Riki dopo gli insulti a Davide Misiano: “ho sbagliato ma mi hanno provocato, non sono omofobo”

"Ho passato dei periodi a scuola in cui alcuni ragazzini mi chiamavano ricchi*ne e mi picchiavano", prova a difendersi il 28enne cantante, ultimo a Sanremo 2020.

Riki dopo gli insulti a Davide Misiano: "ho sbagliato ma mi hanno provocato, non sono omofobo" - riki misiano 480x320 1 - Gay.it
2 min. di lettura

Ha scatenato un putiferio il commento social con insulti omofobi di Riki al povero Davide Misiano, a poche ore dalla fine del Festival di Sanremo, in cui il cantante ex Amico di Maria si è classificato all’ultimo posto.

Infastidito da una stroncatura del professore di All Together Now, pubblicata su All Music Italia, Riki lo ha pesantemente insultato, dandogli del “brutto” e della “chec*a frustrata”. Passate 24 ore, Riccardo Marcuzzo, questo il nome del 28enne cantante, si è difeso sui social, chiedendo scusa ma solo e soltanto dopo aver tentato di cavalcare ardite e incredibili ‘giustificazioni’.

“Viviamo nel paese delle contraddizioni”, scrive Riki. “Dopo il video di Gossip ho passato una settimana a sentirmi dire “che schifo il video che hai fatto, baci i maschi”. Ho messo dei poster che invitavano a scriverci sopra e mi hanno disegnato sopra piselli e chiamato fr*cio. Ho passato dei periodi recenti in cui l’insulto più utilizzato era ‘bimbominkia’ e ‘finocchio’. Ho creato un billboard gigante con quel titolo proprio per far riflettere sull’odio che si scatena nel web. Ho passato dei periodi a scuola in cui alcuni ragazzini mi chiamavano ricchione e mi picchiavano. Ho fatto design allo IED di Milano, tantissimi compagni erano omosessuali. Ho aperto tre start up e in una di queste uno dei miei soci è gay. Ho lavorato e lavoro tuttora con colleghi omosessuali. Nessuno mi ha mai pensato omofobo”.

Premessa infinita, che dovrebbe in qualche modo ‘ripulire’ Riccardo, in quanto (chi l’avrebbe mai detto) il ragazzo ha “tanti amici gay”.

“Il successo di un artista viene determinato anche dalla resistenza e dalla pazienza, però ricevere critiche e insulti oggettivamente ingiusti non è corretto”, continua il cantante. Peccato che Misiano, nella sua critica pubblicata su AllMusicItalia, non abbia mai insultato Riccardo. Ha stroncato la sua canzone, come avviene da sempre in ambito critico. Questo fa un recensore, un giornalista, un critico musicale. E l’artista, che sia un attore, un cantante, uno scrittore, un teatrante, deve accettare quella critica. Magari farne tesoro, in modo da crescere. Eppure Riki non ci sta, tanto da chiedere scusa ma senza crederci neanche troppo. Anzi, forse proprio per niente.

Ho sbagliato, ‘checca isterica’ se viene detto a me va bene e nessuno può lamentarsi, se lo dico io succede il putiferio. Ieri sono caduto nella provocazione: capita di sentirselo dire da amici, di usarlo con altri significati, ma sui social ha un altro suono, un altro peso e capisco che può offendere. Se qualcuno si è sentito offeso mi dispiace, io non sono omofobo, ma credo che intorno a questo argomento ci sia tanta ipocrisia.

 

Riki dopo gli insulti a Davide Misiano: "ho sbagliato ma mi hanno provocato, non sono omofobo" - Schermata 2020 02 11 alle 17.48.11 - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Renzo Loi 11.2.20 - 19:38

COSA FATTA CAPO HA.

Trending

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
L'artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché "a scuola diventerebbe gay" (VIDEO) - Bryce Mitchell - Gay.it

L’artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché “a scuola diventerebbe gay” (VIDEO)

Corpi - Redazione 24.5.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Aspettando Sanremo 2024, le principali canzoni LGBTQIA+ della Storia del Festival - sanremo canzoni lgbt - Gay.it

Aspettando Sanremo 2024, le principali canzoni LGBTQIA+ della Storia del Festival

Musica - Redazione 19.1.24