Bisex in musica

di

Per levarsi di dosso la fama di bravo ragazzo, nel suo primo video musicale un concorrente dell'edizione spagnola di Operazione Trionfo si cimenta in un'orgia bisex. Daniel Zueras.

2391 0

Si chiama Daniel Zueras, è un ragazzo spagnolo di ventotto anni ed è stato uno dei cantanti rivelazione degli ultimi anni sulla scena ispanica. Il suo lancio è avvenuto in seguito della sua partecipazione alla versione spagnola del reality canoro Operazione Trionfo (che negli USA – dove si chiama "The Cut" – aveva scoperto Anastacia e che venne sperimentato per una sola stagione anche in Italia, senza peraltro avere alcun seguito). Nell’edizione 2006 Daniel si era classificato secondo, ma sicuramente fra i concorrenti è stato quello che, a partire dal 2007, è riuscito a farsi conoscere di più.

Il motivo è abbastanza semplice: il suo primo video, tratto dal singolo No Quiero Enamorarme, lo vede alle prese con una sessione di sesso giocoso, ma molto passionale, in compagnia di una ragazza e di un ragazzo. Pare che lo scopo del video, oltre all’ovvio motivo di attirare l’attenzione, fosse quello di liberare Daniel dall’immagine di "bravo ragazzo" che lo aveva accompagnato in Operazione Trionfo, e nel contempo cercare di lanciare un messaggio inclusivo per tutti i tipi di passione.

Daniel non nega e non conferma nulla riguardo al suo orientamento sessuale, limitandosi a ribadire che per lui girare questo video è stata un’esperienza assolutamente normale, così come è normale essere attratti anche da persone del proprio sesso. Non si sa quanto questo suo atteggiamento evasivo sia dovuto a una scelta di marketing e quanto serva a tastare il terreno per un suo, per ora ipotetico, coming out. Certo è che nel video non sembra particolarmente a disagio, e che questo video ha suscitato un discreto numero di dibattiti e polemiche.

A prescindere dai gusti di Daniel Zueras, però, bisogna notare il fatto che questo videoclip è uno dei primi casi al mondo in cui un cantante di sesso maschile non si limita a giocare con l’ambiguità sessuale, ma addirittura si lascia riprendere in espliciti momenti di bisessualità. Generalmente questa possibilità era sfruttata solo dalle cantanti di sesso femminile, visto che l’idea poteva solleticare il pubblico maschile e che il lesbismo è più tollerato rispetto all’omosessualità maschile.

Nel caso di Daniel questo video a chi vuole ammiccare? Probabilmente non tanto ai gay spagnoli, quanto a tutti i giovani delle ultime generazioni, che vivendo in un clima più tollerante rispetto anche solo a pochi anni fa, hanno la possibilità (e sentono la necessità) di esplorare la loro sessualità in maniera più completa. A questo punto, però, è inevitabile fare un paragone con la situazione dei cantanti italiani, e in particolare con quella dei giovani che emergono dai nostri reality a sfondo musicale.

In primo luogo nel nostro paese i cantanti che escono dai reality, per ora, non sono mai riusciti ad affrancarsi dal programma che li ha lanciati, e quando ci hanno provato sono usciti dalla ribalta. Inoltre, anche se intraprendono una qualche carriera musicale, non riescono quasi mai a rilanciarsi in maniera autonoma, arrivando al paradosso di lavorare per anni in musical ispirati ai reality a cui hanno partecipato. In secondo luogo giocare sulle provocazioni sessuali, vere o presunte, nel nostro paese – soprattutto oggi – è semplicemente impensabile anche per i cantanti più affermati, figuriamoci per i giovani talenti. Sarebbe troppo compromettente e avrebbe ripercussioni negative difficilmente calcolabili. E così la nostra scena musicale rappresenta in maniera molto parziale il mondo reale e la condizione delle nuove generazioni, che hanno rivoluzionato il loro rapporto con la sessualità rispetto anche solo a una decina di anni fa. Sicuramente non è un caso se il brano di Daniel Zueras, con relativo video, in Italia non sia mai arrivato.

Leggi   Brasile: calciatori licenziati dopo un video gay a luci rosse

Il video di Daniel Zueras su YouTube:

di Valeriano Elfodiluce

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...