Ha abusato di 6 detenuti. Il cappellano incastrato dai video

di

In manette il cappellano di San Vittore per violenza sessuale. Secondo la procura di Milano don Alberto Barin avrebbe abusato di sei detenuti. E' accusato anche di concussione.

2798 0

Don Alberto Barin, cappellano della casa circondariale San Vittore di Milano, è stato arrestato oggi dagli uomini della squadra mobile per violenza sessuale e concussione. Lo si apprende da una nota ufficiale della procura di Milano firmata dal procuratore capo Edmondo Bruti Liberati. Il reato di violenza sessuale, si legge ancora sul comunicato, è stato compiuto dal sacerdote nei confronti di 6 detenuti.

Il sacerdote e’ stato denunciato cai carcerati ai quali chiedeva favori sessuali in cambio di piccole elargizioni di denaro o beni materiali, necessari a soddisfare i bisogni più elementari come sigarette, shampoo, spazzolini o pochi spiccioli. Secondo quanto si apprende in ambienti giudiziari milanesi, le indagini condotte in questi mesi dalla procura hanno permesso di dimostrare tutta una serie di violenze a partire dal 2008 fino a oggi.

Le vittime "preferite" di Don Alberto erano tutti ragazzi giovanissimi (di età compresa ta un minimo di 22 anni e un massimo di 28), tutti extracomuntari e tutti in carcere per reati di microcriminalità, ad eccezione di uno di loro detenuto per omicidio. I fatti avvenivano all’interno del carcere milanese e precisamente nell’ufficio del cappellano. A incastrare Don Alberto sono almeno 5 video, disposti dagli investigatori dopo la denuncia presentata nell’estate scorsa da una delle vittime.

L’arresto di Don Alberto è scattato nel pomeriggio di oggi quando gli uomini della polizia giudiziaria che lo hanno prelevato nella sua abitazione di piazza Filangeri, di fronte all’ingresso principale della casa circondariale milanese.

Leggi   La dura vita dei gay in Russia: 267 aggressioni violente in 7 anni
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...