Agguato al Gay Village, colpi d’arma da fuoco sul retro: “Non sappiamo chi è”

Parla Imma Battaglia: "Dov'è la politica? Dov'è il governo? Dov'è il presidente del Municipio? Bisogna agire ora".

Agguato al Gay Village, colpi d'arma da fuoco sul retro: "Non sappiamo chi è" - cover gay Village - Gay.it
3 min. di lettura

Terrore nella notte tra sabato e domenica al Gay Village di Roma: come hanno riportato numerosi quotidiani intorno alle 5 un uomo, vestito di nero e con un casco scuro, ha sparato due colpi di arma da fuoco fuori dall’uscita del retro del locale. La sicurezza interna, disarmata, lo ha inseguito, ma l’uomo è riuscito a dileguarsi su uno scooter, perdendo la pistola.  Il fatto è avvenuto quando il locale stava ormai per chiudere e si era già quasi svuotato: nessun ferito per fortuna, ma molta paura. La polizia sta indagando sui fatti: la pista, per ora, sembra essere quella di una “spedizione” conseguente ad una rissa sedata poco prima all’interno del locale tra due gruppi di ragazzi, che erano stati allontanati dal locale.

Abbiamo contattato per approfondire la vicenda Imma Battaglia, nota attivista leader nel movimento LGBT, che è ancora molto scossa da quello che è successo: “Presumiamo sia per la rissa, ma in realtà non sappiamo nulla, non possiamo essere sicuri della matrice dell’agguato perché per ora camminiamo nel buio“. La questione solleva un problema ben più grande, quello del degrado di quella zona dell’Eur, lasciata allo sbaraglio dalle amministrazioni: “Qui ci sono ben 5 manifestazioni che fanno spostare migliaia di persone ogni sera: non c’è nessuno, accadono le cose peggiori ogni volta. C’è il commissariato di zona, sono bravissimi ma non basta, sono pochi e le forze non sono sufficienti“, ribadisce Battaglia. “Il Gay Village spende in sicurezza come forse nessun locale, ma non dovrebbe essere nostro compito garantire la sicurezza fuori dalla manifestazione. Invece ci vediamo costretti a fronteggiare questi atti: la sicurezza ha inseguito quella persona senza armi, con un coraggio immane: se qualcuno fosse morto non me lo sarei mai perdonata. Cerchiamo di proporre il meglio e di svolgere una manifestazione che sia oltre che divertimento la massima espressione della cultura, ma questi atti ci mettono in grave difficoltà“.

La zona è troppo spesso teatro di aggressioni, sparatorie, prostituzione minorile, sporcizia (problema che come sappiamo è ben più esteso in tutta la capitale): “Siamo vittime del degrado della città: il problema dei rifiuti ne è il simbolo. Dov’è la politica? Dov’è il governo? Dov’è il presidente del Municipio? Bisogna agire ora“. Questo il comunicato, diffuso dal Gay Village:

