La comunità LGBTQIA+ si stringe attorno a Milena Cannavacciuolo, raccolti quasi 30.000 euro in 48 ore

Siamo a metà dell'obiettivo dei 60.000 euro, con altri 118 giorni a disposizione e già quasi 500 donatori.

ascolta:
0:00
-
0:00
La comunità LGBTQIA+ si stringe attorno a Milena Cannavacciuolo, raccolti quasi 30.000 euro in 48 ore - foto Milena Cannavacciuolo - Gay.it
3 min. di lettura

L’accorato appello della compagna Marina, delle amiche e degli amici ha immediatamente compattato una comunità LGBTQIA+ nazionale che si è stretta attorno a Milena Cannavacciuolo, storica fondatrice di Lezpop due anni fa andata incontro ad una grave emorragia cerebrale. Milena stata a lungo in coma e i medici temevano che sarebbe rimasta in stato vegetativo, ma lentamente è riuscita a riacquisire coscienza. Ha dovuto cambiare quattro ospedali e affrontare un lungo percorso di riabilitazione, perché l’emorragia ha colpito la parte del cervello che governa il corpo. Oggi Milena è tornata a casa e ha bisogno di cure e di un’assistenza costante, e costosa. Perché i sussidi pubblici non bastano a coprire tutto, comprese le spese per l’affitto a Milano, per le tre operatrici sanitarie, parte delle terapie e dei presidi medici, perché quelli passati dagli enti competenti non sono sufficienti.

Milena non può muoversi da sola né parlare, e si alimenta con la nutrizione artificiale. Comunica attraverso una tavoletta alfabetica o il computer, ha bisogno di proseguire la riabilitazione con il fisioterapista e il logopedista e di assistenza continua, anche per gestire il diabete di cui soffre da quando aveva 15 anni.

In 48 ore quasi 500 persone hanno donato i propri soldi attraverso la raccolta fondi nata on line, arrivando ad un totale che sfiora i 30.000 euro. In due giorni siamo arrivati quasi a metà percorso, con l’obiettivo dei 60.000 euro da raggiungere per dare stabilità alle cure e all’assistenza per più di un anno. C’è chi ha donato 50 euro, chi 500, chi 1000. Qualunque donazione è ben accolta, lo si può fare anche in forma anonima. Lezpop è stato il sito che ha dato voce alla comunità lesbica nazionale, uno spazio felice, fatto di informazione, condivisione, gossip, realtà, ideato e gestito da Milena, attivista e voce di un’intera comunità.

E sono proprio i commenti dei donatori a ribadire tutto ciò, a confermare l’unità di una comunità che si è fatta famiglia.

Ciao ragazze! Lezpop è stata la mia prima finestra sul mondo lesbico…insieme a Miss777 (che tempi!!!) e in qualche modo mi avete fatto sentire parte di una comunità, per la prima volta. Auguri il meglio a Milena e a voi! p.s. una comunità è per sempre“, ha scritto una ragazza anonima.

Quando ho iniziato ad indagare sulla mia sessualità Lezpop c’è stato con i suoi articoli utili e altri molto divertenti che mi hanno permesso di conoscermi meglio e ora sento necessario dare un piccolo aiuto a chi invece mi ha dato un grande aiuto in passato. Forza Milena“, ha commentato un altro utente anonimo.

Cara Milena, hai fatto tanto per tutt* noi e non ci sono parole che possano esprimere appieno la mia gratitudine per aver portato con Lezpop uno spiraglio di luce durante un’epoca di buio. Non scorderò mai l’euforia con cui la me adolescente leggeva ogni articolo. Questa piccola donazione è simbolica ma spero che tutto il bene possa tornarti indietro, amplificato! Un fortissimo abbraccio!”, ha scritto Rachele.

Hai fatto tanto per me, mi hai accompagnata durante l’adolescenza ed i miei primi anni di ragazza lella. Forse è anche un po’ grazie a te, che sono sempre così fiera di quello che sono. Grazie per tutto! Forza Mile!”, ha commentato un’altra sostenitrice.

E ancora, “Milena, sei stata il faro della mia adolescenza lesbica in provincia. Grazie“.

