Perché abbiamo sempre più bisogno dei locali queer

Cosa succede quando anche i nostri safe space non sono più sicuri?

ascolta:
0:00
-
0:00
@photoboum_milano
@photoboum_milano
2 min. di lettura

La prima volta che sono entrato in un locale gay non ci ho capito niente.

L’entusiasmo andava a braccetto con la confusione, e una vocina mi bisbigliava nell’orecchio: cosa ci fai qui? Perché creare divisioni? Non dovremmo avere locali per chiunque?

Io ero cresciuto nei locali per chiunque, quelli che non richiedevano un’etichetta d’accompagnamento, perché nella mia testa c’erano solo quelli al mondo.

Ho cominciato a frequentare i locali queer quando mi sono stufato di sentirmi l’eccezione. Non volevo più ascoltare tremila volte solo gli Articoli 31 ma ballare  (altre tremila volte) una canzone di Kylie Minogue. Volevo fare la gallina, piegare il polso quanto pareva a me (i gay maschi alfa non sono inclusi in questa conversazione) e flirtare senza preoccuparmi di chi avrebbe guardato. Volevo essere me stesso senza attirare l’attenzione.

L’accusa principale per chi frequenta locali queer è di ghettizzarsi, confinarsi in un recinto, fare la nicchia diventando la causa della nostra regressione perché siamo noi primi ad isolarci dagli altri.

Ma gli altri chi? E rispetto a cosa? Mi ero così abituato a pensare l’eterosessualità come la norma da considerarla universale e non accorgermi che negli altri locali ammettevano chiunque a patto che si fosse adattatə alle aspettative, senza destabilizzare l’equilibrio di una realtà immutabile.

In particolare mi sarei accorto che nei locali per tutti non tuttə possono sentirsi al sicuro, e quelli che chiamano ‘ghetti’ altro non sono altro che luoghi di resistenza. Luoghi dove fingere, anche solo per qualche ora, che la nostra vita non sia un problema per nessuno.

@photoboum_milano
@photoboum_milano

Ma la strage del 19 Novembre al Club Q di North Acamedy Boulevard in Colorado, così come quella di Orlando il 12 Giugno 2016, sono un brutale remainder che per alcuni non possiamo farlo nemmeno a casa nostra.

Che succede quando neanche i safe space non sono posti sicuri?

Il genuino e assoluto diritto a sentirsi protettə si scontra con una realtà che rende anche il nostro divertimento, la voglia di fare lə stupidə e limonare in mezzo alla pista da ballo, un atto politico.

Out of the bars and into the streets!” cantavano durante i moti di Stonewall, che come scrive il giornalista e attivista Dan Savage era “un movimento iniziato con un attacco ad un gruppo di persone queer, uomini gay, drag queen, donne trans, lesbiche butch, mentre erano sé stesse a porte chiuse”.

È proprio per questo che i club queer sono fondamentali: ci illudono e fortificano. Combattiamo rovesciandoci  il cocktail addosso, ballando la stessa canzone del sabato precedente, continuando a fare le galline, il nostro dolore riceve una scarica di energia.

Ci ricordiamo chi siamo quando smettiamo di avere paura, e non vediamo l’ora di rifarlo di nuovo.
Fin quando non saremo al sicuro ovunque.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker? - Grande Fratello 2023 - Gay.it

Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker?

News - Luca Diana 3.3.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24

Leggere fa bene

locali gay a napoli, guida 2023/2024

Napoli queer: guida ai locali gay e alla movida LGBTQIA+ partenopea

Viaggi - Redazione 7.10.23
locali gay nelle marche 2023/2024

Guida alle serate e locali queer friendly nelle Marche 2024

Viaggi - Redazione 4.12.23
locali gay a verona

Locali, eventi e serate queer friendly a Verona

Viaggi - Redazione 12.1.24
i migliori locali gay a bologna 2023/2024

Bologna Queer: la guida completa agli eventi, alle serate, ai locali LGBTQIA+ friendly della città

Viaggi - Redazione 2.1.24
guida ai locali gay a catania 2023/2024

Locali queer friendly a Catania: la guida 2023/2024

Viaggi - Redazione 10.11.23
palazzo della regione, locali gay a padova

Padova: i migliori locali, club, eventi e luoghi queer della città

Viaggi - Redazione 25.10.23
locali gay lecco como 2023 2024, guida completa

Lago di Como e Lecco: guida ai locali, eventi e luoghi queer friendly

Viaggi - Giorgio Romano Arcuri 3.1.24
roma gay

Guida 2024 ai migliori locali gay di Roma

Viaggi - Giorgio Romano Arcuri 1.1.24