Lesley Gore, la popstar femminista e lesbica degli anni ’60

Adolescente dal cuore spezzato e attivista queer: Lesley Gore era tutto questo e molto di più.

ascolta:
0:00
-
0:00
Lesley Gore storia
Lesley Gore (Getty)
3 min. di lettura

Negli anni Sessanta Lesley Gore era la regina della musica pop. A decadi di distanza, le sue canzoni rimangono incastonate prepotentemente nella mente del pubblico, tra citazioni cinematografiche e serate al karaoke. Ma Gore è stata molto più di un tormentone senza tempo. Ricordata come l’amabile ragazza della porta accanto che conquistava il cuore spezzato di ogni teenager, idolo di un’intera generazione ma anche un’attivista queer, simbolo di autodeterminazione e indipendenza.

Lesley Gore storia
Copertina di I’ll Cry If I Want To (1963)

All’anagrafe Lesley Sue Goldstein, nasce in una famiglia ebraica di Brooklyn nel 1946. Al terzo anno di liceo, l’insegnante di musica registra una sua demo mentre canta al pianoforte che contro ogni previsione arriva nelle mani di Quincy Jones. Il produttore prende Gore sotto la sua ala, eleggendola la nuova pupilla della Mercury Records (prima di diventare il primo vice redattore afroamericano nella storia dell’etichetta discografica). Nemmeno diciotto anni e nel 1963 Gore schizza in cima alle classifiche con “It’s My Party (And I’ll cry if I want to)” adorabile inno a farsi spezzare il cuore il giorno del proprio compleanno. Presto Lesley Gore diventa volto delle paturnie adolescenziali, punto di riferimento per mille ragazze in grado di ritrovarsi nei suoi testi spudoratamente onesti e liberamente emotivi senza paura di apparire melensi: è la Taylor Swift degli anni ’60 con cui cantare a squarciagola le proprie infatuazioni (“Sunshine and Lollipops“) o sferrare colpi dispettosi alla smorfiosa di turno (“Judy’s Turn to Cry“).

Nel 1964 cambia definitivamente le carte in tavola: ad infuocare le classifiche americane arriva “You Don’t Own Me” e Gore entra nella storia. La canzone offre una nuova versione di lei, più consapevole e liberamente emancipata: “And don’t tell me what to do, don’t tell me what to say, and please, when I go out with you don’t put me on display ’cause you don’t own me” canta Gore, appena in tempo per fare da colonna sonora al secondo movimento femminista e dimostrando di non essere una bambola da tenere in vetrina, ma anche molto altro. Perché nonostante nelle sue canzoni Lesley versava lacrime sul Johnny di turno, Gore nella vita privata era serenamente lesbica: in un periodo storico dove l’eternormativa era all’ordine del giorno, Gore preferì non fare coming out, tenendo la sua sessualità dietro i riflettori fino al 2004, quando fece coming out nel programma LGBTQIA+ In The Life: “Non sapevo di essere gay almeno fino ai miei vent’anni” ha raccontato Gore nel 2006 a Lesbian News “Ho sperimentato sia con i ragazzi che le ragazze e ho avuto modo di adorare entrambi i casi. Penso che la prima relazione seria che ho avuto è stata omosessuale, e questo mi ha fatto capire molte cose in più su me stessa” . Gore ritardò il suo coming out, ma fuori dal palco non nascondeva nulla: “Non c’era nulla di davvero privato” ha raccontato in un’intervista per AfterEllen “Chi mi conosceva, chi lavorava con me, lo sapeva eccome“.

Lesley Gore storia
Lesley Gore 1966 (AP)

All’apice del successo Gore cominciò a seguire il Sarah Lawrence College, passando buona parte dei  suoi weekend a studiare. Fu lì che la popstar iniziò il suo percorso di attivismo politico, prima come sostenitrice della campagna presidenziale di Robert Kennedy e successivamente grazie all’incontro con Bella Azbug, leader del movimento femminista e punto di riferimento: “Mi ha insegnato che cosa è importante per le donne e come investire le mie energie per quanto riguarda le donne lesbiche, e cosa fare per aiutare le donne in questa comunità” dichiarò anni dopo. Lesley Gore morì il 2 Maggio del 1946 all’età di 68 anni. La compagna Loise Sasson, le rimase affianco per più di 33 anni. Il mondo canta ancora le sue canzoni, colonna sonora di chi è libero di fare tutto quello che vuole: un’ adolescente dal cuore spezzato, impertinente canaglia, attivista e intellettuale queer. Gore ha dimostrato di poter essere tutto questo, tenendo in mano la penna della sua storia e non appartenendo a nessuno.

Leggi anche: La storia di Jackie Shane, la cantante transgender che ha rivoluzionato la musica soul

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24

Hai già letto
queste storie?

Giorgio Bozzo, autore di Le Radici dell'Orgoglio

Quell’orgoglio che ci rende più forti: intervista con Giorgio Bozzo (che riparte con Le radici dell’orgoglio)

Culture - Riccardo Conte 4.1.24
Daria Kasatkina Tennis LGBTI Russia

Chi è Daria Kasatkina, tennista LGBTI russa che critica la Russia di Putin e solleva dubbi sulla finale WTA in Arabia Saudita

Corpi - Francesca Di Feo 30.4.24
alan turing biografia gay

Alan Turing, finalmente una statua celebrativa al Kings College di Cambridge ma è polemica sul risultato finale

Culture - Redazione 31.1.24
10 compositori queer che hanno fatto la storia della musica

Da Chopin e Schubert a Tchaikovski fino a Bernstein. 10 compositori queer che sono dei giganti della musica classica

Musica - Redazione 18.3.24
I prigionieri che indossano triangoli rosa sulle loro uniformi vengono fatti marciare all'aperto dalle guardie naziste a Sachsenhausen.

Il Giorno della Memoria: un’occasione per rompere il silenzio

Culture - Alessio Ponzio 24.1.24
Lesbiche di tutta Europa

Lesbiche di tutta Europa sabato a Roma per protestare contro il Governo Meloni: “Anche noi siamo madri”

News - Redazione 25.4.24
Re Giacomo I d'Inghilterra era davvero gay? La storia vera dietro la serie Mary & George - Mary and George - Gay.it

Re Giacomo I d’Inghilterra era davvero gay? La storia vera dietro la serie Mary & George

Serie Tv - Federico Boni 21.3.24
Sandra Milo, Icona eternamente Libera - Sandra Milo fotografata da Leandro Manuel Emede per Sette Corriere - Gay.it

Sandra Milo, Icona eternamente Libera

Culture - Federico Boni 29.1.24