La sicurezza del Gay Village è stata costretta a intervenire intorno alle 3 del mattino di sabato per allontanare un gruppo di quattro ragazzi visibilmente alterati. Dopo essere stati invitati a uscire, il gruppo ha opposto resistenza. Una volta accompagnati all’uscita si sono poi allontanati volontariamente dalla struttura. Tuttavia dopo un’ora e mezzo circa a manifestazione ormai chiusa, un uomo a bordo di una moto di grossa cilindrata, ha sparato due colpi di arma da fuoco alla porta carraia. Nessuno è rimasto ferito, le squadre della sicurezza hanno subito allertato le Forze dell’Ordine. In merito al grave episodio avvenuto all’alba di domenica mattina, gli organizzatori lanciano un appello all’amministrazione. Del caso si stanno ora occupando gli agenti del commissariato Eur chiamati dalle squadre di vigilantes che ogni fine settimana sono impiegate nella zona della manifestazione culturale. «Chiediamo alla sindaca Virginia Raggi e al neo presidente del municipio, Dario D’Innocenti maggiore attenzione per quanto sta accadendo nella città di Roma ed in particolare all’Eur», denuncia Imma Battaglia, leader del movimento LGBT in Italia: «In questo momento ci sentiamo soli in un’area altamente a rischio. Siamo preoccupati per i nostri lavoratori perché quanto accaduto ha dimostrato che il problema della sicurezza in città diventa sempre più impellente, il commissariato Eur sta lavorando indefessamente ma sono pochi e senza risorse economiche per pagare gli straordinari, per poter garantire copertura all’esterno, dove noi siamo indifesi. Durante il weekend i vigili urbani sono entrati all’interno per accertare che vi fosse il rispetto della nuova ordinanza anti-alcol e hanno potuto verificare che tutte le nostre sono a norma, ma poi non tutelano il territorio pieno di ogni tipo di abuso e delinquenza. Chiediamo urgentemente un tavolo di coordinamento per tutelare tutte le manifestazioni, che nell’area si sforzano di creare lavoro e allegria, in una città profondamente ferita, abbandonata e depressa. Chiediamo maggiore presenza e controlli delle forze dell’ordine nella zona esterna.

Bisogna tenere duro: ci auguriamo che le amministrazioni competenti del municipio di Roma colgano questo appello. Forza ragazzi!

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Alex 17.8.16 - 16:41

lo sterminio devono fare

Trending

CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
Heartstopper 3, parla Joe Locke: "Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale" - Joe Locke - Gay.it

Heartstopper 3, parla Joe Locke: “Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale”

Serie Tv - Redazione 20.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24
Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè - Una Voce per San Marino 2024 - Gay.it

Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè

Culture - Redazione 19.2.24
aromanticismo-cosa-vuol-dire

Come l’aromanticismo può aiutarci a decostruire la nostra concezione imposta dell’amore

News - Francesca Di Feo 20.2.24
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24

Leggere fa bene

Roma lgbtqia+

Coming Out Day 2023, il comune di Roma celebra la giornata dicendo basta all’omobitransfobia

News - Redazione 10.10.23
Pro Vita, nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma: "Basta confondere l'identità sessuale dei bambini" - Pro Vita nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma - Gay.it

Pro Vita, nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Redazione 22.11.23
Maurice (1987)

FLAG, a Roma il festival della letteratura, della poesia, del cinema e dei media arcobaleno

Culture - Redazione Milano 12.9.23
Time for Change, Mahmood al Colosseo con Nicola Piovani e Annie Lennox: e la tv? - Time for Change Mahmood al Colosseo insieme a Nicola Piovani e Annie Lennox - Gay.it

Time for Change, Mahmood al Colosseo con Nicola Piovani e Annie Lennox: e la tv?

Musica - Redazione 7.9.23
Tango Queer Roma: il ballo fluido e liberato dagli stereotipi - maxresdefault - Gay.it

Tango Queer Roma: il ballo fluido e liberato dagli stereotipi

Culture - Emanuele Cellini 3.11.23
Florida legge anti-LGBT Gay.it

Roma, il Comune ipotizza corsi LGBTQIA+ nelle scuole. E la destra attacca

News - Redazione 20.10.23
Ferzan Ozpetek lancia Nuovo Olimpo: "Io non racconto gay o etero, racconto le persone come sono fatte, senza censure" - Nuovo Olimpo di Ozpetek - Gay.it

Ferzan Ozpetek lancia Nuovo Olimpo: “Io non racconto gay o etero, racconto le persone come sono fatte, senza censure”

Cinema - Federico Boni 22.10.23
Rainbow Awards 2023, la 2a edizione dedicata a Michela Murgia. Tra i premiati Elly Schlein, Gualtieri ed Emma Bonino - Rainbow Awards 2023 - Gay.it

Rainbow Awards 2023, la 2a edizione dedicata a Michela Murgia. Tra i premiati Elly Schlein, Gualtieri ed Emma Bonino

Culture - Federico Boni 8.11.23