Pro Vita, nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

Prosegue la campagna di disinformazione tra le strade delle città d'Italia.

ascolta:
0:00
-
0:00
Pro Vita, nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma: "Basta confondere l'identità sessuale dei bambini" - Pro Vita nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma - Gay.it
4 min. di lettura

Pro Vita & Famiglia prosegue la sua battaglia di pura disinformazione nei confronti della carriera alias, strumento che consente agli studenti trans* di cambiare nome e genere a scuola ancor prima dei 18 anni e di un eventuale compimento del percorso giuridico relativo al cambiamento di genere. Al di fuori dell’università o della scuola la carriera alias, lo ricordiamo non ha alcun valore: non sostituisce un documento d’identità. Non essendo un documento ufficiale, non ha un valore legale.

Lo scorso anno Pro Vita diffidò 150 scuole, chiedendo urgentemente l’intervento del ministro Giuseppe Valditara. Secondo Pro Vita & Famiglia Onlus, “assegnare un nome diverso a uno studente in base a una mera auto-percezione di genere, per di più priva di una diagnosi di disforia di genere, non solo è una procedura dannosa per la sua sana maturazione psico-fisica, ma è soprattutto in aperto contrasto con le normative vigenti in campo amministrativo, civile e potenzialmente anche penale“.

Pro Vita, nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma: "Basta confondere l'identità sessuale dei bambini" - Pro Vita vs. Carriera Alias - Gay.it

Pro Vita, nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma: "Basta confondere l'identità sessuale dei bambini" - Pro Vita Famiglia Milano - Gay.it

Negli ultimi giorni a Roma sono comparsi i nuovi aberranti manifesti di una campagna nazionale di Pro Vita, in passato più volte condannata a pagare multe salate per i suoi affissi. Cartelloni che seguono quelli dello scorso anno, con un bimbo in lacrime perché ‘costretto’ a mettere il rossetto e ad indossare fiocchi rosa.

In questa nuova campagna si vede un giovane studente vestito con la bandiera dell’arcobaleno, con un tacco a spillo rosso in un piede e un anfibio nell’altro. “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini nelle scuole. Stop gender e carriera alias“, si legge, con tanto di codice per firmare la petizione contro il “gender nelle scuole” (raccolte ad oggi 96.585 firme). Bisognerà ora capire se dal Campidoglio, più volte criticato da Pro Vita per le politiche del sindaco Gualtieri e per la nascita dell’Ufficio Diritti LGBT+ affidato a Marilena Grassadonia, arriveranno nuovi stop come avvenuto a inizio 2023 con l’indecente campagna contro la GPA, dichiarando simili manifesti semplicemente illegali.

Nel dubbio i pro vita d’Italia, contrari all’aborto, all’eutanasia, ai diritti LGBTQIA+, alle famiglie arcobaleno, all’educazione sessuale e di genere nelle scuole, sono sempre più presenti tra le fila del governo Meloni. Alfredo Mantovano, ex vicepresidente del centro studi Livatino (“Associazione di giuristi che studia il diritto alla vita, la famiglia e la libertà religiosa in un’ottica di coerenza con il diritto naturale”) punto di riferimento del Family Day, è Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri, vera spalla di Giorgia Meloni. Massimo Gandolfini, padre del Family Day, è diventato consulente dell’attuale Governo al Dipartimento per le politiche antidroga. Eugenia Roccella, nel 2007 portavoce del Family Day, è diventata Ministro per la famiglia, la natalità e le pari opportunità. Lavinia Mennuni, nel 2012 promotrice della Marcia della Vita, è diventata senatrice con Fratelli d’Italia.

Pro Vita e Famiglia è solo una parte della sempre più ampia area “no gender” che lentamente si sta inserendo tra le maglie della politica nazionale. La guerra dichiarata alla carriera alias, che Fratelli d’Italia ha provato ad attaccare in Lombardia, prosegue incessante da un anno, perché a a detta di Jacopo Coghe & Co. sarebbe una “procedura illegale e pericolosa: ragazzi e ragazze che vivono momenti di fragilità emotiva dovuti allo sviluppo saranno indotti a intraprendere percorsi per il cambio di sesso. In pochi mesi le scuole che hanno già adottato questa procedura – spinte dalle associazioni Lgbt – sono circa 100. Se non agiamo subito, nel nuovo anno scolastico il fenomeno dilagherà. Sarà uno tsunami gender”.

