Body Heat, le fotografie di Spyros Rennt: intervista

In mostra in una piccola galleria indipendente di Milano: l'euforia sensuale di corpi che affermano la propria esistenza pre-politica.

Spyros Rennt
Spyros Rennt - Body Heat” spazio martin Milan
3 min. di lettura

La notte che diventa giorno, la tensione erotica della pista da ballo, le atmosfere underground dei club berlinesi e londinesi fanno da sfondo agli scatti del giovane fotografo Spyros Rennt. Il corpo è il soggetto privilegiato della sua indagine iconografica che parla di identità e sessualità. Con il solo ausilio della sua fotocamera Rennt imprime su pellicola i frammenti di una dimensione costituzionalmente distante dalla luce del giorno, quella del clubbing, ma pregna di luminosi spunti antropologici. I protagonisti delle sue fotografie richiamano alla mente situazioni dall’alto tasso erotico in cui l’assenza di tabù però non sfocia mai nel pornografico. Difficile tuttavia non provare un certo senso d’impalpabile eccitazione osservandole.

La sensuale euforia di corpi maschili e femminili nudi, spogliati da abiti e tabù, non è per Rennt uno statement politico, ma un atto di presenza, un’affermazione di esistenza, un faro a sostegno della visibilità LGBTQIA+. In una società che disconosce, discrimina ed emargina scelte di vita che hanno a che fare con una sessualità libera da paradigmi, le foto di Spyros Rennt cristallizzano un universo parallelo – che c’è ma non si vede – fatto di feste techno, after party casalinghi, amanti, amici e sconosciuti.

Spyros Rennt Body Heat mostra Milano

La mostra “Body Heat” giunge a compimento dopo la pubblicazione delle raccolte d’immagini “Another Excess” e “Lust Surrender” e anticipa un terzo libro fotografico in arrivo nel 2022. È indubbiamente un punto d’arrivo per il giovane fotografo che deve a Instagram molta della sua notorietà, ma è allo stesso tempo anche una nuova partenza alla volta di ulteriori esperimenti visivi.

Alle pareti dello Spazio Martín sono affissi, fino al 5 dicembre 2021, alcuni scatti provenienti dal suo vasto archivio fotografico fatto di immagini e potenti messaggi d’inclusione. Abbiamo posto qualche domanda a Spyros Rennt prima che ripartisse per Berlino.

Spyros Rennt photography
Spyros Rennt

Cosa desideri comunicare attraverso le tue fotografie?

Il mio lavoro è espressione di libertà. È uno spaccato di vita queer, ma non solo. I soggetti a cui mi interesso sono uomini, donne, omosessuali, eterosessuali sicuri della propria sensualità e delle proprie scelte individuali.

Quindi con la tua mostra “Body Heat” stai lanciando un certo messaggio?

Più di uno in realtà. In generale voglio contribuire a dare pubblica visibilità alla comunità queer ma con le mie fotografie voglio anche prendere una posizione nei confronti del mondo là fuori, che è molto diverso e distante da quello in cui vivono ragazzi e ragazze della comunità LGBTQIA+.

Quella che può sembrare emancipazione pensi possa trasformarsi per assurdo in una gabbia?

Credo di sì perché a volte uno stile di vita molto libero può diventare opprimente. Le mie foto catturano vibrazioni positive ma hanno al contempo anche risvolti critici. I ragazzi nudi e muscolosi che ho ritratto non appartengono al mio mondo, certo farei sesso con loro, ma non intendo propagandare un’estetica “muscle”, bensì semplicemente condensare attimi di bellezza e verità.

Come sei diventato fotografo?

Non ho studiato fotografia, ma ingegneria e ho iniziato a lavorare come ingegnere a Monaco. Per un paio d’anni ho vissuto negli Stati Uniti ma poi ho deciso di trasferirmi a Berlino perché non mi sentivo felice. Ho cominciato a guardarmi attorno e a sentire l’esigenza di fare qualcosa di creativo, pur non avendo ricevuto una formazione di tipo artistico. Amavo la fotografia già da tempo così ho iniziato a scattare delle foto con il mio Smartphone. Poi ho comprato una piccola fotocamera analogica e lentamente ho iniziato a realizzare un mio archivio di immagini. La mia passione mi ha reso molto produttivo e ho raccolto la grande quantità di scatti prodotti in due volumi che mi hanno consentito di farmi conoscere da più persone. Oggi ho un mio studio a Berlino e porto sempre la mia fotocamera con me.

Instagram ti fa da vetrina. Oltre a essere terribilmente sexy, il tuo account @spyressence ha anche un’utilità professionale?

Instagram ha la forza del social network ma è anche uno strumento molto conservatore. Nonostante io abbia scelto di non mostrare sul mio account tutti i miei lavori, per questioni di censura non potrei neppure, ne apprezzo l’utilità perché mi ha aiutato ad ampliare la mia audience.

Spyros Rent BODY HEAT Milano

Spyros Rennt – Body Heat
c/o Spazio Martín
Via Alfredo Catalani 35, Milano
12.11.2021 – 05.12.2021
Orari: mercoledì – venerdì 10-19; sabato e domenica 12-18 su prenotazione.

In apertura, scatto dall’account Instagram. Nell’articolo, autoritratto del fotografo Spyros Rennt, ph. courtesy Spazio Martín.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roland Garros 2024 al via, ecco le tenniste dichiaratamente queer in corsa per l'Open di Francia - Roland Garros 2024 al via ecco le tenniste dichiaratamente queer in corsa per lOpen di Francia - Gay.it

Roland Garros 2024 al via, ecco le tenniste dichiaratamente queer in corsa per l’Open di Francia

Corpi - Redazione 27.5.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24
Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO) - Omar Ayuso e Itzan Escamilla foto cover - Gay.it

Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO)

Culture - Redazione 27.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24

Hai già letto
queste storie?

Foto di Jamie Mccartney

Il Museo della Vagina include anche le persone trans*

Culture - Redazione Milano 18.1.24
modena pride 2024 intervista

Intervista a Modena Pride 2024: “I diritti o sono di tuttə o si chiamano privilegi”

News - Gio Arcuri 23.5.24
Candy Darling, 1971. © Jack Mitchell.

Chi era Candy Darling, l’icona trans* degli anni ’70

Culture - Riccardo Conte 27.4.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
"Fiesta", il ritorno in teatro dell'omaggio a Raffaella Carrà. Leggi l'intervista all'autore e regista Fabio Canino - Snapinsta.app 409955584 18303087 1 - Gay.it

“Fiesta”, il ritorno in teatro dell’omaggio a Raffaella Carrà. Leggi l’intervista all’autore e regista Fabio Canino

News - Gio Arcuri 30.12.23
michael-stipe-binarismo-di-genere

Michael Stipe sul binarismo di genere: “Nel ventunesimo secolo stiamo riconoscendo le zone grigie”

Musica - Francesca Di Feo 15.12.23
parma pride 2024 intervista

Intervista a Parma Pride 2024: “Nutriamo l’amore! Le unioni civili sono un ripiego”

News - Gio Arcuri 14.5.24
Cate Blanchett insieme a Coco Francini e la Dott.ssa Stacy L. Smith (Good Morning America)

Cate Blanchett a sostegno dellə cineastə donne, trans, e non binary

Cinema - Redazione Milano 19.12.23