it

Più raramente le serie erano incentrate su personaggi maschili (Lando, Karzan, ecc…), ma comunque il vero motivo di interesse erano le donnine prosperose che si ritrovavano nelle situazioni più impossibili e, ovviamente, arrapanti (seppur stemperate da una buona dose di ironia). Il pubblico gay, che all’ epoca aveva un peso sociale pari a zero, non era nemmeno considerato (anche se molti di quei fumetti erano aquistati più dai gay interessati ai glutei maschili che dagli etero), in compenso le comparsate di personaggi “gay” in queste storie non mancavano, ma erano presentati solo alla stregua di macchiette comiche, o tutt’al più dovevano essere personaggi irritanti e sgradevoli (magari per giustificarne la sfiga o i maltrattamenti a cui erano regolarmente sottoposti, e che non di rado arrivavano all’eliminazione fisica).
In questo clima pesantemente omofobo, inoltre, nessuno si sognava di considerare il nuovo prototipo di maschio gay, alla Tom of Finland (clicca qui), che in quegli anni iniziava a diffondersi all’ estero (virile, muscoloso e sorridente), pertanto tutti i gay erano necessariamente presentati come estremamente effemminati e decadenti (per dirla con una parola molto in suo al tempo, “checche”).

I GAY A FUMETTI CHE FURONO - comics pride03 - Gay.it

Tuttavia l’editore Renzo Barbieri (clicca qui), sempre molto attento alle mode del momento, nel 1972 decise di lanciare la prima serie “per adulti” avente un personaggio gay come protagonista: Rolando del Fico.
Forse si era ispirato ai film sui gay girati in quegli anni (come “Splendori e miserie di Madame Royale” con Ugo Tognazzi), forse aveva notato che di gay si iniziava a parlare con minor reticenza e forse voleva davvero strizzare l’occhio al pubblico gay, fatto sta che Renzo Barbieri aveva messo assieme tutti i peggiori pregiudizi eterosessuali di quegli anni sul mondo gay.

I GAY A FUMETTI CHE FURONO - comics pride04 - Gay.it

La storia inizia a Cinecittà, dove stanno girando Fellini e Pasolini (strano!), e dove si trova anche il regista Raul Seghini (soprannominato “Amanda” per motivi che è facile intuire). L’ attore preferito da Amanda è Rolando del Fico, assolutamente “divissimo”, del quale è innamorato perso, ma Amanda non è ricambiato perchè Rolando è l’amante segreto di un cardinale che risponde al nome di Monsignor Schiantaculi (“Babà” per gli amici). A questo punto qualcuno potrebbe trovare il tutto originale e divertente, ma non bisogna dimenticare il contesto e il clima di quegli anni, dove non c’ erano visioni alternative dell’ omosessualità e dove era solo a questo che i gay servivano: a far divertire gli eterosessuali. A questo punto non ha molto senso riassumere la girandola di banalità che ha animato i dodici (per fortuna pochi!) numeri della serie. Per darvene un idea basta citare i titoli di qualche episodio: “La bella checca”, “L’ uccellino insanguinato”, “Culatello nostrano”, “Vacanze nel Tucul”, “Le due mammolette”, “Noi siam come le lucciole”, e via discorrendo…

I GAY A FUMETTI CHE FURONO - comics pride05 - Gay.it

E come se non bastasse lo stesso editore, in occasione del “lancio” della serie, aveva pubblicato anche un inqualificabile “Manuale del finocchio” (sottotitolo: “come vive, chi frequenta, come seduce, come eccetera, eccetera…”). Ogni commento è superfluo.
Al di là del suo valore “storico”, Rolando del Fico è la prova lampante dei passi avanti che sono stati fatti dagli anni ’70 a oggi, ma purtroppo rivela anche quante cose sono rimaste uguali nella percezione di gay e omosessualità nella nostra società.
Un motivo in più per ricordarsi a cosa sono serviti i Pride… E a cosa servono ancora…

di Valeriano Elfodiluce

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
L'artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché "a scuola diventerebbe gay" (VIDEO) - Bryce Mitchell - Gay.it

L’artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché “a scuola diventerebbe gay” (VIDEO)

Corpi - Redazione 24.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24

Leggere fa bene

Sailor Moon Lamu stereotipi di genere

Così Sailor Moon, Lamù e lə altrə icone manga hanno sovvertito gli stereotipi di genere

Culture - Redazione Milano 26.3.24
Tommy Dorfman alla regia del live action di Laura Dean continua a lasciarmi, graphic novel queer - Laura Dean continua a lasciarmi - Gay.it

Tommy Dorfman alla regia del live action di Laura Dean continua a lasciarmi, graphic novel queer

Cinema - Redazione 13.12.23
Echo, la regista Sydney Freeland spiega come il suo essere donna trans l'abbia aiutata a girare la serie Disney Marvel - Echo foto - Gay.it

Echo, la regista Sydney Freeland spiega come il suo essere donna trans l’abbia aiutata a girare la serie Disney Marvel

Serie Tv - Redazione 11.1.24