Prima unione civile a Napoli: Antonello Sannino e Danilo Di Leo dicono sì. De Magistris: “C’è grande voglia di amore!”

di

A fare da testimone un partigiano: "Qualcuno cantava che aveva un partigiano come presidente, noi abbiamo l'onore di avere un partigiano come testimone".

13259 0


VIENNA PREMIA UN AMORE SPECIALE!

Scopri come vincere un meraviglioso viaggio per 2 a Vienna con #lovewinsvienna


 Cerimonia partecipatissima al Comune di Napoli, nella prestigiosa Sala Giunta di Palazzo San Giacomo, per l’unione civile tra Antonello Sannino, Presidente di Arcigay Napoli, e Danilo Di Leo, ballerino del San Carlo.

A officiare la cerimonia il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, che ha voluto rimarcare di come questo giorno sia simbolo di un’avanzamento importante dei diritti e dell’uguaglianza. Uguaglianza di tutte le persone e i cittadini. “A Napoli – ha detto il primo cittadino rivolgendosi ad una sala gremita – c’è grande voglia di amore, di uguaglianza e di giustizia civile“. In alto potete vedere il video esclusivo dell’unione.

unioni_civili_napoli_3

Testimone della funzione civile, il Presidente Provinciale dell’Associazione Partigiani Italiani, Antonio Amoretti, storico partigiano delle quattro giornate di Napoli. “Qualcuno cantava che aveva un partigiano come presidente – ha detto commosso Sannino – noi abbiamo l’onore di avere un partigiano come testimone“.

unioni_civili_napoli_2

Alla celebrazione erano presenti diverse testate giornalistiche e televisive, il Sindaco di Torre Annunziata, paese di Antonello Sannino e Danilo Di Leo, i vertici nazionali e locali di Arcigay e uomini dello spettacolo e della società civile. L’attore e regista Massimo Andrei al termine dell’Unione, ha dedicato alla coppia di “sposi” una sua breve performance. Auguri!


VIENNA PREMIA UN AMORE SPECIALE!

Scopri come vincere un meraviglioso viaggio per 2 a Vienna con #lovewinsvienna


Leggi   Cesena, Forza Nuova a processo per i manifesti funebri sull'unione civile
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...