CRISTINA DONA’, NEL NIDO DEL GENIO

Un album (“Nido”) e una tournèe da non perdere. Con la sua musica ricca e ricercata, i suoi testi poetici e importanti, mai consolatori, appartiene di diritto alla tradizione internazionale delle grandi cantautrici, quelle donne-genio che scrivono testi e musica e li arrangiano raggiungendo risultati originali e altissimi.

Difficile trovare nel panorama musicale italiano qualcuno che regga il confronto con questa straordinaria artista che torna con un album e una tournèe da non perdere, dopo che si era splendidamente affacciata sulla scena musicale con un album d’esordio, “Tregua”, che nel 1997 aveva stupito la critica per la sua intensità e immediatezza, rivelando un’artista degna di stare al fianco delle grandi protagoniste della scena rock internazionale più raffinata: Cristina Donà, con la sua musica ricca e ricercata, i suoi testi poetici e importanti, mai consolatori, appartiene di diritto alla tradizione musicale delle grandi cantautrici, quelle donne-genio che scrivono testi e musica e li arrangiano raggiungendo risultati originali e altissimi, superando in talento, forza e intensità tutti i colleghi maschi. Parliamo di Kate Bush, Stevie Nicks, Kristin Hersh, Jane Siberry, Natalie Merchant, per nominare solo quelle a cui Cristina Donà potrebbe essere, per motivi diversi, accostata più facilmente. Con la sua opera prima “Tregua” Cristina Donà vinse il premio Ciampi a Livorno. Adesso torna alla grande con un cd che supera perfino i già egregi risultati del disco d’esordio. Si intitola “Nido” e si apre con l’omonima, bellissima canzone che proietta immediatamente in viaggio musicale di rarefatte atmosfere mai ovvie, sempre originali, dai testi intensi, poetici e densi. Cristina parla con ironia e profondità, rigore e impegno, senza mai lasciare nulla alla banalità, di temi come la dittatura del consumo forzato (“Deliziosa abbondanza”), turismo sessuale (“Così cara”), ricerca della felicità nelle pillole (“Terapie”), e mette il dito nella piaga dell’inconsapevolezza, di una vita forzatamente competitiva (“Mangialuomo”). La musica e le parole delle canzoni di Cristina Donà lasciano il segno e penetrano nel profondo ascolto dopo ascolto. E anche quando parla d’amore raggiunge risultati soprendenti di profondità del testo e melodia originale: la perla del disco è “Goccia”, che avvolge in un sommesso crescendo grazie anche al contributo di Robert Wyatt, da tempo suo estimatore. Ma anche “Qualcosa che lasci il segno” e “L’ultima giornata di sole” sono canzoni che non si dimenticano. Un capolavoro.

di David Fiesoli

LEGGI ANCHE

Cinema gay

Ben Platt di Pitch Perfect fa coming out in musica...

Un video musicale con Charlie Carver co-protagonista per fare coming out. La scelta di Ben Platt.

di Federico Boni | 14 Febbraio 2019

Musica

Eurovision 2019, Mahmood rappresenterà l’Italia: è ufficiale

Vinto Sanremo 2019, Mahmood ha ufficializzato la sua partecipazione all'Eurovision di Tel Aviv. Con la canzone "Soldi".

di Federico Boni | 12 Febbraio 2019

Donne

Grammy 2019, trionfo LGBT con Brandi Carlile: ‘nessuno stilista voleva...

Rocker, lesbica e felicemente moglie. Brandi Carlile stella ai Grammy 2019.

di Federico Boni | 11 Febbraio 2019