Attivisti LGBTQIA+ trascinano l’Uganda in tribunale per la legge “Kill the Gays”

Si tratta di una delle leggi più omofobe al mondo. E i giudici hanno iniziato a studiare la causa.

ascolta:
0:00
-
0:00
uganda legge anti gay
uganda legge anti gay
3 min. di lettura

La seconda Corte più alta dell’Uganda ha ufficialmente lanciato una sfida alla draconiana legge Kill the Gays, portata avanti da alcuni di gruppi di difesa dei diritti umani, attivisti LGBTQIA+ e da due membri del Parlamento. La contestatissima legge, che criminalizza l’omosessualità in Uganda con pene detentive fino a 20 anni di carcere e pena di morte per la cosiddetta “omosessualità aggravata”, è stata approvata a stragrande maggioranza dal Parlamento e controfirmata dal presidente Yoweri Museveni lo scorso maggio. A nulla sono servite le pressioni degli Stati Uniti e della Banca Mondiale.

Lunedì una giuria di cinque giudici nella capitale Kampala ha iniziato ufficialmente a rivedere le argomentazioni scritte del caso. Tra i ricorrenti alla Corte figura Fox Odoi-Oywelowo, ovvero uno dei due membri del Parlamento che hanno votato contro la legge anti-omosessualità. Il deputato, un tempo consulente legale senior del presidente Yoweri Museveni, aveva contribuito a respingere l’ultima versione della legge Kill the Gays, quando arrivò in tribunale nel 2014. I sostenitori della legge sostengono che l’Occidente avrebbe imposto i suoi valori corrotti all’Uganda a scopo di lucro, come le potenze coloniali del passato.

Secondo il ministro degli Esteri ugandese Henry Okello Oryem, le nazioni occidentali avrebbero cercato di “costringerci ad accettare relazioni omosessuali utilizzando aiuti e prestiti”. Odoi-Oywelowo sostiene invece che sarebbero ben altre le influenze esterne che hanno portato a questa imposizione di “un’ideologia dell’odio” in Uganda.

“L’omofobia non ha mai fatto parte delle società africane tradizionali”, ha detto a OpenDemocracy a marzo. Odoi-Oywelowo ha denunciato gruppi come Family Watch International, che ha sede in Arizona e che avrebbe speso ben 26 milioni di dollari solo in Uganda, con l’accusa di voler promuovere un’agenda nazionalista cristiana estrema in Uganda e in tutta l’Africa. Questo gruppo è ampiamente riconosciuto come autore di entrambe le versioni delle leggi anti-omosessualità dell’Uganda, nel 2014 e del 2023, e di una legge simile in Kenya.

A settembre, in un discorso davanti all’African Bar Association, la presidente di Family Watch International Sharon Slater aveva affermato che erano i paesi stranieri a voler promuovere un’agenda laica, e non la sua organizzazione, tendando una “ricolonizzazione sessuale e sociale dell’Africa” attraverso l’aborto e i diritti LGBTQ+.

Nella contestata legge sono presenti anche pene per “promozione dell’omosessualità”, che criminalizza chiunque sia associato a un’organizzazione LGBTQ+, sia esso un proprietario di un locale che ospita persone LGBTQ+ o aziende o alleati di gruppi di difesa. Identificarsi o comportarsi “contrariamente alle categorie binarie di maschio e femmina” comporta una possibile pena detentiva di 10 anni. Anche gli ugandesi LGBTQIA+ che vivono all’estero si sono trovati minacciati dalla legge. Un uomo gay di 25 anni che vive e lavora nella città canadese di Edmonton dal 2018 ha detto a Global News che temeva per la sua sicurezza, rischiando la deportazione in Uganda. Questo perché i funzionari canadesi gli hanno negato la sua richiesta di asilo, non potendo “verificare” il suo orientamento sessuale. L’ordine è stato ufficialmente annullato il 15 dicembre, quattro giorni prima della prevista deportazione.

