Un campo giochi per giovani e no

"Congedo ordinario" di Severini e "Gli sterminati campi della normalità" di Burd per l'estate di Playground, recentemente acquisita dalla Fandango di Procacci

Un campo giochi per giovani e no - libriagosto2011 - Gay.it
3 min. di lettura

La Playground di Andrea Bergamini è stata acquistata dalla Fandango. Su queste pagine abbiamo parlato spesso di questa casa editrice, una delle migliori esperienze italiane in tema di editoria gay. Capace di proporre autori del calibro di Edmund White e Gilberto Severini in volumi ben curati, dalla grafica accattivante, con ottime traduzioni e stampa di qualità. Insomma, un piccolo miracoloso successo per un’Italia in cui l’imprenditoria gay vanta più di una cialtroneria. Sorprende quindi sapere dell’acquisizione da parte di Fandango libri, anche se Bergamini ha ottenuto di restare alla conduzione della casa editrice con una discreta autonomia decisionale. Lo stesso fondatore della Playground spiega che la vendita è stata fatta “per scelta, convinto che prima o poi ne avrei avuto bisogno. Da tre anni Playground aumenta costantemente il fatturato e può vantare un piccolo attivo. Ma da come leggo il mercato editoriale sono convinto che una casa editrice delle mie dimensioni non avrebbe avuto futuro continuando il percorso in perfetta solitudine”.

Un campo giochi per giovani e no - libricongedo ordinario - Gay.it

C’è da sperare quindi che lo zampino di Domenico Procacci, che con la sua Fandango sta creando un piccolo impero che spazia dal cinema all’editoria, non snaturi l’esperienza più che positiva – anche se non priva di difetti – della Playground. E gli ultimi due titoli pubblicati sembrano promettere bene: a parte un’insolita presenza di refusi tipografici (che l’esigenza del risparmio vada a colpire i poveri correttori di bozze?) Bergamini affronta l’estate con due libri che coprono un vasto range di lettori. Congedo ordinario di Gilberto Severini ripercorre le vicissitudini di un gay dei tempi in cui la parola “gay” non esisteva ancora, mentre Gli sterminati campi della normalità di Nick Burd è l’ultima uscita della collana High School dedicata ai giovanissimi. E di certo i lettori under-25 di questo corposo romanzo d’esordio (240 pagine, 13 euro) non potranno non riconoscersi in almeno qualcuna delle vicissitudini del giovane protagonista Dade. Nella sua ultima estate prima di andare al college, Dade affronta il bullismo dei compagni di liceo, la crisi dei suoi genitori, quella del rapporto di solo sesso con il bel giocatore della squadra di atletica – ovviamente ufficialmente fidanzato con una delle più carine e stronze della scuola – ma anche l’incontro con la sua prima amica omosessuale come lui e quello con il ragazzo che diventerà il suo primo vero fidanzato. Insomma una vera rassegna di cliché legati al percorso di autoaccettazione. Il giovane che, all’inizio del romanzo, è capace di confessare la propria omosessualità solo alle pale del ventilatore sospese sul suo letto o al suo spazzolino da denti, alla fine sarà il protagonista di una festa che lo riabiliterà innanzitutto agli occhi di se stesso. Ma il pregio maggiore del romanzo è nel tono intimo e diaristico – reso bene dalla buona traduzione di Andrea Misuri – con cui si raccontano non tanto e non solo gli avvenimenti della vita di Dade ma i suoi pensieri e le sue paure.

Un campo giochi per giovani e no - libristerminati campi - Gay.it

Il tono intimo contraddistingue anche il libro di Gilberto Severini che in un centinaio di pagine appena (per l’esattezza 110, al prezzo di 11 euro) riesce a intrecciare la ricostruzione del vissuto di uno stravagante professore di provincia, che ha subito anche il confino a causa della spudoratezza con cui viveva gli amori con i ragazzi del paese, con le riflessioni dell’io narrante, un “discepolo” o forse semplice ammiratore del professore che in età adulta deve confrontare se stesso con l’esperienza del suo bizzarro mentore. Due generazioni a confronto per leggere come può essere diverso – o simile – il vissuto di due omosessuali a distanza di 30 anni: il primo, forse deluso da un amore giovanile, finisce per trovare l’appagamento tra le braccia di marinai a cui corrisponde laute mance in cambio dei loro favori, l’altro si svela solo apparentemente più “risolto” e, pur senza raccontare nulla di sé, lascia trasparire una identificazione con il predecessore che suggerisce come in fin dei conti l’esperienza dell’omosessualità possa conservare delle costanti anche con il cambiare dei tempi.

Gilberto Severini, con questo Congedo Ordinario conferma la sua qualità di narratore d’eccezione, capace di restituire con struggente verosimiglianza vissuti ed atmosfere per lo più legate alla realtà di provincia. Un altro romanzo di Severini, A cosa servono gli amori infelici, era selezionato tra i dodici libri candidati al Premio Strega di quest’anno, poi vinto da Edoardo Nesi con Storie della mia gente.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
BigMama Concertone Primo Maggio 2024

BigMama inarrestabile diventa conduttrice per il Concertone del Primo Maggio

Musica - Emanuele Corbo 15.4.24
La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Sanremo 2024, due donne si amano in uno spot e Pillon attacca: “Propaganda, ormai è un Festival LGBT”. VIDEO - Sanremo 2024 spot Pupa 2 - Gay.it

Sanremo 2024, due donne si amano in uno spot e Pillon attacca: “Propaganda, ormai è un Festival LGBT”. VIDEO

Culture - Redazione 2.2.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
Veganuary - Di Pazza e la cucina vegetale

Di Pazza: cos’è il Veganuary e l’insostenibile leggerezza del vegetale

Culture - Emanuele Cellini 11.1.24
Alessandra Amoroso

Alessandra Amoroso è pronta per il Festival di Sanremo

Culture - Luca Diana 21.1.24
Jennifer Garner e Ben Affleck, il coming out del figliə come persona non binaria: "Mi chiamo Fin" - fin affleck ben affleck e jennifer garner - Gay.it

Jennifer Garner e Ben Affleck, il coming out del figliə come persona non binaria: “Mi chiamo Fin”

Culture - Redazione 11.4.24
Ivano Marino e i dolci auguri all'amato Giacomo: "Sai gioire sempre per me e questa è la prima meraviglia del mondo" - Ivano Marino e i dolci auguri di compleanno allamato Giacomo 0 - Gay.it

Ivano Marino e i dolci auguri all’amato Giacomo: “Sai gioire sempre per me e questa è la prima meraviglia del mondo”

Culture - Redazione 21.2.24
James Scully di Fire Island e You festeggia il compleanno dell'amato Julio Torres - James Scully di Fire Island e You festeggia il compleanno dellamato Julio Torres - Gay.it

James Scully di Fire Island e You festeggia il compleanno dell’amato Julio Torres

Culture - Redazione 13.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24