FIOCCO ROSSO PER L’ITALIA

di

Da Aosta a Palermo, da Pordenone a Cagliari, decine di iniziative per celebrare il 1° dicembre la Giornata Mondiale per la Lotta contro l'Aids. Ecco gli eventi più...

1633 0

Per tutti gli appuntamenti, consultate i Flash della Guida

ANCONA – La Regione Marche aderisce alla Giornata mondiale per la lotta all’ Aids, proclamata per l’ 1 dicembre dall’ Onu, con un momento di riflessione sulle problematiche e sulle risposte ai bisogni del settore. L’ appuntamento e’ per sabato 30 novembre, presso la sede della giunta ad Ancona.
Operatori e amministratori pubblici che si occupano di Aids illustreranno le iniziative attuate nelle Marche, sia nel campo della prevenzione, che in quelli della cura e della riabilitazione. Interverranno gli assessori regionali alla sanita’, Augusto Melappioni, e ai servizi sociali, Marcello Secchiaroli, il sindaco di Ancona Fabio Sturani, alcuni medici e clinici (Giorgio Scalise, Sonia Sebastianelli, Paolo Padovani), il responsabile della Casa alloggio ‘Il Focolare’ di Ancona, Luca Saracini, il commissario straordinario della Ausl 7 Antonio Aprile, e Stefano Berti, dell’ Ufficio promozione della stessa Ausl.
Dal 1982 anno della prima diagnosi su italiani al 31 dicembre 2001, nel Paese sono state segnalate al Coa (Centro operativo Aids dell’ Istituto superiore di sanita’) 49.333 persone affette da Aids. Di queste, 38.420 (77,9%) erano di sesso maschile, 711 (1,4%) in eta’ pediatrica (meno di 13 anni), e 2.679 (5,4%) straniere. Nelle Marche, i casi di Aids fino al 31 dicembre del 2001 sono stati 869, tra residenti e non residenti. Il 2001 ha fatto registrare 44 casi conclamati, 33 dei quali riferiti a residenti. La proiezione 2002 prevede altre 32 segnalazioni.
Analizzando il dato riferito solo ai residenti, i marchigiani affetti da Aids, fin dai primi anni dell infezione, sono stati 724, di cui 543 maschi (75%) e 181 femmine (25%). In vita restano 319 malati. La distribuzione anagrafica dei 724 casi marchigiani (53% nel pesarese, 48% nell anconetano, 36% nel maceratese, 58% nell ascolano), evidenzia la crescita dell’ eta’ media dei contagi: oltre i 35 anni si segnala il 48,6% di malati, quando – dalle statistiche del 2000 l analogo gruppo si attestava sul 46,5%. Tra i contagiati del 2001, oltre il 50% ha un eta’ superiore ai 40 anni.
In costante sviluppo risulta il numero dei contagi per rapporti sessuali a rischio: dal 15% del 1996 all attuale 21%.
Nelle 33 segnalazioni del 2001, 14 persone (42%) risultano infettate con questa modalit’. I tossicodipendenti sono invece 6 (19%). Se la tendenza dovesse essere confermata, gli eterosessuali, tra pochi anni, diventerebbero quelli piu’ colpiti dal virus.

ANCONA – Circolo Arcigay CALEIDO VEN 29.11 – SAB 30.11 Ore 23 Distribuzione di materiale informativo e Festa della prevenzione presso il Circolo Pensiero Stupendo di Senigallia, Via Montignano 3, Loc. Castelcolonna. Infoline 347.4758758 ancona@arcigay.it

AOSTA – Circolo Arcigay 28 GIUGNO SAB 30.11 Presidio di distribuzione di materiale informativo nel centro cittadino. Info 329.6034973 aosta@arcigay.it

AOSTA – In Valle d’ Aosta prevenzione ovunque: e’ l’ impegno dell’ Assessore regionale alla Sanita’, Roberto Vicquery e dell’ Usl per contrastare la diffusione dell’ aids.
"E’ necessario – ha ricordato oggi l’ assessore presentando le iniziative organizzate nell’ ambito della Giornata Mondiale per la lotta all’ Aids – potenziare l’ educazione sessuale e la diffusione della cultura della prevenzione". Ma la dottoressa Maria Angela Tassara, direttore del reparto malattie infettive dell’ ospedale di Aosta ha fatto rilevare l’ opportunita’ che "la sensibilizzazione sia indirizzata anche alle persone adulte perche’ in questi ultimi anni si registra l’ innalzamento dell’ eta’ delle persone affette da Hiv; dai 20-25 anni si e’ passati ai 30-35 anni" ha precisato.
L’ Usl della Valle d’ Aosta partecipa, con altre 19 usl, al progetto "Vivi e lascia vivere" promosso dal Ministero, che prevede la realizzazione di un modello di sperimentazione organizzativo relativo all’ integrazione di pubblico, privato e volontariato nella lotta all’ Aids.
In tale contesto l’ Usl ha promosso cinque manifestazioni, l’ ultima delle quale e’ in programma martedi’ 10 dicembre. La Giornata Mondiale della lotta all’ Aids sara’ celebrata anche sabato in occasione della "Giornata Olimpica 2002" organizzata dal Coni per premiare i migliori atleti e dirigenti valdostani. A tutti i partecipanti sara’ distribuito materiale informativo sulla prevenzione dell’ Aids.
Sempre sabato prossimo dalle ore 15 alle ore 19 sara’ allestita, in via De Tillier ad Aosta, una "Postazione informativa" , dove saranno distribuiti agendine, magliette, fiocchi e opuscoli. Analogo materiale sara’ distribuito, sempre sabato 30 dicembre, dalle ore 23 al Centro Anita dove e’ in programma il concerto "Etnicamente", nonche’ martedi’ 3 dicembre in occasione del concerto ‘degli ‘Articolo 31" organizzato nell’ ambito della Saison Culturelle.
Infine, lunedi’ 9 e martedi’ 10 dicembre, sono in programma alcune conferenze-dibattito riservate agli studenti delle classi terze delle scuole secondarie superiori della Valle d’ Aosta. Gli incontri saranno condotti da volontari dell’ associazione svizzera "Aide suisse contre le Sida".

Leggi   Africa, le nuove frontiere per combattere Hiv e Aids

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...