Secondo un rapporto pubblicato ad agosto dallo Strategic Response Team, quest’anno gli ugandesi LGBTQ+ hanno dovuto affrontare un “aumento sconcertante” di abusi fisici ed emotivi, correlati all’introduzione e all’approvazione della legge “Kill the Gays” . Il rapporto ha identificato oltre 300 violazioni dei diritti umani e civili subite dalle persone LGBTQIA+ in Uganda solo tra gennaio e agosto. Centinaia hanno perso la casa o sono stati esiliati dalle loro comunità, mentre altri sono stati picchiati e torturati; il rapporto afferma che quest’anno la polizia ugandese ha eseguito almeno 18 perquisizioni non consensuali della cavità anale su prigionieri LGBTQIA+, pratica che è stata condannata come tortura da numerosi gruppi internazionali, tra cui le Nazioni Unite e l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

A novembre, l’amministrazione Biden ha espulso l’Uganda dall’African Growth and Opportunity citando “gravi violazioni” dei diritti umani e di altri requisiti di ammissibilità.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti - Palinsesti Rai - Gay.it

Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti

Culture - Federico Boni 19.7.24
Eurovision 2025 in Svizzera, è corsa a due tra Ginevra e Basilea per ospitare l’evento musicale - Nemo Eurovision - Gay.it

Eurovision 2025 in Svizzera, è corsa a due tra Ginevra e Basilea per ospitare l’evento musicale

Culture - Redazione 22.7.24
Jordan Bardella Gay.it Roberto Vannacci

Ai Patrioti piace così, Vannacci è troppo anti-gay,: l’omosessualità e le voci manipolatorie su Bardella gay

News - Mandalina Di Biase 21.7.24
Blue Phelix intervista

Blue Phelix e il buio dopo X Factor: “Sono stato molto giudicato e ho sofferto. Oggi so chi sono”

Musica - Emanuele Corbo 22.7.24
Il Poiesis Quartet si esibiranno al XXIV Emilia Romagna Festival il 21, 23, e 26 Agosto

Poiesis Quartet, il primo quartetto queer nella storia della musica classica – Intervista

Musica - Riccardo Conte 20.7.24

Continua a leggere

sudafrica-pride-2024

Sudafrica, l’isola felice della comunità LGBTQIA+ africana, celebra il suo 31esimo Pride

News - Francesca Di Feo 6.3.24
Mahmood Tuta Gold Remake Video Still I Rise Nairobi

Mahmood, per ‘Tuta Gold’ ecco il remake video dei bambini di Nairobi

Musica - Mandalina Di Biase 28.3.24
nigeria-kito-app-dating

Nigeria, l’orrenda pratica del “kito”: bande omofobe attirano uomini gay sulle app di dating per “punirli” e ricattarli

News - Francesca Di Feo 3.5.24
ghana-legge-anti-lgbt-ghana

Ghana, legge anti-gay, parla un attivista LGBTI: “La comunità viene già perseguitata, ma abbiamo una speranza”

News - Francesca Di Feo 12.3.24
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt-approvazione-marzo

Ghana, lo spietato disegno di legge anti-LGBTQIA+ verso l’approvazione a marzo

News - Francesca Di Feo 23.2.24
Camerun, il bacio all'amata contro l'omofobia di Brenda Biya, figlia del presidente Paul Biya - Brenda Biya - Gay.it

Camerun, il bacio all’amata contro l’omofobia di Brenda Biya, figlia del presidente Paul Biya

News - Federico Boni 4.7.24
uganda-smug-perde-ricorso-tribunale

Uganda, l’NGO LGBTQIA+ SMUG perde il ricorso in tribunale: operazioni illegali secondo l’Anti Homosexuality Act

News - Francesca Di Feo 25.3.24
Brenda Biya, dopo il coming out la figlia del presidente del Camerun si augura che la legge omofoba possa essere abolita - Brenda Biya - Gay.it

Brenda Biya, dopo il coming out la figlia del presidente del Camerun si augura che la legge omofoba possa essere abolita

News - Redazione 11.7.24