Giustizia non pervenuta: il ragazzo che ha picchiato il bullo omofobo è stato sospeso

Gli insulti durati anni, il punto di rottura, l'aggressione. E ora la sospensione.

bullo omofobo
2 min. di lettura

Si chiama Jordan Steffy ed era diventato popolare per un video che lo vede protagonista, mentre sferra violenti pugni a un coetaneo. Quest’ultimo è un bullo omofobo, che insieme ad altri lo prendevano in giro per la sua omosessualità. Jordan, a un certo punto, non ce l’ha fatta più, e ha deciso di rispondere a tono agli insulti. Ma oltre al danno, la beffa: Jordan è stato sospeso dalla scuola.

Jordan ha effettivamente colpito più volte il bullo, gliene ha date di santa ragione. Il video dello scontro tra i due è diventato virale, fino a fare il giro del mondo. Il ragazzo si è dichiarato omosessuale in seconda media e da quel momento è diventato il bersaglio preferito dei bulli, sempre pronti a perseguitare “il diverso“.

La sospensione di Jordan dopo l’aggressione al bullo omofobo

Jordan ha raccontato che poco prima di aggredire il ragazzo, aveva letto un suo post su Snapchat, dove era presenta una foto di Jordan e un insulto. Questo il motivo che lo ha portato a scontrarsi a viso aperto con il bullo, ma questo gesto gli è costata una sospensione.

Una sospensione che forse segnerà anche l’addio di Jordan dalla LaPorte High School di Indiana, dato che la madre ha deciso di istruirlo a casa, visto come veniva trattato da anni.

Il racconto del ragazzo

Jordan è stato ospite alla trasmissione di Tamron Hall, una giornalista e presentatrice Tv, per raccontare quanto successo. Ammette di aver agito d’impulso, di aver letto il post e di essere andato direttamente dall’autore. Perché tutto questo? E lo stesso Jordan a spiegarlo a chi non l’ha ancora capito: non ce la faceva più. Era arrivato a un punto insostenibile. Era arrivato al momento in cui non poteva più restare zitto e subire. E ha agito.

Durante la trasmissione, ha confermato di dover lasciare la scuola, ma ha anche detto di non voler denunciare il bullismo subito, perché la scuola, conscia di quanto gli accadeva, non ha mai fatto nulla. 

Mi sembrava di avere più problemi a denunciare il bullismo di quanto non ne abbia se non dicessi nulla. Mi stava facendo più male di quanto non fosse buono.

Secondo un sondaggio GLSEN del 2018 ha evidenziato che il 20% degli studenti LGBT hanno dovuto cambiare istituto per sfuggire ai bulli omofobi. Uno studente su tre ha fatto almeno un giorno di assenza al mese, sempre a causa del bullismo. Intanto, i loro aguzzini possono continuare la loro vita, forse ignorando che hanno contribuito a distruggere la vita di un loro coetaneo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24
Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

Mahmood RA TA TA, bimbi senza mamma, una faccia mulatta e la marjuana

Musica - Emanuele Corbo 14.6.24
Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: "È rainbow washing", ma è davvero così? Abbiamo indagato - Roma ecco il primo treno metro rainbow con i colori della Pride Progress VIDEO 2 - Gay.it

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: “È rainbow washing”, ma è davvero così? Abbiamo indagato

News - Francesca Di Feo 14.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
L'Amante dell'Astronauta, l'amore queer "spudoratamente felice" che abbatte limiti ed etichette - Lamante dellastronauta 05 - Gay.it

L’Amante dell’Astronauta, l’amore queer “spudoratamente felice” che abbatte limiti ed etichette

Cinema - Federico Boni 14.6.24

Continua a leggere

BigMama madrina della campagna "We Belong Here" di Sephora per la creazione di safe places rivolti alla comunità LGBTQIA+ - ARK3707 Modifica copia - Gay.it

BigMama madrina della campagna “We Belong Here” di Sephora per la creazione di safe places rivolti alla comunità LGBTQIA+

Corpi - Gay.it 14.6.24
Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24
Andrea Spezzacatena ragazzo dai capelli rosa

Il Ragazzo dai Pantaloni Rosa, al via le riprese del film sulla storia vera di Andrea Spezzacatena

Cinema - Luca Diana 28.4.24
Tonio Cartonio e l'addio alla Melevisione

Danilo Bertazzi, la verità sull’addio di Tonio Cartonio alla Melevisione: “Mi hanno preso per i capelli, perdonatemi”

Culture - Emanuele Corbo 11.6.24