Vivere con l’Hiv, la testimonianza di Enrico: “Quando l’ho detto al mio compagno questa è stata la sua risposta”

Non ho mai avuto problemi di discriminazione, nemmeno nei rapporti sessuali, anche se generalmente non dichiaro il mio stato sierologico, sono undetectable (U = U) e non posso trasmettere il virus e quindi non ce n’è nessun bisogno

ascolta:
0:00
-
0:00
Vivere con Hiv testimonianza Enrico
Vivere con Hiv testimonianza Enrico
5 min. di lettura

Oggi si può vivere con l’Hiv dimenticando pure di essere positivi al virus. Sembra incredibile, poiché l’opinione pubblica è ancora molto distante da una piena normalizzazione dell’infezione da Hiv ed è colma di pregiudizi e paure nei confronti di chi vive con il virus. Abbiamo parlato con 3 persone che vivono con Hiv e ci hanno raccontato la loro storia.

Cosa significa U = U

Con il principio U=U (undetectable=untrasmissable, e cioè non rilevabile=non trasmissibile) si intende che le persone con HIV, che grazie alla terapia antiretrovirale raggiungono e mantengono livelli non rilevabili del virus nel sangue, non possono trasmettere il virus ad altre persone, nemmeno attraverso rapporti sessuali non protetti.

Vi abbiamo già raccontato la storia di David, che ha argomentato meglio quel che possiamo riassumere nella sua frase: “Non penso più al virus da quando prendo la terapia” –  qui per leggere la sua testimonianza. Affrontiamo ora il tema dell’Hiv nella coppia, con la storia di Enrico.

Enrico Caruso - Vivere con Hiv undetectable untrasmissable
Enrico Caruso – Vivere con Hiv undetectable untrasmissable

Enrico: quando l’ho detto al mio compagno la risposta è stata “Sì, anche il mio coinquilino ha l’Hiv ed è ok, so tutto

Sono Enrico Caruso, ho 36 anni e lavoro a Milano Check Point, dove gestisco il servizio PrEP. Vivo a Milano, città dove sono nato. Mi definisco una persona gender queer e amo i fumetti e i videogiochi. Da 11 anni sto con il mio compagno Paolo, che da 2 anni è diventato mio marito. Vivo con Hiv da 12 anni.

Facevo abbastanza regolarmente i test per le infezioni sessualmente trasmissibili e a dicembre del 2012, mi venne comunicato l’esito: positivo all’Hiv. Lì per lì è stato disorientante. L’unica cosa che mi ricordo oggi è il poco tatto del medico a capire il mio stato di disorientamento, senza empatia, andando dritto agli aspetti pratici e a quali sarebbero stati gli step successivi.

Mi ripresi in poco tempo. Fortunatamente ho fatto un percorso di studi in biologia, e conoscevo perfettamente l’Hiv per quello che era, un virus per il quale esistevano dei trattamenti efficaci che mi avrebbero permesso di vivere bene e a lungo. Dopo la diagnosi, ne parlai subito con gli amici più stretti.

La mia diagnosi coincideva con la mia discussione di tesi, mi ricordo che l’infettivologa mi disse: – Prima discuti la tesi e poi cominciamo la terapia -. Aspettai circa un mese.

Da allora, da quando ho iniziato la terapia, la mia vita è continuata senza troppi intoppi.

Ho fatto coming out pubblico come persona che vive con Hiv sui social nel 2022, è andato tutto alla grande, le persone sono state molto empatiche e non ho ricevuto nessuna shitstorm. Era un po’ strano, con il contenuto pubblicato sui social, la mia condizione era accessibile a tuttə. Dopo qualche mese scoprii che alcune persone dell’istituto di ricerca dove lavoravo in precedenza avevano commentato il mio coming out come inopportuno, poiché ritenevano che questo tipo di informazioni dovessero rimanere cose private. Ma non mi sono sentita ferita, anzi ho pensato:

Ho fatto la cosa giusta.

Non ho mai avuto problemi di discriminazione, nemmeno nei rapporti sessuali, anche se generalmente non dichiaro il mio stato sierologico, sono undetectable e non posso trasmettere il virus e quindi non ce n’è nessun bisogno.

Ho deciso di parlarne a Paolo un mese e mezzo dopo il nostro primo incontro, questo perché all’inizio eravamo più scopamici che compagni, ma appena la nostra storia è diventata qualcosa di più è stato importante parlarne con lui. Lui è stato il primo e l’ultimo fidanzato con il quale ho fatto coming out, ma la sua risposta è stata:

Ah si, anche il mio coinquilino ha l’Hiv ed è ok, so tutto.

Per me è stato davvero rassicurante. Le uniche persone con il quale non ne ho mai parlato sono i miei genitori, perché penso che non abbiano gli strumenti per capire cosa vuol dire vivere con l’Hiv oggi e per quello che è il nostro rapporto attualmente, non ho voglia di accompagnarli in questo percorso di conoscenza.

