Roma, Polizia fa irruzione in un club gay e blocca concorso leather

Dopo una lunga perquisizione forze dell’ordine hanno imposto la chiusura della serata al Bunker, ex circolo Anddos.

È terminata molto prima del previsto la serata dell’elezione di Mr. Rubber al Bunker di Roma: il locale è sotto sequestro.

Sabato sera diversi agenti divisi tra Polizia, Vigili del Fuoco, Asl e Siae sono entrati al Bunker Club di Roma, un disco-cruising bar in zona Pigneto, in cui si sarebbe dovuto svolgere il contest di Mr. Rubber Italia 2018, organizzato dal Leather Club capitolino.

Le forze dell’ordine hanno disposto una vasta e approfondita perquisizione del locale, controllando anche i documenti dei presenti e avvicinandoli ai cani antidroga. Il Bunker sarebbe poi stato chiuso per la presenza di tende non sicure perché di materiale infiammabile.

Dalla pagina Facebook la proprietà parla di “atto mirato” e di “sistema ipocrita e dittatoriale”.

Ti suggeriamo anche  Roma, formazione LGBT del personale nella locanda dello scontrino omofobo
Pride

Pride Month 2020: le parate non ci saranno, ma la nostra battaglia non si fermerà mai

Un Pride Month molto diverso, quello di quest’anno, ma il Covid-19 non ci impedirà di battagliare per i nostri diritti.

di Alessandro Bovo