Xavier Bettel, storico discorso all’ONU: “Essere gay non è una scelta, l’omofobia è una scelta”

Il premier del Lussemburgo è così diventato il primo capo di Governo ad affrontare tematiche LGBT nel corso di un’assemblea generale delle Nazioni Unite.

Il primo ministro lussemburghese Xavier Bettel ha fatto la storia, nella giornata di ieri, in quanto primo capo di Governo ad affrontare questioni LGBT nel corso di un’assemblea generale delle Nazioni Unite.

“Essere gay non è una scelta, ma non accettarla è una scelta”, ha tuonato Bettel, dal 2015 sposo di Gauthier Destenay. Il premier lussemburghese ha preso parola nel corso di un meeting del Lgbti Core Group Onu, un evento incentrato sulla necessità di porre fine all’omofobia social e sui media tradizionali.

“L’omofobia è una scelta e dobbiamo lottare contro di essa!”, ha continuato Xavier, affiancato da Michelle Bachelet, ex Commissaria per i diritti umani delle Nazioni Unite, dalla direttrice esecutiva internazionale OutRight Action Jessica Stern e da Sam Brinton del progetto Trevor. Tra i presenti anche Geena Rocero, modella filippina e attivista per i diritti transgender.

L’evento ha avuto luogo poche ore dopo l’intervento di Donald Trump, da due anni portavoce di una crescente omofobia istituzionale a stelle e strisce. Due settimane fa Xavier aveva pubblicato sui social una storica foto, che lo vedeva al fianco di suo marito Gauthier Destenay, della premier serba Ana Brnabić e della sua compagna Milica Đurđić.

Cinema

Pepi, Luci, Bom e le altre ragazze del mucchio, 40 anni fa Pedro Almodovar faceva il suo esordio alla regia

Un film girato tra amici e con appena 400 pesetas di budget, in omaggio alla movida madrilena post-franchista, con una trama delirante e volutamente audace nel portare in scena i cosiddetti 'reietti' della società spagnola dell'epoca, vedi transessuali, omosessuali, bisessuali e donne sessualmente libere.

di Federico Boni