È vergognoso che politici come Zan, Cirinnà e Schlein cerchino di strumentalizzare i recenti fatti di cronaca per sponsorizzare l’educazione affettiva nelle scuole”, ha tuonato oggi Coghe, portavoce di Pro Vita, nel lancio di questa nuova campagna. “Pensano di prevenire la violenza di genere confondendo ancor di più bambine e bambini, ragazze e ragazzi sulla loro identità sessuale e sulla sana relazione tra uomini e donne, andando così ad aumentare proprio i problemi alla base di questi raccapriccianti fatti.  Non solo non esiste alcun nesso tra la cosiddetta fantomatica “educazione affettiva” nelle scuole e la diminuzione delle violenze contro le donne, ma nei Paesi in cui la si impartisce da decenni tali violenze sono addirittura aumentate. L’educazione affettiva in salsa relativista e arcobaleno non solo non è la soluzione del drammatico problema, ma è parte del problema stesso.  Un indottrinamento martellante che purtroppo trova conferme e terreno fertile in alcune amministrazioni locali, che spingono per introdurre la Carriera Alias e il gender nelle scuole. Come a Roma, dove Roberto Gualtieri, appena eletto, ha istituito un Ufficio per i Diritti Lgbt con a capo Marilena Grassadonia, già presidente di Famiglie Arcobaleno, e ormai da mesi sono numerose le iniziative Lgbt nelle scuole con il sostegno del comune o addirittura gli incontri, come al Municipio XI, per spingere gli Istituti e i Licei ad adottare la Carriera Alias.  Tutto questo è pericoloso per bambini e adolescenti, perché fa loro credere che si possa davvero “nascere nel corpo sbagliato” con il rischio di intraprendere percorsi di cambio di sesso sia sociale che chirurgico, spesso irreversibili. Le famiglie non sono disposte ad appaltare l’educazione dei loro figli a chi vorrebbe utilizzare le scuole per promuovere le proprie idee politiche e ideologiche”.

Allarmismo fantapocalittico privo di qualsiasi connessione con la realtà, puntualmente diffuso non solo sui social ma anche tra le strade delle più grandi città d’Italia.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24

Leggere fa bene

Giorgia Meloni dirotta in Albania 36.000 migranti l'anno. Che fine faranno le persone LGBTQIA+ in fuga dai paesi omobitransfobici africani? - Giorgia Meloni e Edi Rama - Gay.it

Giorgia Meloni dirotta in Albania 36.000 migranti l’anno. Che fine faranno le persone LGBTQIA+ in fuga dai paesi omobitransfobici africani?

News - Federico Boni 7.11.23
Bersani su Vannacci: "Se diamo dell’anormale a un gay, possiamo dare del cogli*ne a un generale?”. Il video è virale - bersani - Gay.it

Bersani su Vannacci: “Se diamo dell’anormale a un gay, possiamo dare del cogli*ne a un generale?”. Il video è virale

News - Redazione 4.9.23
famiglie-arcobaleno

Perché la stampa italiana continua ad alimentare la fake news “genitore 1 e 2”, dicitura mai esistita?

News - Federico Boni 16.2.24
La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un'associazione LGBTQIA+ - Simone Pillon - Gay.it

La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un’associazione LGBTQIA+

News - Redazione 23.11.23
Bingham Cup 2024, a Roma il Campionato Mondiale di Rugby per squadre inclusive - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, a Roma il Campionato Mondiale di Rugby per squadre inclusive

Corpi - Redazione 7.2.24
romania-unioni-civili

Romania in ritardo sul riconoscimento delle coppie omo, cresce l’estrema destra: l’allarme dellə attivistə

News - Francesca Di Feo 18.12.23
Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d'Appello: "Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica" - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d’Appello: “Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica”

News - Federico Boni 6.2.24
6 elettori statunitensi su 10 sono favorevoli all’introduzione di leggi a protezione della comunità LGBTQIA+ - Trump vs. Biden - Gay.it

6 elettori statunitensi su 10 sono favorevoli all’introduzione di leggi a protezione della comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 12.10.23