La storia di Jackie Shane, la cantante transgender che ha rivoluzionato la musica soul

In un'epoca contrastata da razzismo e transfobia, la voce di Jackie Shane riecheggiava tra le radio americane e scriveva la storia.

ascolta:
0:00
-
0:00
Jackie Shane
Jackie Shane
3 min. di lettura

Negli anni ’50 un’effervescente donna nera e transessuale infuocava i palchi della musica soul accendendo l’anima dei grandi amanti della musica soul e dei transfobici più fastidiosi: il suo nome era Jackie Shane.

Shane nacque nel 1940 a Nashville, nel Tennesse. Iniziò a cantare nel coro della chiesa a otto anni, e d’adolescente già si esibiva tra i gruppi gospel di Nashville. Ma la vita in Tennesse non era proprio una passeggiatina di salute: le leggi di Jim Crow rendevano impossibile la quotidianità di ogni persona nera, figuriamoci una ragazzina trans che amava truccarsi e indossare gonne davanti tutta la scuola. Almeno tra le mura domestiche, Shane era al sicuro: “Non hai nessuna ragione per piangere o vergognarti. Tu sei magnifica.” le ripeteva sua madre.

Ma Shane voleva crescere e formarsi alla luce del sole, libera e fiera come ogni essere umano merita di vivere. Così, nel 1959 lasciò casa, spostandosi prima a Cornwall, poi a Ontario in Florida, e infine in Montreal. “Non mi sono mai sentita meglio. Mi sentivo così libera” dichiarerà anni dopo in  un’intervista con il musicista Rob Woman. Nonostante le minacce fossero sempre dietro l’angolo, Shane continuò ad esibirsi sui palchi di Montreal, guadagnando sempre più visibilità, fino a raggiungere la Louie’s Showplace Lounge di Boston, aprendo concerti per Etta James, Marvin Gaye, e The Temptations. Se sul palco Shane poteva esibirsi in abiti femminili, per strada vigevano ancora restrizioni forti per ogni persona queer, tanto che Shane si muoveva avvolta in un lungo cappotto per evitare di attirare attenzioni indiscrete, tra improvvise perquisizioni della polizia e transfobici all’orizzonte.

Nel 1962 si accese una scintilla: Shane registrò in studio una cover di “Any Other Way” di William Bell e la canzone debuttò alla 45esima posizione della classifica nazionale, fino a toccare il secondo posto della radio locale. Il brano divenne tra i pezzi più richiesti tra le radio di Toronto, permettendole di registrare altri singoli e accrescere la sua popolarità. “Tell e’m I’m gay” ripeteva un verso della canzone, che nel 1963 apriva a due significati: “gay” tradotto come “felice, gioiosa” e al contempo un escamotage per cantare pubblicamente la propria identità nelle orecchie di chiunque. “Più vicina a Gesù di così non ci arriverò mai” commentò, dopo il Jackie Shane Live nel 1967. Numerose case discografiche – da Atlantic Records a Motown – le offrirono contratti, ma Shane rifiutò ogni offerta consapevole che l’avrebbero sfruttata a loro vantaggio.

chi era jackie Shane
Copertina di Any Other Way, nominato come Best Historical Album ai Grammy 2019

Tuttavia, a metterle i bastoni fra le ruote fu Frank Motley – in tour insieme a lei – arrabbiato per il suo successo, finì per minacciarla innumerevoli volte e compromettere i suoi spettacoli. Uno scontro che portò Shane ad abbandonare il palco e tornare a Nashville nel 1971. Restò lontana dai riflettori per decadi, ma non dal cuore degli appassionati, che a distanza di anni hanno cercato di tenere alto il suo nome e ricordare il suo prezioso contributo al mondo della musica. Nel 2017 la raccolta Any Other Way introdusse di nuovo Shane al pubblico, conquistando il cuore delle nuove generazioni e guadagnandosi una nomination come Best Historical Album ai Grammy 2019. Quello stesso anno Shane morì nel sonno, all’età di 78 anni. Ma la sua voce non smetterà più di riecheggiare.

Leggi anche: Scoprendo William Dorsey Swann, la prima drag queen della storia 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
free willy, locali gay amsterdam

“Free Willy”, il nuovo locale queer ad Amsterdam dedicato agli amanti del nudismo

News - Redazione 19.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Fedez: "Se fossi gay lo direi, mai avuto esperienze omosessuali e mai provato attrazione per un uomo" - Fedez a Belve 1 - Gay.it

Fedez: “Se fossi gay lo direi, mai avuto esperienze omosessuali e mai provato attrazione per un uomo”

Culture - Redazione 10.4.24
Michele Bravi attore in Finalmente l'Alba: "Un estroverso tra personaggi famelici, al limite del cannibalismo" - Michele Bravi Finalmente lalba - Gay.it

Michele Bravi attore in Finalmente l’Alba: “Un estroverso tra personaggi famelici, al limite del cannibalismo”

Cinema - Redazione 22.2.24
Will & Harper, il doc on the road con Will Ferrell che racconta la transizione della sua amica Harper Steele - Will ill e Harper - Gay.it

Will & Harper, il doc on the road con Will Ferrell che racconta la transizione della sua amica Harper Steele

Cinema - Redazione 22.1.24
Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Il regista trans Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Gay.it

Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit

Cinema - Redazione 10.1.24
Record Store Day 2024, i titoli (queer) da non perdere

Record Store Day 2024, i vinili queer da non perdere

Musica - Emanuele Corbo 19.4.24
Billie Eilish agli Oscar 2024

Billie Eilish e il 2° storico Oscar: “per sentirsi la migliore versione di sé stessi” – Guarda la performance di “What Was I Made For?” – VIDEO

Musica - Emanuele Corbo 11.3.24
transgender foto da truhout

Novembre mese della consapevolezza Transgender, perché è importante

Corpi - Redazione Milano 1.11.23
Michele Bravi: "Sto con un ragazzo da due anni, mi piacerebbe avere un figlio" - cover Michele Bravi - Gay.it

Michele Bravi: “Sto con un ragazzo da due anni, mi piacerebbe avere un figlio”

Musica - Redazione 12.4.24