LezPop è stato così importante per me che mi è impossibile rimanere indifferente, seppur con una goccia nel mare voglio contribuire e ricordare le risate fatte con La Mile quando portava il suo contributo al programma radiofonico Oltre le Differenze !! Forze forza e te e a tutta la tua famiglia queer!”, ha scritto un’altra ragazza.

Questo piccolo contributo è legato solo alla mia situazione precaria ma La Mile e LezPop nulla hanno avuto di precario, tutto il contrario! Sono state la rivoluzione di cui avevamo bisogno e sempre abbasso le poiane! Forza Milena e forza alle caregiver“, ha aggiunto un’altra.

Milena, hai lottato con ironia e leggerezza per la nostra visibilità, cambiando radicalmente l’immaginario delle lesbiche. Hai regalato punti di riferimento, confronto e conforto a più generazioni di persone queer e lesbiche. Sei stata pioniera della comunità LBTQ online, e la comunità ora ti sostiene. ti mando un grande abbraccio“, si legge in un altro commento.

Ricordo con commozione la compagnia che Milena, e Lezpop, mi hanno fatto quando ero appena ventenne, spaventata e sola. Il mio é un piccolo contributo, è quello che posso dare, ma con estremo affetto e tanta riconoscenza. Ma soprattutto con la speranza che torni un po’ di luce nella vostra vita….tutta quella che avete donato. Un abbraccio“, ha scritto una ragazza.

E ancora dedine di abbracci, di in bocca al lupo e di sentiti ringraziamenti, con la consapevolezza assoluta che Milena li leggerà e ne trarrà giovamento, sia fisico che emotivo. Ma non bisogna fermarsi qui, perché siamo solo a metà strada di un traguardo minimo da raggiungere. Lottiamo per Mile, insieme a lei.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Antoine Dupont, il capitano francese di rugby "pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi - Antoine Dupont - Gay.it

Antoine Dupont, il capitano francese di rugby “pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi

Corpi - Redazione 20.6.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24
Drag Race Italia 4 si farà? E se sì, dove andrà in onda? - Drag Race Italia - Gay.it

Drag Race Italia 4 si farà? E se sì, dove andrà in onda?

News - Redazione 20.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: "Non riuscirete ad intimidirci" - Stonewall Inn oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate - Gay.it

Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: “Non riuscirete ad intimidirci”

News - Redazione 19.6.24
Justin Timberlake Arrestato Ubriaco Gossip Droghe

Justin Timberlake arrestato, guidava ubriaco. Il gossip impazza: “Popper e Truvada nel sangue”. Ma è davvero così?

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24

Leggere fa bene

Daria Kasatkina Tennis LGBTI Russia

Chi è Daria Kasatkina, tennista LGBTI russa che critica la Russia di Putin e solleva dubbi sulla finale WTA in Arabia Saudita

Corpi - Francesca Di Feo 30.4.24
The Challenger, Kristen Stewart sarà l'astronauta Sally Ride nella sua prima serie tv - The Challenger Kristen Stewart sara lastronauta lesbica Sally Ride nella sua prima serie tv - Gay.it

The Challenger, Kristen Stewart sarà l’astronauta Sally Ride nella sua prima serie tv

Serie Tv - Redazione 11.6.24
Love Lies Bleeding, critiche entusiastiche per l'indie movie con Kristen Stewart e Katie O’Brien innamorate - Love Lies Bleeding - Gay.it

Love Lies Bleeding, critiche entusiastiche per l’indie movie con Kristen Stewart e Katie O’Brien innamorate

Cinema - Federico Boni 27.3.24
Sara Drago, Immaginaria 2024

Immaginaria 2024, Sara Drago sarà la madrina del Festival

Cinema - Luca Diana 4.5.24
Brittney Griner, dalla prigione russa al primo figlio con sua moglie Cherelle. Il dolce annuncio social - Brittney - Gay.it

Brittney Griner, dalla prigione russa al primo figlio con sua moglie Cherelle. Il dolce annuncio social

News - Redazione 18.4.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Corita Kent Padiglione Vaticano Biennale 2024

Biennale di Venezia, Papa Francesco omaggerà Corita Kent, la suora queer che fuggì con la sua amante

Culture - Mandalina Di Biase 14.3.24
Bianca Antonelli è voce del collettivo ASIABEL

Tra egomania e lesbiche vere, la musica di Asiabel è un diario aperto: l’intervista

Musica - Riccardo Conte 5.4.24