Rio 2016: la nuotatrice italiana Rachele Bruni dedica la vittoria alla fidanzata

“Ho dedicato il mio argento anche a Diletta: non ho mai fatto coming out ma non mi sono neanche mai preoccupata dei pregiudizi”.

Un coming out senza coming out quella dell’azzurra Rachele Bruni. Un pensiero dolcissimo in un momento importante, inevitabile, dovuto: “Ho dedicato il mio argento anche a Diletta: non ho mai fatto coming out ma non mi sono neanche mai preoccupata dei pregiudizi. Io vivo la mia vita con naturalezza”.

Rachele Bruni, azzurra d’argento nella 10 km di nuoto, dopo la sua gara ha tagliato un altro traguardo: e’ la prima medagliata italiana alle Olimpiadi a dichiarare – anche senza dirlo – la propria oomosessualità “Dite che ci vuole coraggio? Non lo so, so solo che mi e’ venuto naturale pensare alla mia Diletta. E non ai pregiudizi della gente”.

“Cosa ha detto di strano Rachele? Solo che era per me, senza aggiungere altro: è questo che mi piace di lei, lei e’ diretta, spontanea, naturale”, ha detto Diletta, i capelli rasta e un piercing, un’attivita’ di crowdfunding per onlus che lavorano anche in Brasile.

 

Ti suggeriamo anche  Jack Woolley: "Alle Olimpiadi molti atleti non mi stringeranno la mano perché sono gay"
Attualità

La Polonia potrebbe avere il suo primo presidente favorevole ai diritti LGBT: conosciamo Rafał Trzaskowski

E' Rafał Trzaskowski, già sindaco di Varsavia. Una possibile svolta per la Polonia omofoba che tristemente conosciamo.

di Alessandro Bovo