In Polonia vincono le donne: cancellata la legge anti aborto

di

"Le manifestanti ci hanno fatto riflettere, e ci hanno dato una lezione di umiltà", afferma Jaroslaw Gowin, ministro della Pubblica Istruzione e promotore della legge.

CONDIVIDI
1.7k Condivisioni Facebook 1.7k Twitter Google WhatsApp
8482 0

La volontà del popolo, delle migliaia di donne scese in piazza ha avuto la meglio: la Polonia fa marcia indietro sulla legge anti aborto.

Il Pis (Prawo i Sprawiedlywosc, cioè Diritto e Giustizia), partito ultracattolico e conservatore (con maggioranza assoluta) che aveva proposto il disegno di legge, ha fatto sapere che la posizione dell’esecutivo in seguito alle proteste era cambiata: infatti il Parlamento ha respinto il provvedimento, bocciandolo.

Le manifestanti ci hanno fatto riflettere, e ci hanno dato una lezione di umiltà“, afferma Jaroslaw Gowin, ministro della Pubblica Istruzione. “Non siamo mai stati favorevoli a una politica che punisca le donne“, ha chiosato all’unisono Tomasz Latos, deputato. Il disegno di legge infatti prevedeva che l’aborto potesse essere effettuato solo in caso di “grave pericolo di vita della donna incinta”. La legge attuale è già tra le più coercitive d’Europa (consente l’aborto solo in caso di incesto, stupro malformazioni gravi del feto e pericolo di salute della donna) e rimarrà quindi in vigore. “La legge era un progetto barbaro, da cestinare subito“, hanno commentato quelli di Nowoczesna, partito liberalcentrista d’opposizione.

La #CzarnyProtest, svoltasi alcuni giorni fa in Polonia, ha visto una partecipazione a dir poco massiccia: le donne sono scese in piazza rifiutandosi di lavorare e di adempiere ai loro ruoli sociali. E grazie alla loro tenacia sono riuscite a far sì che i loro diritti, già molto limitati, vengano salvaguardati.

LEGGI ANCHE: #BlackProtest, sciopero generale delle donne in Polonia contro il divieto d’aborto > >

blac_protest_poland

Leggi   Polonia, il primo sindaco apertamente gay si candida alla guida del Paese
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...