Rispetto alla mia routine l’Hiv occupa solo l’0,1 %. Nel mio lavoro a volte parlo anche di me e racconto la mia storia, ma se penso alla mia routine e alla terapia, non mi pesa per niente, anzi per come sono fatto mi dimentico che la pillola che prendo è per trattare l’Hiv, è solo una terapia quotidiana. E quando mi viene in mente che serve a tenere sotto controllo l’infezione non c’è nessun sentimento negativo, al contrario sono contento di prendere quella pillola e di prendermi cura di me stesso.

Vivere con Hiv - Enrico Caruso
Vivere con Hiv – Enrico Caruso ha raccontato a Gay.it la sua vita con l’hiv e come ha reagito suo marito quando gli ha detto di essere hiv+ in terapia U = U

Credo che se non avessi l’Hiv oggi prenderei la PrEP (qui le testimonianza di persone che assumono PrEP ndr). Consapevolezza e conoscenza del virus sono le migliori armi oggi per vivere al meglio la propria sessualità, sia per chi vive con l’Hiv, sia per chi non ce l’ha.

Rispetto al coming out, penso che le persone si debbano sentire pronte per farlo. L’Hiv oggi, nonostante dal punto di vista clinico possa essere considerato un’infezione “normale” e le persone con Hiv non possono trasmettere il virus se in terapia e con carica non rilevabile (leggi la storia di questa sentenza ndr), non è ancora percepito come un’infezione ma una “malattia” sociale (il cosiddetto stigma da hiv, qui il nostro sondaggio ndr).

Sul piano politico credo che dovremmo ragionare di più collettivamente su come abbattere il peso sociale nei nostri confronti: ipoteticamente, se tutte le persone Hiv positive facessero coming out e ci fosse un’educazione alla cultura della salute sessuale, probabilmente tutto migliorerebbe. Ma allo stato attuale c’è ancora tanto da fare e le persone con Hiv si devono tutelare dallo stigma e il coming out continua a rimanere un privilegio.

Leggi: Gli indimenticabili momenti storici contro lo stigma dell’hiv

Mi sento però di mandare un messaggio alle persone che vivono con Hiv: se vi sentite sicure fate coming out, cominciate dalle persone con il quale siete più serene, vivere una sola vita con le persone vicine normalizza e migliora la qualità dei rapporti e il benessere personale. L’isolamento è uno degli aspetti peggiori che spesso accompagna chi vive con Hiv, un consiglio è quello di frequentare spazi protetti dove trovare dei pari e confrontarsi, come le associazioni, perché questo tipo di confronto è liberatorio e fa sentire meno solə.

Leggi: 2016, quando Jonathan Bazzi fece coming out: “Ho l’HIV e per proteggermi vi racconterò tutto”

 

I contenuti proposti rientrano nella responsabilità esclusiva della redazione. ViiV Healthcare -con la quale Gay.it ha sottoscritto un accordo di media-partnership- non ha avuto alcun ruolo nella definizione e/o creazione degli stessi rispetto ai quali è totalmente estranea.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La Lega presenta una proposta di legge per "vietare l'insegnamento delle teorie gender nelle scuole" - Laura Ravetto - Gay.it

La Lega presenta una proposta di legge per “vietare l’insegnamento delle teorie gender nelle scuole”

News - Redazione 24.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24

Hai già letto
queste storie?

Hiv e aids, 9 iconici film che hanno fatto la storia - cover film hiv aids - Gay.it

Hiv e aids, 9 iconici film che hanno fatto la storia

Corpi - Federico Boni 29.11.23
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Elton John al parlamento inglese: "Il prossimo premier faccia di più per sradicare l’aids entro il 2030" - Elton John - Gay.it

Elton John al parlamento inglese: “Il prossimo premier faccia di più per sradicare l’aids entro il 2030”

News - Redazione 30.11.23
Positive+1, l'app di dating per persone sieropositive - Positive1 - Gay.it

Positive+1, l’app di dating per persone sieropositive

Corpi - Federico Boni 12.1.24
Donatella Versace lotta con noi: sostegno a Milano Check Point nella lotta ad hiv e malattie a trasmissione sessuale - donatella versace alessandro zan milano check point 2 - Gay.it

Donatella Versace lotta con noi: sostegno a Milano Check Point nella lotta ad hiv e malattie a trasmissione sessuale

Corpi - Redazione Milano 1.12.23
"Hiv, ne parliamo?", al via la campagna ispirata a storie vere - HIV. Ne Parliamo - Gay.it

“Hiv, ne parliamo?”, al via la campagna ispirata a storie vere

Corpi - Daniele Calzavara 28.11.23
Hiv sentenza Bari su U uguale U Gay.it

U = U, sentenza storica, assolto un uomo accusato di aver trasmesso l’Hiv: se non è rilevabile non si può trasmettere

Corpi - Daniele Calzavara 28.2.24
libri hiv stigma Rebecca Makka Hervé Guibért Giulia Scomazzon Elena Di Cioccio

Oltre lo stigma Hiv: libri, narrazioni e discorsi

Culture - Federico Colombo 30.11.23