Rovigo: il sindaco si dichiara obiettore, non celebrerà le unioni civili

di

Massimo Bergamin, sindaco Lega Nord, si dichiara contrario alle unioni civili. Anche se la legge non lo prevede cerca di invocare la sua autonomia nel decidere di non...

19154 3

Il sindaco di Rovigo, il leghista Massimo Bergamin, ha manifestato in un’intervista di ieri 10 luglio a La Repubblica – poi prontamente condivisa sul suo profilo Facebook – l’intenzione di rifiutarsi di celebrare le unioni civili.

Rivendicando lo status di obiettore di coscienza per motivi di “cultura, religione e principio”, Bergamin ha esibito opinioni molto irrispettose verso la comunità LGBT e i suoi diritti, ironizzando sulle unioni civili: “E se un bel giorno si presentano in tre? O se qualcuno viene qua con un cavallo e vuole sposare quello? Mai e poi mai, con la fascia da sindaco, celebrerò il matrimonio tra due persone dello stesso sesso. Ci sono problemi molti più importanti da affrontare”. E quali sarebbero questi problemi, il sindaco lo specifica proprio: “le buche sulle strade, i quartieri poco illuminati” ad esempio.

Buondì e buona domenica a tutti.

La Famiglia può essere solo una:
l’unione tra un Uomo ed una Donna.

E se un bel…

Pubblicato da Massimo Bergamin Sindaco di Rovigo su Sabato 9 luglio 2016

 

Quando l’intervistatore di Repubblica ha provato a fargli presente che si tratta di una legge dello Stato, che va applicata, il sindaco ha risposto: “Delegherò a qualche altro consigliere o inviterò il premier Renzi a celebrare le nozze”. Bisogna ricordare infatti che la Legge non prevede l’obiezione di coscienza (leggi qua per approfondimenti) e chi si rifiuterà di celebrare le unioni civili, potrà essere accusato di omissione di atti di ufficio, reato punibile fino a un anno di carcere e una multa fino a 1032 euro.

Il sindaco ha definito “corto circuito” una coppia formata da persone dello stesso sesso e si è dichiarato inoltre preoccupato dei possibili esiti del riconoscimento formale delle coppie omosessuali, soprattutto per la questione delle adozioni. Impossibile anche solo nominare la questione: ha ribadito che per lui esiste solo la famiglia (cosiddetta) naturale. Ogni altra possibilità è da rifiutare e la sua posizione vero le unioni civili avrebbe proprio anche lo scopo di prevenire che ci si avvicini alla discussione sull’omogenitorialità.

 

Leggi   Tunisia, minacce di morte all'ideatore della prima radio LGBT che resiste: 'sono qui per fare la differenza e creare maggiore tolleranza'
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...