Ma Barbie è stato davvero snobbato agli Oscar?

L'indignazione generale verso le mancate nomination a Greta Gerwig e Margot Robbie ci parla di sessismo nell'industria, ma anche qualcos'altro.

ascolta:
0:00
-
0:00
BARBIE (2023)
BARBIE (2023)
3 min. di lettura

Lo sapevamo che gli Oscar ci avrebbero fatto incazzare. Lo sapevamo con una settimana d’anticipo, con gente che aveva già salvato nelle bozze i tweet indignati da sfornare all’occorrenza e inveire contro quella vetusta istituzione che sono gli Academy Awards. La stessa che ci tiene incollate ogni anno per sapere le nomination o seguire la diretta alle due di notte in dormiveglia, con la voce di Francesco Castelnuovo che fa da ninna nanna.

Chi scrive aveva già accettato da tempo immemore che Trace Lysette non sarebbe stata nominata e che nemmeno quest’anno vedremo un’attrice transgender agli Oscar: pace, sarà per un’altra volta. In questo stato di serafica rassegnazione, Barbie era il titolo che poteva dormire sonni tranquilli: 594.801.000 dollari incassati a livello nazionale (almeno il 46% del suo incasso), e 745.500.000 dollari su scala internazionale, diventando il primo film diretto da una donna a raggiungere un miliardo di incassi nel mondo.

Evento cinematografico e meme ancora prima che uscisse, temuto dai leader di estrema destra, simbolo di rinascita per un cinema mainstream fatto da donne per le donne da una parte e perfetto esempio di femminismo liberale dall’altra, Barbie si è portato a casa 8 nomination: miglior film, migliore attore non protagonista per Ryan Gosling, migliore attrice non protagonista per America Ferrera. miglior sceneggiatura non originale, miglior scenografia, migliori costumi, miglior canzone originale ‘I’m Just Ken’, e miglior canzone originale ‘What was I made for’ per Billie Eilish.

Chi manca? La sua regista Greta Gerwig e la sua attrice protagonista Margot Robbie, e per questo almeno tre persone che conoscete stanno sbroccando su Twitter nelle ultime 24 ore. Per molte l’assenza di Gerwig e Robbie conferma che l’Academy ‘snobba’ le donne anche quando veicolano l’annata cinematografica. Non aiuta nemmeno che Barbie sia una ‘commedia’ e un  ‘franchise’, due parole mai particolarmente piaciute ai membri dell’Academy (che al contrario si sbrodolano  per drammoni, biopic, e period drama – con rare eccezioni). Allo stesso tempo,  rifletterebbe una dura realtà: Barbie è un film contro la società patriarcale, ma gli Oscar premiano Ken. Tanto che lo stesso Ryan Gosling è intervenuto, scrivendo: “Non c’è Ken senza Barbie, e non c’è film di Barie senza Greta Gerwig e Margot Robbie” e  che “senza il loro talento, il loro coraggio e il loro genio non sarebbe stato possibile fare il film per il quale stiamo ricevendo questi riconoscimenti”.

Quindi gli Oscar sono sessisti? Beh sì, ma non serviva Barbie per saperlo: era già successo nel 1983 a Barbra Streisand che vinse cinque Oscar per il suo debutto da regista, Yentyl, ma non venne nominata come regista (‘il film si è girato da solo?‘ cantò Billy Crystal sul palco). Successe di nuovo nel 2015, quando la regista Ava DeVurnay non venne nominata per il suo Selma. In generale, è sempre successo: in tutta la storia degli Academy solo otto donne sono state nominate come ‘Miglior Regista’: Lina Wertmüller, Sofia Coppola, Kathryn Bigelow, Greta Gerwig (per il suo debutto Lady Bird), Chloé Zhao, Emerald Fennell, Jane Campion, e quest’anno anche Justine Tret, regista del meraviglioso ‘Anatomia di una caduta‘, unica donna seduta vicino a Jonathan Glazer, Yorgos Lanthimos, Christopher Nolan, e Martin Scorsese.

