Turchia: per gay e lesbiche l’omosessualità è perversione

di

A rivelarlo è lo studio condotto da un istituto che si occupa di benessere sessuale. Il 35% degli omosessuali pensa di potersi curare, mentre il 60% ritiene che...

2821 0

Più vicino ad un fenomeno che si potrebbe definire una sorta di "omofobia interiorizzata di massa" che non all’allegria e alla gioia che siamo abituati a vedere ai nostri Pride, il sentimento dominante per una grossissima fetta della comunità lgbt turca è quello di condurre uno stile di vita "perverso". A pensarlo è il 40% dei gay, delle lesbiche e dei trans che vivono in Turchia e lo rivela una ricerca dell’Istituzione per il benessere sessuale della società (Cised), riportata dal quotidiano turco Hurriyet. Tra le oltre 5.000 persone intervistate in varie città del Paese, l’88% è risultato eterosessuale e il 12% Lgbt.

Secondo lo studio, il 75% degli eterosessuali e il 40% delle persone Lgbt considerano l’omosessualità una "forma di perversione", mentre il 40% degli eterosessuali e il 60% degli Lgbt la ritengono una "scelta consapevole". Il 55% degli eterosessuali e il 35% delle persone Lgbt pensano anche che l’omosessualità possa essere "curata". Tra gli intervistati, inoltre, tutti gli eterosessuali e il 90% delle persone Lgbt non vorrebbero avere un figlio omosessuale, mentre la stessa percentuale di Lgbt ha detto di aver subito discriminazioni nella propria vita.

Leggi   Biella, un corso di formazione contro l'omofobia per presidi, docenti e studenti
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...