Non solo Ernesto: i ragazzi di Saba

Si parla poco e male dell'omosessualità dello scrittore triestino. Invece la tensione omoerotica permea tutta la sua opera: ecco una bibliografia ragionata.

Non solo Ernesto: i ragazzi di Saba - 0246 saba12 - Gay.it
3 min. di lettura
Non solo Ernesto: i ragazzi di Saba - 0246 trieste - Gay.it

Chi non ha letto l’Ernesto di Umberto Saba o, anche di sfuggita, non se l’è almeno una volta sentito consigliare dal solito amico super informato su ogni manifestazione artistica che abbia dato spazio al tema dell’omosessualità? Questo romanzo incompiuto scritto nei primi anni Cinquanta (nel 1979 ne fu fatta anche una mediocre riduzione cinematografica con Michele Placido), sarebbe stato il primo in Italia ad avere il coraggio di descrivere con un linguaggio crudo e diretto l’iniziazione omosessuale del sedicenne protagonista, chiaro rimando autobiografico dell’autore stesso. Peccato che sia uscito ventidue anni dopo postumo, proprio per i timori del suo stesso autore, timori che Pasolini non avrà di lì a poco nel dare alle stampe il suo Ragazzi di vita. Dell’omosessualità di Umberto Saba, grande poeta del Novecento italiano, è stato però detto poco, e quel poco spesso solamente alluso. Cercando nella critica di mezzo secolo non troviamo che piccole annotazioni a margine, scritte con fretta dovuta ad una sospetta reticenza e ad un evidente imbarazzo. È giusto comunque rilevare che come non ha senso parlare di una letteratura gay allo stesso modo è totalmente erroneo e limitante definire e incasellare un poeta con un’etichetta di questo tipo. Ma di certo, nel caso di Saba, un’analisi precisa delle sue inclinazioni sessuali permetterebbe finalmente di scorgere in esse molte delle cause scatenanti le periodiche crisi nevrotiche del poeta (crisi spesso causate dalla reazione della sua naturalità di sentire contro il “pregiudizio sociale”, dato che lo stesso dott. Weiss, suo analista, conferma in una lettera alla figlia Linuccia Saba, descrivendo il fastidio del poeta di fronte ai pregiudizi culturali, specialmente in riguardo alla sessualità) e soprattutto gettare finalmente una luce chiarificatrice sull’intera opera artistica di un uomo che dedicò tutta la propria vita intellettuale e morale allo scavo dentro di sé e dentro la nostra coscienza, cercando di superare inibizioni e divieti, per giungere finalmente a quella “verità che giace al fondo/ quasi un sogno obliato”.
Ma al di là dell’estrema confessione finale dell’Ernesto, Saba dissemina, nell’arco della sua intera esistenza, tutta la sua lunga autobiografia poetica di indizi rivelatori, tracce, riferimenti insoliti e a volte all’apparenza casuali sulle proprie inclinazioni. Nel Canzoniere le figure di ragazzini vestiti alla marinara, come Glauco, fanciullo dalla bionda chioma che parla al poeta nel “natìo dialetto”, e nell’Ernesto la figura del bellissimo Ilio, sono tutte repliche e figurazioni del giovane Saba, ritratti di giovani vite nelle quali amore, velato desiderio erotico e identificazione diventano un tutt’uno, amalgamandosi con un vagheggiamento della naturalità omosessuale del mondo classico, dove incontro completo tra vecchio e giovane è passaggio di esperienza del piacere oltre che conoscenza che si rinnova.

Ma il terrore di non essere compreso e l’acutizzarsi delle solite nevrosi porteranno Saba a interrompere la stesura del romanzo e a deciderne la non pubblicazione. Gli stessi timori si manifesteranno il giorno in cui gli fu conferita dall’Università di Roma la laurea in lettere honoris causa e Saba dovette tenere un breve discorso, discorso però che il poeta avrebbe voluto fare in modo diverso. Abbiamo una sua famosa lettera in cui ammette: «O Dio, se invece di quel discorsetto avessi potuto leggere l’Ernesto credo che sarebbero impazziti di gioia, compreso il Magnifico Rettore. La gente ha un bisogno, un bisogno urgente di “mettersi in libertà”, di essere insieme liberata dalle sue inibizioni». A distanza di oltre 50 anni quelle parole di Saba sono ben lungi dall’essere realtà e le sue affermazioni si manifestano una volta di più di un’estrema attualità.
Breve bibliografia orientativa su Umberto Saba:
Opera di U. Saba:
Tutte le poesie, Meridiani Mondadori, Milano 1996.
Ernesto, Einaudi, Torino 1975-1995.