Barbie ci ricorda che gli uomini arrivano più veloci e le donne devono sbattersi il doppio per non restare in panchina. Ma anche che la parità di genere ce la prendiamo a cuore solo quando riguarda donne bianche, tanto da dimenticarci per strada tutti gli altri traguardi dell’annata: da Lily Gladstone, prima donna nativa candidata come miglior attrice per The Killers of Flower Moon (oltre che papabile vincitrice) fino a Danielle Brooks (Il Colore Viola), Da’Vine Joy Randolph (The Holdovers) e la stessa America Ferrera per Barbie, tutte e tre donne BIPOC candidate come miglior attrice non protagonista.

Ma anche Colman Domingo, primo attore afro-latino e dichiaratamente gay ad essere candidato come attore per Rustin (25 anni dopo Ian McKellen in Demoni e Dei), Jodie Foster come miglior attrice non protagonista per Nyad, fino a Jeffrey Wright e Sterling K. Brown per American Fiction.  Per la prima volta tre tra i 10 film candidati sono diretti da donne (Barbie, Anatomia di una Caduta, e Past Lives). La stessa Greta Gerwig è la prima donna candidata a Miglior Film per tre volte.

Qualcuno li definirà  ‘contentini’, briciole da raccogliere sul red carpet, con il brutale reminder non ci salveremo dal sistema solo grazie a qualche statuetta da mettere in vetrina, e non mi sentirei di ribattere. Viene da chiedersi se possiamo davvero parlare di ‘contentino’ per un film che si è portato a casa otto candidature? Se ha senso parlare di ‘diversity’ dentro un sistema che nel 1983 non nominò Barbra Streisand, ma John Singleton per Boyz n the Hood, primo regista nero ad essere nominato nella categoria (ad oggi sono solo sei, nessuno ha mai vinto)? Lo stesso sistema che quest’anno ha candidato Justine Tret, ma non Celine Song, Greta Lee, e nemmeno Trace Lysette (scusate, chiaramente non l’ho digerita).  Non perché unə lo meritasse più dell’altrə, ma perché la diversità agli Oscar è merce di scambio dove ogni scelta comporta una rinuncia.
E se nel 2024 sei l’unicə in mezzo a cinque uomini bianchi, tocca chiamarlo un traguardo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Studente delle Filippine sgrida il Papa: "Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male" (VIDEO) - Papa Francesco e Jack Lorenz Acebedo Rivera - Gay.it

Studente delle Filippine sgrida il Papa: “Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male” (VIDEO)

News - Redazione 21.6.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24

Continua a leggere

2023: Le cose da portate con noi

10 cose che vogliamo portarci nel 2024

Culture - Redazione Milano 27.12.23
Jacob Elordi Frankestein Giullermo Del Toro

Jacob Elordi sarà Frankenstein nel 2024, cosa sappiamo del cult queer diretto da Guillermo Del Toro.

Cinema - Redazione Milano 8.1.24
@simoneriflesso

“Impareremo mai a parlare di disabilità?”: intervista con Simone Riflesso, tra autodeterminazione e orgoglio queer

Corpi - Riccardo Conte 30.5.24
Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
Laura Pezzino - intervista

25 Aprile, Resistenza e Liberazione: “La libertà è un esercizio” – intervista a Laura Pezzino

Culture - Federico Colombo 24.4.24
Intervista a Paul B Preciado - My Biographie Politique

Lə infinitə Orlando che ci donano il caos non binario, utopico e liberatorio: intervista a Paul B. Preciado

Cinema - Giuliano Federico 27.3.24
Fka Twigs per Calvin Klein (2023)

Perché hanno censurato FKA Twigs, tra oggettificazione sessuale e double standard

Corpi - Redazione Milano 12.1.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24