Uganda, attivista per i diritti LGBTQIA+ accoltellato in pieno giorno nei pressi della sua abitazione

Frank Mugisha, primo portavoce della comunità LGBTQIA+ nel paese, non ha dubbi: si tratta dell'ennesimo crimine d'odio da parte di una popolazione legittimata dall'omobitransfobia istituzionale.

ascolta:
0:00
-
0:00
uganda-aggressione-attivista
L'attivista Steven Kabuye, 25 anni, ricoverato dopo un'aggressione a sfondo omobitransfobico - Foto di Reuters
2 min. di lettura

Dall’emanazione di uno dei regolamenti più omofobi e intransigenti a livello mondiale in Uganda, qui la comunità LGBTQIA+ non è più al sicuro. Lo dimostra la recente aggressione a un prominente attivista per i diritti gay, accoltellato in pieno giorno nei pressi della sua abitazione. Aveva già ricevuto minacce.

Steven Kabuye, 25 anni, è miracolosamente sopravvissuto all’attacco e si trova oggi ricoverato in gravi condizioni, ma non in pericolo di vita.

La dinamica dei fatti è da film dell’orrore: due uomini ancora non identificati a bordo di una motocicletta avrebbero sorpreso Kabuye mentre si stava recando in ufficio, sarebbero scesi dalla moto per poi colpirlo con tre fendenti – uno al collo, uno al braccio e uno allo stomaco – e lasciarlo morire in mezzo alla strada.

Il tutto ripreso dallo smartphone dello stesso Kabuye, in un video ricondiviso poi dall’account X dell’associazione LGBTQIA+ per cui opera come volontario, Coloured Voices. La polizia Ugandese si è dichiarata estranea ai fatti fino a poche ore fa, ma ha promesso un’indagine approfondita sull’accaduto.

Frank Mugisha, primo portavoce della comunità LGBTQIA+ nel paese, non ha però dubbi: si tratta di un’aggressione a sfondo omobitransfobico, incoraggiata anche dall’atteggiamento istituzionale sempre più ostile verso le minoranze sessuali:

L’odio profondo per la comunità che la nuova legge ugandese dimostra non fa altro che incentivare attacchi di questo tipo. Ne vedremo sempre di più, purtroppo”.

Ricordiamo infatti che il nuovo regolamento, approvato l’anno scorso in una bufera di critiche a livello internazionale, prevede la pena di morte per alcuni reati legati all’attività sessuale tra persone dello tesso sesso. Almeno sette persone sono state arrestate per i suoi effetti, ma i gruppi di attivisti riportano una situazione ancora più grave.

Si parla di un’escalation di violenza privata contro persone gay, lesbiche e transgender tra stupri punitivi, torture e veri e propri pestaggi organizzati, con buona pace delle forze di polizia che spesso archiviano sommariamente le indagini – quando non sono esse stesse a perpetrare le violenze.

Di fronte alle crescenti preoccupazioni internazionali, il governo ugandese ha però rilasciato dichiarazioni in cui minimizza la gravità della situazione, sostenendo che una delle leggi più contestate, criticata per la repressione degli individui LGBTQIA+, avrebbe in realtà l’obiettivo limitato di criminalizzare le pratiche omosessuali e la loro promozione, piuttosto che colpire l’intera comunità.

Questa posizione, tuttavia, sembra ignorare le contraddizioni tra le esperienze vissute dalla comunità LGBTQIA+ e l’immagine che il governo cerca di proiettare: se il caso di Steven Kabuye ha raggiunto l’attenzione internazionale, è impossibile stimare la mole dell’ondata di violenza e repressione verso la comunità in tutto il paese poiché molti casi non vengono denunciati.

A dicembre, alcuni attivisti per i diritti LGBTQIA+ in Uganda si sono rivolti alla corte costituzionale per chiedere al governo di abrogare il nuovo regolamento – causa corroborante se non scatenante di episodi simili – poiché incostituzionale. Ad oggi, tuttavia, si attende ancora una sentenza.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Carmine Alfano sospeso dall'Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata - Carmine Alfano 2 - Gay.it

Carmine Alfano sospeso dall’Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata

News - Redazione 21.6.24
PrEP Universale, l'appello per il superamento delle barriere che in Italia vengono poste all’accesso alla terapia - PrEP universale – basta barriere - Gay.it

PrEP Universale, l’appello per il superamento delle barriere che in Italia vengono poste all’accesso alla terapia

News - Redazione 20.6.24
Mahmood coming out_ Foto dalla sfilata di Prada

Quella specie di coming out di Mahmood in inglese: media italiani impazziti

Musica - Mandalina Di Biase 20.6.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Foggia Sit In Omofobia Giugno 2024

Foggia reagisce all’aggressione di Alessandro: “Se questa terra non ci ama, noi la ameremo ancora più forte”

News - Francesca Di Feo 20.6.24

Continua a leggere

sassuolo-violenza-polizia-coppia-gay-scalfarotto

Violenza e profilazione razziale su coppia gay, la procura archivia, ma arriva l’interrogazione parlamentare

News - Francesca Di Feo 1.3.24
cover-meloni-africa

Vertice Italia-Africa e Piano Mattei: il Governo Meloni stringe accordi con 23 paesi che criminalizzano l’omosessualità

News - Francesca Di Feo 29.1.24
nigeria-kito-app-dating

Nigeria, l’orrenda pratica del “kito”: bande omofobe attirano uomini gay sulle app di dating per “punirli” e ricattarli

News - Francesca Di Feo 3.5.24
afghanistan-persone-transgender

L’Afghanistan a 3 anni dall’ascesa dei talebani: stupri, torture e violenze all’ordine del giorno per le persone transgender

News - Francesca Di Feo 2.4.24
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt-approvazione-marzo

Ghana, lo spietato disegno di legge anti-LGBTQIA+ verso l’approvazione a marzo

News - Francesca Di Feo 23.2.24
congo-legge-anti-lgbt

Congo, avanza una proposta di legge anti-LGBTIQ in chiave anti-Occidentale

News - Francesca Di Feo 31.5.24
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt

“L’occidente vuole importare in Ghana il disturbo mentale dell’omosessualità”: il parlamentare Sam George difende la legge anti-LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 12.4.24
Deputata ugandese chiede la castrazione per i gay, gli USA le negano il visto per recarsi all'ONU - Sarah Achieng Opendi - Gay.it

Deputata ugandese chiede la castrazione per i gay, gli USA le negano il visto per recarsi all’ONU

News - Redazione 7.3.24