Testimonianze:
L. ZORN GIORNI, Saba e il Cinese, Editrice Goriziana, Gorizia 1987.
S. MATTIONI, Storia di Umberto Saba, Camunia, Milano1989.

Monografie:
R. AYMONE, Saba e la psicoanalisi, Guida, Napoli 1971.
P. RAIMONDI, Invito alla lettura di Saba, Mursia, Milano 1974-1978
M. LAVAGETTO, La gallina di Saba, Einaudi, Torino 1974-1989.
E. FAVRETTI, La prosa di Saba. Dai racconti giovanili a Ernesto, Bonacci, Roma 1982.

Opere collettive:
Atti del Convegno internazionale «Il punto su Saba», Trieste, 25-27 marzo 1984, Ed. Lint, Trieste 1985.
Atti del Convegno «Umberto Saba, Trieste e la cultura millereuropea», Roma, 29 e 30 marzo 1984, Mondadori, Milano 1986.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Concerto Primo Maggio Lista Cantanti

Chi ci sarà al Concerto del Primo Maggio 2024: Achille Lauro, LRDL, Malika Ayane, Rose Villain e con Mace potrebbe esserci Marco Mengoni

Musica - Redazione Milano 17.4.24
100% Italia, Dario e Giorgio sono tornati per Il Torneo dei Campioni. E volano in semifinale - Dario e Giorgio - Gay.it

100% Italia, Dario e Giorgio sono tornati per Il Torneo dei Campioni. E volano in semifinale

News - Redazione 17.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Emma Marrone e Nicolò De Devitiis, Le Iene

Emma Marrone a Le Iene: “Mi piacerebbe diventare madre. Ho 39 anni e tutti gli strumenti per esserlo”

Culture - Luca Diana 16.4.24
BigMama Concertone Primo Maggio 2024

BigMama inarrestabile diventa conduttrice per il Concertone del Primo Maggio

Musica - Emanuele Corbo 15.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24

Continua a leggere

I film LGBTQIA+ della settimana 4 marzo/10 marzo tra tv generalista e streaming - Film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 4 marzo/10 marzo tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 4.3.24
alan turing biografia gay

Alan Turing, finalmente una statua celebrativa al Kings College di Cambridge ma è polemica sul risultato finale

Culture - Redazione 31.1.24
Fuga dalla Rai, dopo Amadeus se ne vanno anche Federica Sciarelli, Francesca Fagnani e Sigfrido Ranucci? - Fuga dalla Rai - Gay.it

Fuga dalla Rai, dopo Amadeus se ne vanno anche Federica Sciarelli, Francesca Fagnani e Sigfrido Ranucci?

Culture - Redazione 16.4.24
Billie Eilish variety

Billie Eilish fa coming out: è attratta dalle donne (ma anche intimidita da loro)

Culture - Redazione Milano 14.11.23
@vittoria_schisano

La storia di Vittoria Schisano, finalmente protagonista

Culture - Redazione Milano 18.10.23
Dennis Altman nel 1972

Dennis Altman, una vita tra attivismo e accademia: intervista

Culture - Alessio Ponzio 8.4.24
Migliori videogiochi gay LGBTQIA+ del 2023: Roller Drama

I migliori videogiochi LGBTQIA+ del 2023

Culture - Matteo Lupetti 7.12.23
Josh Cavallo, il calciatore australiano presenta il fidanzato Leighton Morrell - LE FOTO - josh cavallo and leighton morrell cover - Gay.it

Josh Cavallo, il calciatore australiano presenta il fidanzato Leighton Morrell – LE FOTO

Culture - Redazione 14.12.23